Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Il telefonino che si ricarica con la voce
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze e nuove tecnologie
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Zeus News
Ospite





MessaggioInviato: 11 Dic 2008 23:24    Oggetto: Il telefonino che si ricarica con la voce Rispondi citando

Commenti all'articolo Il telefonino che si ricarica con la voce
Più si parla e più la batteria si ricarica, grazie all'impiego di materiali piezoelettrici.


Foto di Philip Date
Top
joker87
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 23/05/08 08:32
Messaggi: 166

MessaggioInviato: 12 Dic 2008 11:00    Oggetto: Dubito sia così efficiente! Rispondi citando

Citazione:
In questo modo si potrebbero creare dei telefonini che ricaricano le proprie batterie tramite la voce dei loro proprietari, ma lo stesso principio si potrebbe applicare a svariati altri dispositivi portatili, come i lettori Mp3, le videocamere compatte o addirittura i laptop.


Se la tecnologia fosse d'avvero così efficiente allora si potrebbe avvicinare le cuffie dell'mp3 al microfono e farlo autoricaricare fornendo un moto perpetuo...

Comunque se funziona conosco alcune persone che hanno una resistenza vocale e una potenza in decibell da non rischiare di rimanere col cell spento... Laughing
Top
Profilo Invia messaggio privato
chemicalbit
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/04/05 17:59
Messaggi: 18597
Residenza: Milano

MessaggioInviato: 12 Dic 2008 12:54    Oggetto: Macché "moto perpetuo" Rispondi citando

joker87 ha scritto:
Se la tecnologia fosse d'avvero così efficiente allora si potrebbe avvicinare le cuffie dell'mp3 al microfono e farlo autoricaricare fornendo un moto perpetuo...
Non è un "moto perpetuo", fornisci energia dall'esterno (tu, coi tuoi muscoli della bocca e della gola, alle cui cellule forniscono energia le proteine, carboidrati e lipidi che mangi).

Se avesse scoperto il "moto perpetuo" gli avrebbero dato il Nobel ... con premiazione strordinaria d'urgenza Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato
mauro_mbf1948
Dio minore
Dio minore


Registrato: 18/03/08 05:06
Messaggi: 742
Residenza: genova

MessaggioInviato: 25 Dic 2008 02:46    Oggetto: Re: Macché "moto perpetuo" @ joker87 Rispondi

Tutti dimenticano che non si può usare più energia di quella che si produce o che si ha a disposizione.-

Si avrebbe uno scaricamento identico progressivo perchè per produrre energia con materiali piezoelettrici, si usa il sistema usato nel microfono piezoelettrico, nelle testine dei primi giradischi, di classe media o bassa, che non necessitano di equalizzatore, nelle cuffie, in certi trasduttori hi fi e in molti sensori di pressione usati sia nell'industria, fino all'esempio più banale ad esempio nelle stazioncine barometriche meteorologiche più o meno costose che vengono abitualmente vendute, in cui un sensore di pressione converte le variazioni trasmettendole a display come valori e icone.-

Nel materiale piezoelettrico, SOTTOPOSTO A DEFORMAZIONE dalle onde sonore in questo caso, la corrente ottenuta sarebbe alternata, ed a frequenza variabile, a seconda di chi parla, ed influenzate anche da rumori esterni, da raddrizzare, e fornire alla batteria. Il raddrizzamento già diminuisce la tensione perchè mentre il diodo raddrizza la corrente fermando una semionda, per essere utilizzabile a sufficienza dovrebbe essere a ponte di diodi od almeno con due diodi, per sfruttare le due semionde mettendole in fase fra loro ed ottenendo una forma di corrente unidirizionale pulsante.-

Da questa bassissima tensione ottenuta dovremmo sottrarre la caduta di tensione causata dalle giunzioni dei diodi al silicio (0,7 Volt cadauna) o di 0,2 - 0,3 Volt nel caso di diodi al germanio.-

Ma questo dispositivo dovrebbe comportare una schermatura, ossia un livellamento con condensatori elettrolitici, perchè le variazioni di tensione continue disturberebbero a causa del ripple residuo il circuitino audio amplificatore del telefonino con un ronzio od un fischio a seconda delle frequenze, quindi l'utilizzo di condensatori, che a loro volta dissipano nel dielettrico energia, e con il tempo scaricandosi disperdono, sarebbe necessario.-

Non serve raddrizzare la tensione di carica della batteria, che non ne avrebbe assolutamente bisogno, infatti è sufficiente che sia unidirezionale pulsante o continua, ma proprio per evitare disturbi all'amplificatore è necessario un livellamento della tensione con condensatori.-

Se avete provato a guardare dentro al caricabatterie del telefonino (da rete, non da auto che ha un microinverter dentro) troverete di solito:

Un Condensatore ad alto isolamento (400 V minimo) di tipo poliestere od a carta, non elettrolitico di alta capacità (da almeno 0,33 Microfarad), per caduta di tensione a mezzo reattanza capacitiva; Una resistenza in serie da almeno 2.200 Ohm per non avere un cortocircuito nel condensatore quando scarico riceve la tensione di rete;
Un diodo raddrizzatore se si raddrizza una sola semionda, (o forse due se a doppia semionda) più un condensatore elettrolitico di livellamento per evitare ronzii.-
Un euro di materiale in tutto venduto a 10 euro almeno.-
Per bassissimi prelievi di corrente non si usano più i trasformatori ormai. Troppo costosi.

Schermare, tornando al discorso di prima, significa ridurre ulteriormente l'energia utilizzabile, già esigua.

Che servirebbe la voce, visto che a meno di essere sulla Luna, siamo attorniati da rumori? Anche essi azionano i microfoni lo si sa. Ci avrebbero pensato prima, non vi pare?

Il gioco vale la candela? Inoltre anche se siamo un popolo di chiacchieroni, se fosse vero avremmo persone che avrebbero sempre il cellulare scarico e gente che fulminerebbe le batterie con una voce stentorea come la mia (fortissima vuol dire, da Stentore, non confondete con stentata)

I cantanti lirici avrebbero sempre il cellulare carico...allora? ah ah ah!

E che dire di coloro che usano i martelli pneumatici? Che lavorano in un cantiere? In una officina rumorosa? In un locale caldaie di un'industria?

Cerchiamo di essere meno ridicoli e più pratici. Come esperimento lo vedo, ma come la fine dei consumi di batterie anche quelle ricaricabili...ehm..ehm... proprio no.- Troverei più utile e realizzabile come in certe calcolatrici ed orologi, inserire microcelle solari, ad alta efficienza.-

Oh...ricordatevi che l'idea è mia...non fatevi venire in mente di brevettarla! Ah ah ah!

Mauro
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail Yahoo MSN
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze e nuove tecnologie Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi