Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Auto, in arrivo la panacea elettrica
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze e nuove tecnologie
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
mda
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/11/06 09:39
Messaggi: 6648
Residenza: Figonia

MessaggioInviato: 30 Set 2009 02:06    Oggetto: Rispondi citando

{pippolo} ha scritto:
per alessandro: non sono un venditore di automobili, ma un semplice perito elettrotecnico, che qualcosa sui motori elettrici ha studiato, e posso assicurarti che alti rendimenti (>40%) si hanno solo con grossi motori con potenz nominale di oltre 2000 kW


Bocciato!

Anche i motorini dei floppy hanno rendimenti del 90%! Leggiti le specifiche o cambia professore!!!

Laughing

Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM
mda
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/11/06 09:39
Messaggi: 6648
Residenza: Figonia

MessaggioInviato: 30 Set 2009 02:26    Oggetto: Re: spostare il problema Rispondi citando

{pippolo} ha scritto:
Il vero problema e' che nessuno dice che l'80 per cento dell'energia elettrica e' prodotta* da centrali termoelettriche ( in pratica gruppi elettrogeni di grandi dimensioni). Questo vuol dire che invece di inquinare in citta' con le auto, si preferisce inquinare di piu' in periferia. Senza considerare poi l'inquinamento aggiuntivo prodotto dallo smaltimento delle batterie esauste. Che poi le auto attuali siano delle grosse stufe ambulanti, questo mi trova in tutto d' accordo anche se ultimamente si stanno facendo sforzi per ottimizzare i consumi e far salire il rendimento, nondimeno neanche si dice che un motore elettrico restituisce intorno al 30 percento dell'energia che consuma. Quindi prima di essere a favore di quella o quell'altra tecnologia bisogna fare un po' di conti.

*L'energia non si produce ma si trasforma



Perché è una mezza balla!

-Le centrali elettriche hanno potentissimi filtri (impensabili sull'auto in quanto grossi,pesanti e controllati da un tecnico) dunque 1000 volte meno inquinanti!
- Le centrali elettriche sono in pozioni lontano dalla città o paesi.
- Costa pochissimo trasmettere l'elettricità, mentre costa tantissimo trasportare liquidi con camion come la benzina.
-Le centrali elettriche hanno altissime efficienze perchè lavorano in velocità di crociera senza stop/go delle auto, spesso sono turbine che usano GAS o ad olio. Meno inquinamento
-Molta elettricità poi è di scarti di raffinazione o gas di scarto delle raffinerie! Economiche e basso inquinamento.
- Il motore elettrico è efficiente al 90%, il motore benzina solo 20% (25% Diesel) (sperimentali 30% ma è sempre una ciofeca) INOLTRE consumi benzina mentre freni, rallenti, vai in discesa, quando sei fermo, solo per scaldare il motore, ecc.! Meno inquinamento
- il motore benzina DEVE avere per raffreddare il motore delle prese d'aria che frenano il veicolo anche del 50%. Il motore elettrico minime o se messo nelle ruote = Nulle! Meno inquinamento
- Le batterie sono raccolte (galera chi non le riconsegna, è gratis) da enti che poi le riciclano totalmente! Meno inquinamento

Insomma le auto ad benzina hanno il vero rendimento del 5% alla fine se tenuto conto di tutti i fattori e inquinano 1000 e più volte rispetto all'auto elettrica.

Chi dice che il rendimento di un motore elettrico è dl 30% è perchè non possiede i minimi e legge i dati del 1900, ma siamo nel 2009 !!!

Perché hanno una percorrenza di solo 100/150km? perchè le batterie costano e più chilometri vuoi fare più batterie devi mettere!

Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM
gqn77
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 05/07/05 23:35
Messaggi: 113

MessaggioInviato: 08 Ott 2009 09:23    Oggetto: Rispondi citando

Un po di considerazioni da fare.

Si sposta il problema.

Vero verissimo MA. Ovvero la corsa all'elettrico serve per pulire l'aria delle città ma in ogni caso NON vuol dire che nessun petrolio verrà bruciato per produrre quell'energia. In ogni caso centrali che producono corrente dovranno produrne di più e bruciare di più. Allo stesso tempo tali centrali inquinano IN PROPORZIONE di meno di un motore a combustibile fossile abbattendo più inquinamento. Poi c'è la questione della resa che vediamo nel secondo punto.

Il motore elettrico ha una resa del 90%

Vero verissimo MA. Chi sostiene che a scuola la resa dei motori elettrici sia del 40% ha presente i motori elettrici che normalmente sono venduti a basso costo, per intenderci quelli con il loro bell'avvolgimento in rame che lavora al contrario di un generatore di corrente (e in teoria potrebbe anche prdurla la corrente). I motori attualemente su questi veicoli lavorano su concezioni diverse e raggiungono effettivamente le efficienze dichiarate. Il problema però è che a tale efficicenza va comunque sottratta l'efficienza delle centrali elettriche che l'hanno prodotta. Tale efficienza nelle NUOVE centrali (quindi ancora poco diffuse) raggiunge al massimo il 60%. Nelle vecchie è parecchio più basso e a questo va aggiunta tutta la dispersione necessaria alla distribuzione di tale corrente in giro per le varie colonnine e tutta la dispersione in calore che si ha durante la ricarica. Non mi stupirei se il bilancio energetico di una macchina elettrica la cui corrente arrivi da una centrale elettrica a combustibile fossile fosse MOLTO inferiore al 90%.

Le macchine elettriche non durano una fava. Vero. Io una macchina elettrica non la comprerei mai allo stato attuale delle cose. Vero che ogni giorno uso l'auto per meno di 20 Km (non serviti dai mezzi) ma almeno 2 volte a settimana per lavoro devo spostarmi di diverse centinaia di km. Mica posso fare 3 ore di soste all'autogrill nell'andare e 2 ore a tornare. La macchina elettrica è una seconda macchina o la macchina di una persona che normalmente non si muove (solo nei we, per andare a fare sport, mi ritrovo a fare 350 km). La cosa è però ovviabile con le macchine ibride, vero grimaldello tecnologico ed economico per incentivare l'adozione dell'auto elettrica. Le case produttrici comincerebbero a guadagnare i soldi veri, i servizi di ricarica auto comincerebbero a essere richiesti ed adottati e la gente vederebbe solo un vantaggio in più nell'elettrico ma mantenendo i vantaggi del distributore di benzina. Io non avrei nulla in contrario ad andare in giro per milano a batteria per 5 giorni a settimana e quando esco per lavoro fare 200 km a batteria POi passare alla benzina, arrivare in albergo, caricare durante la notte le batterie e avere altri 200 km di batteria per i miei scopi. Fra 20 anni l'efficienza delle batterie sarà tale che magari si potrà pensare di togliere il combustibile fossile ma se tutti, ogni settimana facessero 200 km in meno a benzina i vantaggi e ritorni sull'ambiente sarebbero enormi. Rimane il problema che quasi nessun ibrido permette la scelta fra i due sistemi di propulsione (come il gpl per intenderci) ma spesso l'elettrico "aiuta" il chimico.

Esiste poi un ultimo vantaggio dell'eletrico ovvero che NON tutta la corrente viene dalle centrali a combustibile fossile. In italia il discorso dell'efficienza che dicevo prima è reale (dato che da fonti veramente rinnovabili, tra cui l'italia mette assurdamente il metano per tirar su le statistiche, si produce un gran poco) ma in molte nazioni tale efficienza è enormemente innalzata dall'uso di vie alternative di produzione di energia elettrica. Se il mio motore ha un efficienza del 90% ma per riempire le batterie ho usato un pannello solare che me frega se il caricabatterie scalda? E che mi frega se anche l'efficienza di tale motore fosse solo del 40%. Si tratta solo di autonomia in meno ma non di inquinamento in più.

Quindi chi osanna l'elettrico non si rende conto che tale tecnologia NON è ancora pronta per l'adozione totale e che forse il bilancio energetico di un auto elettrica NON è così eccezionale a livello ambientale anche se potrebbe invece dare grossi vantaggi economici a chi lo utilizza.

Chi denigra il motore elettrico non si rende conto che tale tecnologia NON è da buttare via ma anzi da adottare in tutti i campi in cui possa essere applicata ovvero auto aziendali per lavoro in città, seconde auto "per fare la spesa". Tale adozione è sempre più necessaria ma perchè sia indolore bisogna cominciare a farlo ora e non quando non ci sarà più scelta. In molte condizioni offre già vantaggi al singolo e se unita alla lotta per avere fonti di energia rinnovabili potremmo veramente, nell'arco di una generazione vedere un nuovo modo di intendere i consumi per il trasporto.

Ovviamente IMHO
Top
Profilo Invia messaggio privato
mda
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/11/06 09:39
Messaggi: 6648
Residenza: Figonia

MessaggioInviato: 08 Ott 2009 13:53    Oggetto: Rispondi

Permetto di rettificare alcune cosette avendo lavorato come tecnico per un industria elettromeccanica.

gqn77 ha scritto:
Un po di considerazioni da fare.

Si sposta il problema.

Vero verissimo MA. Ovvero la corsa all'elettrico serve per pulire l'aria delle città ma in ogni caso NON vuol dire che nessun petrolio verrà bruciato per produrre quell'energia.

In ogni caso centrali che producono corrente dovranno produrne di più e bruciare di più. Allo stesso tempo tali centrali inquinano IN PROPORZIONE di meno di un motore a combustibile fossile abbattendo più inquinamento.


Una centrale non funziona ad benzina o gasolio (salvo rare eccezioni) ma GAS o oli-combustibili (spesso scarti delle raffinerie che una volta andavano buttati) con turbine iper-efficienti con super filtri ultra pesanti e complicati.
Insomma le Centrali elettriche fanno 1000 e volte meno inquinamento delle auto.
Questo è un dato inoppugnabile, ma se mettiamo le vecchie Centrali ad Carbone (come in Germania, Polonia) allora il discorso cambia, ma in Italia non ci sono!

gqn77 ha scritto:

Poi c'è la questione della resa che vediamo nel secondo punto.

Il motore elettrico ha una resa del 90%

Vero verissimo MA. Chi sostiene che a scuola la resa dei motori elettrici sia del 40% ha presente i motori elettrici che normalmente sono venduti a basso costo, per intenderci quelli con il loro bell'avvolgimento in rame che lavora al contrario di un generatore di corrente (e in teoria potrebbe anche prdurla la corrente).


Ancora con la bufala del 40% ??? I motori elettrici per autotrazione hanno efficienza di più del 90%! NON esisto (semmai nel 1920) motori con una resa cosi' bassa!!!
Quando avevo i motori elettrici Iugoslavi nel 1980 (per pompe), già da tempo avevano rese del 90%.

Se sento ancora qualcuno con questa storiaccia del 40% gli inchiodo le mani sulla tastiera!
Laughing Laughing Laughing

gqn77 ha scritto:

I motori attualmente su questi veicoli lavorano su concezioni diverse e raggiungono effettivamente le efficienze dichiarate. Il problema però è che a tale efficienza va comunque sottratta l'efficienza delle centrali elettriche che l'hanno prodotta. Tale efficienza nelle NUOVE centrali (quindi ancora poco diffuse) raggiunge al massimo il 60%. Nelle vecchie è parecchio più basso e a questo va aggiunta tutta la dispersione necessaria alla distribuzione di tale corrente in giro per le varie colonnine e tutta la dispersione in calore che si ha durante la ricarica. Non mi stupirei se il bilancio energetico di una macchina elettrica la cui corrente arrivi da una centrale elettrica a combustibile fossile fosse MOLTO inferiore al 90%.


Il motore è efficiente al 90% e più fin 98%.
la trasmissione elettrica è da 1 al 17% di perdita massima
Le centrali riciclano o usano gas o NON raffinano il petrolio, dunque quel 60% (diffusissime ma non in Italia) diventa 90% per efficienza di gestione.
Il caricabatterie è efficiente al 90% circa.
La batteria anche di circa 90% (dipende dall'uso)

Un auto tradizionale = Devi portagli la benzina/diesel, questo vuol dire
trasportarlo dal pozzo (quanto dista l'Arabia Saudita?) con condutture (è liquido non gas) o navi poi raffinare (perdita d'energia del 50%) il petrolio (e oli pesanti) e poi trasportarlo su camion su tutti i distributori. Senza contare che per i consumi NON devi accelerare (in nessun caso), NON devi superare la velocità massima, DEVI avere il motore già caldo ma non troppo, non puoi fermarti peggio sostare e la strada perfettamente piana!

Alla fine la perdita è maggiore per l'auto tradizionale!

NDR: Con il motore elettrico puoi accelerare (senza esagerare), puoi superare la velocità massima, puoi avere il motore già caldo o freddissimo, puoi fermarti o anche sostare e non serve la strada perfettamente piana, anzi se è discesa ricarica le batterie!

Notare che questo è il 80% e più dei casi in cui viaggia un auto!!!

gqn77 ha scritto:

Le macchine elettriche non durano una fava. Vero. Io una macchina elettrica non la comprerei mai allo stato attuale delle cose. Vero che ogni giorno uso l'auto per meno di 20 Km (non serviti dai mezzi) ma almeno 2 volte a settimana per lavoro devo spostarmi di diverse centinaia di km. Mica posso fare 3 ore di soste all'autogrill nell'andare e 2 ore a tornare. La macchina elettrica è una seconda macchina o la macchina di una persona che normalmente non si muove (solo nei we, per andare a fare sport, mi ritrovo a fare 350 km).


Un generatore da portarti dietro? Costa 2000euro e pesa sui 60kg e ricarichi al volo (anche durante) l'auto elettrica.

Mai sentito della ricarica veloce in 20minuti?

Poi ti devo dar ragione!

Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze e nuove tecnologie Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2
Pagina 2 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi