Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
* Quale modem Isdn per Linux?
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Linux
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Demalion
Mortale adepto
Mortale adepto


Registrato: 23/06/05 15:41
Messaggi: 31
Residenza: NCC-1701

MessaggioInviato: 30 Giu 2005 22:39    Oggetto: * Quale modem Isdn per Linux? Rispondi citando

Vorrei passare da Windows XP a Linux, l'unica cosa che prima incompatibile con Linux era il mio modem TA Isdn (Elsa Microlink Isdn Usb), che appunto per via del fatto che il produttore non ha mai rilasciato le specifiche, non era funzionante su Linux, né implementabile.

Adesso vorrei ricomprarlo, perché mi è diventato impossibile usarlo (è un disconnessione continua), molto probabilmente causa upgrade al SP2 (uso Windows XP Pro).

Siccome la mia conoscenza di Linux è praticamente nulla, volevo dei consigli da chi di voi è maggiormente esperto.
Quale modem mi consigliate?
Vorrei usare Mandrake o Suse, ma anche altre, non ho problemi.

Aspetto buone nuove.
Un aspirante utente Linux.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Gateo
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 17/11/03 18:16
Messaggi: 12379

MessaggioInviato: 01 Lug 2005 08:52    Oggetto: Rispondi citando

Qua trovi un elenco di tutto l'harware che sicuramente va bene per Linux; nel tuo caso specifico purtroppo e' un po' generico, riporta solo:
Citazione:
Modems - External
All 100% Hayes-compatible external modems that connect
via RS-232 serial port.

Modems - Internal
All 100% Hayes-compatible with hardware UART.

L'importante e' che non sia un winmodem, se ben ricordo.
Top
Profilo Invia messaggio privato
SverX
Supervisor Macchinisti
Supervisor Macchinisti


Registrato: 25/03/02 11:16
Messaggi: 10164
Residenza: Tokelau

MessaggioInviato: 01 Lug 2005 09:36    Oggetto: Rispondi citando

Credo che i winmodem siano solo interni... e comunque un "modem" ISDN non è veramente un modem perchè ISDN è digitale quindi, premesso tutto ciò, credo che un driver linux "generico" per Terminal Adapter ISDN vada bene...
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Demalion
Mortale adepto
Mortale adepto


Registrato: 23/06/05 15:41
Messaggi: 31
Residenza: NCC-1701

MessaggioInviato: 01 Lug 2005 14:07    Oggetto: Rispondi citando

Mi sarei orientato verso un Digicom Tintoretto, un TA ISDN esterno... acbhe perché ho la possibilità di acquistarlo a un prezzo vantaggioso.
Sul sito della Digicom, anche se non ci sono driver specifici, lo definiscono interoperabile Linux.

Siccome non ho nessuna esperienza in merito a come si installa hardware in Linux, è essenziale che ci siano i driver?
Comunque il Tintoretto non è un modello recentissimo, ha almeno 4 anni... pensate che possa andare sul sicuro?

Per un principiante quale distribuzione mi consigliate?

Grazie della vostra diponibilità. Very Happy
Top
Profilo Invia messaggio privato
The_Noise
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 27/04/05 15:35
Messaggi: 103

MessaggioInviato: 01 Lug 2005 16:39    Oggetto: Rispondi citando

Ho fatto una breve ricerca su internet e i driver ci sono per linux, quindi ti dovrebbe funzionare al volo (cioè senza installare niente di aggiuntivo) con qualsiasi distro moderna orientata al desktop. Il dovrebbe è d'obbligo dato che non ho mai provato personalmente un modem isdn.

Riguardo la distribuzione da installare io direi che la scelta oscilla tra Mandriva (ex Mandrake) e Ubuntu[1], con una propensione per la seconda.

Ubuntu ha il vantaggio di avere sia un livecd[2] che il cd di installazione[3] della _stessa_ versione della distribuzione. Questo vuol dire che facendo partire il livecd puoi vedere subito se tutto l'hardware sarà funzionate, e non avrai sorprese quando poi andrai ad installare sull'hard disk.

Ricordati che, soprattutto all'inizio, è molto consigliato partecipare ad una comunity di utenti della stessa distro in modo da poter chiedere informazioni e chiarimenti sui dubbi e/o i problemi che possono nascere. Per ubuntu il sito ufficiale della comunity italiana è:

http://www.ubuntuitalia.it/

da li trovi i link per il forum o per la mailing list (consigliata).

In bocca a lupo Wink

Sito Ufficiale di Ubuntu:
http://www.ubuntulinux.org/

Mirror italiano per scaricare le iso:
http://cdn.mirror.garr.it/mirrors/ubuntu-releases/hoary/


Bye
Top
Profilo Invia messaggio privato
Demalion
Mortale adepto
Mortale adepto


Registrato: 23/06/05 15:41
Messaggi: 31
Residenza: NCC-1701

MessaggioInviato: 02 Lug 2005 13:35    Oggetto: Rispondi citando

Ti ringrazio mille delle informazioni e della tua disponibilità.
Appena mi arriva il nuovo Modem proverò con il live CD di Ubuto a vedere se mi riconosce tutto.
Ciao Very Happy
Top
Profilo Invia messaggio privato
ZapoTeX
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 04/06/04 16:18
Messaggi: 2606
Residenza: Universo conosciuto

MessaggioInviato: 03 Lug 2005 18:04    Oggetto: Rispondi citando

Il forum di Ubuntu è il primo LinuxForum che vedo con una percentuale di topic non risposti inferiore al 10% e con una frequenza di postaggio decentemente elevata.

Potrei pensare di abbandonare Fedora, a patto che Ubuntu dia:

-update intelligente tipo yum
-un sacco di rpm sparsi per la rete che funzionano bene e subito
-sarebbe stupendo se ubuntu fosse più agile, leggero e quindi veloce dell'elefantiaco Fedora, che per un P3 o P4 con poca RAM è troppo.

Ciao!
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
The_Noise
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 27/04/05 15:35
Messaggi: 103

MessaggioInviato: 11 Lug 2005 09:47    Oggetto: Rispondi citando

ZapoTex ha scritto:
Il forum di Ubuntu è il primo LinuxForum che vedo con una percentuale di topic non risposti inferiore al 10% e con una frequenza di postaggio decentemente elevata.

Potrei pensare di abbandonare Fedora, a patto che Ubuntu dia:

-update intelligente tipo yum


Pensa che questi sistemi sono derivati da APT (Advanced Packet Manager) che esiste fin dagli albori di Debian. Quindi il così detto rpm-hell semplicemente non esiste in Debian e derivate (come ubuntu).
Citazione:

-un sacco di rpm sparsi per la rete che funzionano bene e subito


I pacchetti debian sono .deb non rpm. D'altronde l'archivio ufficiale contiene 15.000 pacchetti quindi, a differenza di redhat/fedora, trovi già tutto nella distro ufficiale (quando passai da rh8 a debian restai sconvolto dalla mole di sofware disponibile). Tutto ciò vale anche per ubuntu attivando il repository universe.

Citazione:

-sarebbe stupendo se ubuntu fosse più agile, leggero e quindi veloce dell'elefantiaco Fedora, che per un P3 o P4 con poca RAM è troppo.


Non avendo provato fedora non saprei fare un confronto ma probabilmente anche ubuntu (con gnome) è decisamente più leggera di fedora core 4.

Su macchine con poca ram (tipo 64MB) puoi installare un ambiente grafico più leggero di gnome come xfce4 che coniuga un ambiente davvero userfriendly (a differenza degli altri ambienti superleggeri che sono un pò ostici a volte) con un basso consumo di risorse.

Citazione:
Ciao!


Ciao!
Top
Profilo Invia messaggio privato
ZapoTeX
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 04/06/04 16:18
Messaggi: 2606
Residenza: Universo conosciuto

MessaggioInviato: 11 Lug 2005 13:25    Oggetto: Rispondi citando

Grazie delle info. Non ho capito bene per l'update intelligente: mi hai detto che non c'è o che c'è qualcosa di meglio? La seconda vero?

Ciao!
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
The_Noise
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 27/04/05 15:35
Messaggi: 103

MessaggioInviato: 11 Lug 2005 14:57    Oggetto: Rispondi

Risposta breve: la seconda.

Risposta lunga:
Volevo semplicemente dire che fino a qualche anno fa su redhat non c'era nessun gestore delle dipendenze, per cui se scaricavi un rpm poi dovevi anche trovare (a mano) tutti gli altri rpm che richiedeva (le dipendenze) che in certi casi potevano essere molti (era il così detto rpm hell).

In debian invece già da anni il sistema dei pacchetti (APT) gestiva le dipendenze automaticamente. Redhat non li implementava sul proprio sistema perchè voleva mantere il controllo sugli aggiornamenti (che permetteva tramite un servizio web) e alle aziende li faceva pagare.

Poi connectiva (una distro rpm based) fece il porting di apt per permettergli di gestire gli rpm (apt4rpm) e nacquero dei repository di rpm per redhat 8 e 9 compatibili con questo tool che permetteva di gestire le dipendenze.

Poi nacque fedora (che era pure il nome del repository per red hat più famoso) che incorporò questi strumenti in pianta stabile.

In conclusione il sistema di gestione delle dipendenze in fedora è derivato da debian, dunque c'è anche su debian e derivate.

(scusate mi sono fatto prendere la mano dai ricordi)


Bye
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Linux Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi