Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
L'asfalto che fa sciogliere neve e ghiaccio dalle strade
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze e nuove tecnologie
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Zeus News
Ospite





MessaggioInviato: 26 Dic 2016 20:00    Oggetto: L'asfalto che fa sciogliere neve e ghiaccio dalle strade Rispondi citando

Leggi l'articolo L'asfalto che fa sciogliere neve e ghiaccio dalle strade
Non c'è più bisogno degli spargisale.


 

 

Segnala un refuso
Top
jack.mauro
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 07/02/15 16:44
Messaggi: 102

MessaggioInviato: 27 Dic 2016 10:49    Oggetto: Rispondi citando

Forse in america, o almeno in francia dove hanno esubero di energia elettrica grazie alle centrali nucleari può essere un'idea accettabile (dire buona mi sembra esagerato), ma in italia sprecare l'elettricità per generare calore mi fa rabbrividire, e non di freddo.

La cosa triste è che anche le ferrovie studiano di utilizzare banchi di carico per far scorrere corrente nelle linee aeree e ridurre così la formazione di ghiaccio.

Chi paga questa elettricità?
Top
Profilo Invia messaggio privato
{aldolo}
Ospite





MessaggioInviato: 27 Dic 2016 12:29    Oggetto: Rispondi citando

i binari riscaldati non sono una novità, almeno per gli scambi. comunque non preoccupiamoci. si stanno sciogliendo pure le calotte polari.
Top
{yyyy}
Ospite





MessaggioInviato: 27 Dic 2016 15:56    Oggetto: Rispondi citando

660A? Se uno cade dallo scooter rischia di ritrovarsi cucinato!
Top
jack.mauro
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 07/02/15 16:44
Messaggi: 102

MessaggioInviato: 27 Dic 2016 21:19    Oggetto: Rispondi citando

Secondo un PDF trovato su internet, il sistema di controllo alimenta i pannelli in modo da limitare il consumo MEDIO a 452W/m² (Minimo 360, Massimo 560), distrubuiti su 52 pannelli che sembrano avere una dimensione di 1.2m × 4.1m.

La potenza massima teorica assorbita dal ponte sarebbe quindi 560 * 52 * 1.2 * 4.1 = 143270,4 Watt (ovvero 623A se fossero alimentati a 230V).
Top
Profilo Invia messaggio privato
{sirio}
Ospite





MessaggioInviato: 28 Dic 2016 12:57    Oggetto: Rispondi citando

Esiste da decenni il cemento/asfalto riscaldato con piccoli cavetti annegati direttamente nel materiale, usato principalmente per le rampe di accesso ai garage in aziende, ospedali ed edifici civili e militari.
Naturalmente è interessante l'idea del mix con acciaio o carbonio, ma comunque se volevano scaldare le strade sui ponti o in aree specifiche, avrebbero potuto farlo già da un pezzo, ad un costo per niente esagerato.
Quanto al consumo, come rilevato, solo chi ha centrali nucleari può permetterselo, e l'italia non ne ha, anche se ne è circondata.
In sostanza, credo che il problema del sale rimarrà ancora a lungo irrisolto.
Top
Cesco67
Dio minore
Dio minore


Registrato: 15/10/09 10:34
Messaggi: 975
Residenza: EU

MessaggioInviato: 29 Dic 2016 09:35    Oggetto: Rispondi citando

jack.mauro ha scritto:
Secondo un PDF trovato su internet, il sistema di controllo alimenta i pannelli in modo da limitare il consumo MEDIO a 452W/m² (Minimo 360, Massimo 560), distrubuiti su 52 pannelli che sembrano avere una dimensione di 1.2m × 4.1m.

La potenza massima teorica assorbita dal ponte sarebbe quindi 560 * 52 * 1.2 * 4.1 = 143270,4 Watt (ovvero 623A se fossero alimentati a 230V).
Essendo 220V trifase l'assorbimento max si aggira sui 377A

Poi non ho letto nell'articolo se è stata misurata la tensione di passo [*], che se non ricordo male le norme italiane non ammettono più di 50V per tale valore

[*]
La tensione di passo si misura fra 2 punti del terreno distanti 90cm (vado a memoria, potrebbe essere un'altra distanza ma in quell'ordine di grandezza)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Gladiator
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 05/12/10 20:32
Messaggi: 6675
Residenza: Purtroppo o per fortuna Italia

MessaggioInviato: 29 Dic 2016 14:42    Oggetto: Rispondi citando

In ogni caso resta comunque una soluzione adatta a siti ben selezionati e molto limitati anche per chi può produrre energia elettrica a basso costo - che comunque basso costo non è neppure nel caso del nucleare se si aggiungono ai costi del materiale fittile quelli di impianto, manutenzione e smaltimento - in definitiva il sale o la sabbia o il ghiaino resteranno in uso ancora per un bel po di tempo (IMHO).
Top
Profilo Invia messaggio privato
jack.mauro
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 07/02/15 16:44
Messaggi: 102

MessaggioInviato: 29 Dic 2016 14:49    Oggetto: Rispondi citando

Ciao, dal pdf non si capisce molto: in alcuni punti parlano di 600A a 208V senza specificare le fasi, in altri parlano di celle alimentate a 140V DC.... in ogni caso il dato importante non credo sia la corrente ma la potenza assorbita: troppa per un uso di massa almeno in italia.

La tensione di passo invece mi ha ricordato i tempi dell'ITIS, ovvero l'ultima volta che ho fatto elettrotecnica... quanti ricordi! Smile
Top
Profilo Invia messaggio privato
Milton
Semidio
Semidio


Registrato: 16/01/06 15:32
Messaggi: 208
Residenza: Paperopoli

MessaggioInviato: 29 Dic 2016 23:54    Oggetto: Rispondi

Mia nonna aveva lo scaldaletto...
Stesso principio: conduttori con una certa resistenza alla corrente elettrica annegati in una matrice inerte.
Sufficiente per un caldo teporino sopra al materasso, con qualche decina di watt.

Qui per circa 50 metri di strada (52 pannelli) vanno 143 KW.
Ma su questa strada/ponte dovranno fare sciogliere (lentamente, presumo, non come nel video) neve e ghiaccio o vogliono farci una grigliata?

Qualche dato scientifico: ho letto tempo fa che l'energia solare che arriva alla Terra (nella parte alta dell'atmosfera) corrisponde a circa 1,3Kw/m2 (costante solare).
Al suolo, anche nella fascia tra i tropici e l'equatore, ne arriva molto meno, alle latitudini europee anche meno della metà. Ciò nonostante anche da noi l'asfalto in estate diventa rovente, talvolta fino a fondere.

Insomma: si vuol fornire energia ad un tratto di strada molto, ma molto più di quanto non arroventerebbe il sole stesso. Non mi sembra 'sta' grande innovazione...

Old
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze e nuove tecnologie Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi