Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
* Sorpresa nella finanziaria: le biblioteche paghino
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Politica e dintorni
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
.stefano.
Ospite





MessaggioInviato: 13 Ott 2006 10:10    Oggetto: * Sorpresa nella finanziaria: le biblioteche paghino Rispondi citando

Attenzione: la nuova finanziaria (art 163, commi 7 e 8) abolisce il prestito gratuito di opere librarie nelle biblioteche pubbliche!
In passato i bibliotecari italiani avevano dato vita ad una campagna (la campagna Nopago),con una raccolta di fime, consegnate a Prodi quando era ancora alla Commissione europea...
Top
chemicalbit
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/04/05 17:59
Messaggi: 18597
Residenza: Milano

MessaggioInviato: 13 Ott 2006 10:36    Oggetto: Re: [ZN Staff ] Zeus Rispondi citando

.stefano. ha scritto:
In passato i bibliotecari italiani avevano dato vita ad una campagna (la campagna Nopago) ,con una raccolta di fime,
La famosa "Non pago di leggere"!

sul sito dell'inziativa non trovo citata quest'ultima bella Sad novità.
L'ultima pagina "il punto" è del ottobre/novembre 2005. Continuo a cercare.


L'ultima modifica di chemicalbit il 13 Ott 2006 11:34, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
Gateo
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 17/11/03 18:16
Messaggi: 12379

MessaggioInviato: 13 Ott 2006 11:05    Oggetto: Rispondi citando

Non ci credo, sta diventando il governo piu' "DRM friendly" della storia!
Ma sara' un errore, vediamo l'articolo:
art 163 ha scritto:
Art. 163 (Disposizioni in materia di beni culturali)
8. All'articolo 69 della legge 22 aprile 1941, n. 633 e successive modifiche e integrazioni, dopo il comma 1, sono aggiunti i seguenti commi: "1-bis Al fine di assicurare la remunerazione del prestito eseguito dalle biblioteche e discoteche di cui al comma 1, è istituito presso il Ministero per i beni e le attività culturali il Fondo per il diritto di prestito pubblico (di seguito denominato "Fondo"), con una dotazione di euro. 3.000.000,00.
1-ter. Il Fondo è ripartito dalla Società italiana Autori ed Editori (SIAE) tra gli aventi diritto, sulla base degli indirizzi stabiliti con Decreto del Ministro per i beni e le attività culturali, sentite la Conferenza Stato- Regioni e le associazioni di categoria interessate. Per l'attività di ripartizione spetta alla SIAE una provvigione, in misura non superiore allo 0,01 per cento del Fondo, a valere esclusivamente sulle risorse del medesimo.
1- quater. Le disposizioni di cui al presente articolo si applicano ai prestiti presso tutte le biblioteche e discoteche di stato e degli enti pubblici, ad eccezione di quelli eseguiti dalle biblioteche universitarie e da istituti e scuole di ogni ordine e grado.".

Ok, adesso ci credo.
Almeno col precedente governo potevamo prendercela con un decreto e con un Ministro precisi, qua e' tutto dentro il calderone della finanziaria!
Top
Profilo Invia messaggio privato
littlemauro
Eroe
Eroe


Registrato: 01/10/05 16:49
Messaggi: 74

MessaggioInviato: 14 Ott 2006 11:33    Oggetto: Rispondi citando

Non ho parole... Sad
Spero non passi inosservata la cosa...
Top
Profilo Invia messaggio privato
zaefich
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 08/01/06 13:12
Messaggi: 1149

MessaggioInviato: 18 Ott 2006 22:28    Oggetto: Rispondi citando

...scusate ragazzi, ma qualcuno mi sa spiegare dove avete letto che il prestito non è più gratuito?... ma sarò io che non capisco più l' italiano e mi sono bevuto il cervello?... qui sotto vi ricombino tutto l' articolo con la nuova aggiunta di questa finanziaria poi ditemi dove è scritto quello che tutti voi avete detto...


Una volta integrato, l' articolo 69 della legge 22 aprile 1941, n. 633 (sulla tutela dei diritti d' autore) passerà da così:

Art. 69

1. Il prestito eseguito dalle biblioteche e discoteche dello Stato e degli enti pubblici, ai fini esclusivi di promozione culturale e studio personale, non è soggetto ad autorizzazione da parte del titolare del relativo diritto, al quale non è dovuta alcuna remunerazione e ha ad oggetto esclusivamente:
a) gli esemplari a stampa delle opere, eccettuati gli spartiti e le partiture musicali;
b) i fonogrammi ed i videogrammi contenenti opere cinematografiche o audiovisive o sequenze d'immagini in movimento, siano esse sonore o meno, decorsi almeno diciotto mesi dal primo atto di esercizio del diritto di distribuzione, ovvero, non essendo stato esercitato il diritto di distribuzione, decorsi almeno ventiquattro mesi dalla realizzazione delle dette opere e sequenze di immagini.

2. Per i servizi delle biblioteche, discoteche e cineteche dello Stato e degli enti pubblici è consentita la riproduzione, senza alcun vantaggio economico o commerciale diretto o indiretto, in un unico esemplare, dei fonogrammi e dei videogrammi contenenti opere cinematografiche o audiovisive o sequenze di immagini in movimento, siano esse sonore o meno, esistenti presso le medesime biblioteche, cineteche e discoteche dello Stato e degli enti pubblici.

..a così:

1. Il prestito eseguito dalle biblioteche e discoteche dello Stato e degli enti pubblici, ai fini esclusivi di promozione culturale e studio personale, non è soggetto ad autorizzazione da parte del titolare del relativo diritto, al quale non è dovuta alcuna remunerazione e ha ad oggetto esclusivamente:
a) gli esemplari a stampa delle opere, eccettuati gli spartiti e le partiture musicali;
b) i fonogrammi ed i videogrammi contenenti opere cinematografiche o audiovisive o sequenze d'immagini in movimento, siano esse sonore o meno, decorsi almeno diciotto mesi dal primo atto di esercizio del diritto di distribuzione, ovvero, non essendo stato esercitato il diritto di distribuzione, decorsi almeno ventiquattro mesi dalla realizzazione delle dette opere e sequenze di immagini.
1-bis. Al fine di assicurare la remunerazione del prestito eseguito dalle biblioteche e discoteche di cui al comma 1, è istituito presso il Ministero per i beni e le attività culturali il Fondo per il diritto di prestito pubblico (di seguito denominato "Fondo"), con una dotazione di euro. 3.000.000,00.
1-ter. Il Fondo è ripartito dalla Società italiana Autori ed Editori (SIAE) tra gli aventi diritto, sulla base degli indirizzi stabiliti con Decreto del Ministro per i beni e le attività culturali, sentite la Conferenza Stato- Regioni e le associazioni di categoria interessate. Per l'attività di ripartizione spetta alla SIAE una provvigione, in misura non superiore allo 0,01 per cento del Fondo, a valere esclusivamente sulle risorse del medesimo.
1-quater. Le disposizioni di cui al presente articolo si applicano ai prestiti presso tutte le biblioteche e discoteche di stato e degli enti pubblici, ad eccezione di quelli eseguiti dalle biblioteche universitarie e da istituti e scuole di ogni ordine e grado.

2. Per i servizi delle biblioteche, discoteche e cineteche dello Stato e degli enti pubblici è consentita la riproduzione, senza alcun vantaggio economico o commerciale diretto o indiretto, in un unico esemplare, dei fonogrammi e dei videogrammi contenenti opere cinematografiche o audiovisive o sequenze di immagini in movimento, siano esse sonore o meno, esistenti presso le medesime biblioteche, cineteche e discoteche dello Stato e degli enti pubblici.

A me sembra che il governo costituisca lui un fondo di 3 milioni di euro che la Siae provvederà a distribuire agli aventi diritto sulle opere...
Dov' è scritto che il prestito delle opere sarà a titolo oneroso da parte degli utenti?.. Rolling Eyes
Top
Profilo Invia messaggio privato
chemicalbit
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/04/05 17:59
Messaggi: 18597
Residenza: Milano

MessaggioInviato: 18 Ott 2006 22:48    Oggetto: Rispondi citando

zaefich ha scritto:
A me sembra che il governo costituisca lui un fondo di 3 milioni di euro che la Siae provvederà a distribuire agli aventi diritto sulle opere...
Dov' è scritto che il prestito delle opere sarà a titolo oneroso da parte degli utenti?.. Rolling Eyes
Quindi per poteehé gli utenti/cittadini possano prendere in prestito libri nelle biblioteche, lo stato dovrà pagare (non sarà gratuito) la SIAE.
SIAE che i soldi del diritto d'autore ha già preso, pagati nell'acquisto del libro (e che per i libri non so, ma per la musica suonata nei loclai da ballo, chiese, esecuzioni pubblcihe, sottofondi musicali durante trasmisisoni radiotelevisive, ecc. ripartisce in modo "stravagante" .. .ricordo una puntata di una dlele prime stagioni di Report "Il sottofondo della SIAE" )
Top
Profilo Invia messaggio privato
zaefich
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 08/01/06 13:12
Messaggi: 1149

MessaggioInviato: 18 Ott 2006 23:23    Oggetto: Rispondi citando

chemicalbit ha scritto:
zaefich ha scritto:
A me sembra che il governo costituisca lui un fondo di 3 milioni di euro che la Siae provvederà a distribuire agli aventi diritto sulle opere...
Dov' è scritto che il prestito delle opere sarà a titolo oneroso da parte degli utenti?.. Rolling Eyes
Quindi per poteehé gli utenti/cittadini possano prendere in prestito libri nelle biblioteche, lo stato dovrà pagare (non sarà gratuito) la SIAE.
SIAE che i soldi del diritto d'autore ha già preso, pagati nell'acquisto del libro (e che per i libri non so, ma per la musica suonata nei loclai da ballo, chiese, esecuzioni pubblcihe, sottofondi musicali durante trasmisisoni radiotelevisive, ecc. ripartisce in modo "stravagante" .. .ricordo una puntata di una dlele prime stagioni di Report "Il sottofondo della SIAE" )


..neanche... leggi bene:

1. Il prestito eseguito dalle biblioteche e discoteche dello Stato e degli enti pubblici, ai fini esclusivi di promozione culturale e studio personale, non è soggetto ad autorizzazione da parte del titolare del relativo diritto, al quale non è dovuta alcuna remunerazione e ha ad oggetto esclusivamente:
a) gli esemplari a stampa delle opere, eccettuati gli spartiti e le partiture musicali;
b) i fonogrammi ed i videogrammi contenenti opere cinematografiche o audiovisive o sequenze d'immagini in movimento, siano esse sonore o meno, decorsi almeno diciotto mesi dal primo atto di esercizio del diritto di distribuzione, ovvero, non essendo stato esercitato il diritto di distribuzione, decorsi almeno ventiquattro mesi dalla realizzazione delle dette opere e sequenze di immagini.

..mi sembra che lo stato paghi i diritti solo sugli spartiti e partiture musicali, comma 1a, e sulle altre opere del comma 1b entro i primi 18 o 24 mesi... almeno così sembra... per i libri non vi è diritto di autore e l' autore non percepirà compensi, sottolineato..
Top
Profilo Invia messaggio privato
chemicalbit
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/04/05 17:59
Messaggi: 18597
Residenza: Milano

MessaggioInviato: 19 Ott 2006 09:09    Oggetto: Rispondi citando

zaefich ha scritto:
..neanche... leggi bene:
In effetti avevo letto qusi solo l'art. 1-bis (il resto di corsa).

Ma allora il "fondo" istituito dall'art. 1-bis a che serve?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Gateo
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 17/11/03 18:16
Messaggi: 12379

MessaggioInviato: 19 Ott 2006 09:44    Oggetto: Rispondi citando

Zaefich, ti spiego come la vedo io prendendo l'articolo modificato:

Citazione:
1. Il prestito eseguito dalle biblioteche e discoteche dello Stato e degli enti pubblici, ai fini esclusivi di promozione culturale e studio personale, non è soggetto ad autorizzazione da parte del titolare del relativo diritto, al quale non è dovuta alcuna remunerazione e ha ad oggetto esclusivamente:
Qua si precisa che all'Autore non verra richiesta l'autorizzazione e che sempre a quell'Autore non verra' pagato nulla: attenzione a quell'autore, perche' e' diverso dal soggetto SIAE.

Citazione:
1-bis. Al fine di assicurare la remunerazione del prestito eseguito dalle biblioteche e discoteche di cui al comma 1, è istituito presso il Ministero per i beni e le attività culturali il Fondo per il diritto di prestito pubblico (di seguito denominato "Fondo"), con una dotazione di euro. 3.000.000,00.
Questo e' il punto dolente: si stanziano 3 milioni di euro come remunerazione del prestito, soldi che prima non venivano spesi , che ti lascio immaginare da quali tasche provengano, e che ti faccio notare dove vanno a finire:
Citazione:
1-ter. Il Fondo è ripartito dalla Società italiana Autori ed Editori (SIAE) tra gli aventi diritto, sulla base degli indirizzi stabiliti con Decreto del Ministro per i beni e le attività culturali, sentite la Conferenza Stato- Regioni e le associazioni di categoria interessate. Per l'attività di ripartizione spetta alla SIAE una provvigione, in misura non superiore allo 0,01 per cento del Fondo, a valere esclusivamente sulle risorse del medesimo.
1-quater. Le disposizioni di cui al presente articolo si applicano ai prestiti presso tutte le biblioteche e discoteche di stato e degli enti pubblici, ad eccezione di quelli eseguiti dalle biblioteche universitarie e da istituti e scuole di ogni ordine e grado.
Vanno finire alla SIAE, la quale si becca uno 0,01% (300euro, giusto?) per fare cosa?
Per girare il resto dei soldi agli aventi diritto, in pratica a case editrici e discografiche a suo piacere.

Citazione:
2. Per i servizi delle biblioteche, discoteche e cineteche dello Stato e degli enti pubblici è consentita la riproduzione, senza alcun vantaggio economico o commerciale diretto o indiretto, in un unico esemplare, dei fonogrammi e dei videogrammi contenenti opere cinematografiche o audiovisive o sequenze di immagini in movimento, siano esse sonore o meno, esistenti presso le medesime biblioteche, cineteche e discoteche dello Stato e degli enti pubblici.
Qua se ho ben capito, si precisa che anche per biblioteche vale il diritto alla copia privata, da applicarsi rigorosamente come per i privati, ed e' quel
Citazione:
è consentita la riproduzione, senza alcun vantaggio economico o commerciale diretto o indiretto, in un unico esemplare


Citazione:
A me sembra che il governo costituisca lui un fondo di 3 milioni di euro che la Siae provvederà a distribuire agli aventi diritto sulle opere...
Dov' è scritto che il prestito delle opere sarà a titolo oneroso da parte degli utenti?.. Rolling Eyes
Da nessuna parte, al limite era un po' fuorviante il messaggio iniziale di Stefano: fatto sta che che il governo istituisce quel fondo di 3 milioni di euro che prima non esisteva, che quei soldi verranno girati a soggetti privati, le case editrici tramite la SIAE, e che quei soldi a tutti gli effetti sono di noi cittadini.
Top
Profilo Invia messaggio privato
zaefich
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 08/01/06 13:12
Messaggi: 1149

MessaggioInviato: 19 Ott 2006 14:49    Oggetto: Rispondi

chemicalbit ha scritto:
zaefich ha scritto:
..neanche... leggi bene:
In effetti avevo letto qusi solo l'art. 1-bis (il resto di corsa).

Ma allora il "fondo" istituito dall'art. 1-bis a che serve?


....forse solo a pagare i diritti sugli spartiti e partiture musicali, comma 1a, e sulle altre opere del comma 1b entro i primi 18 o 24 mesi... che probabilmente si sono aggiunti come servizi e su quelli non hanno potuto evitarlo... forse... certo che l' italiano da loro usato, non è che brilli molto...

Gateo poi ti rispondo... Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Politica e dintorni Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a 1, 2, 3, 4, 5, 6  Successivo
Pagina 1 di 6

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi