Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Vino....scelta unica, o cambiamo ad ogni portata?
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> La cucina dell'Olimpo
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
brain
Moderatore Cucina dell'Olimpo
Moderatore Cucina dell'Olimpo


Registrato: 15/09/05 14:07
Messaggi: 1279
Residenza: Romano a Dublino

MessaggioInviato: 22 Nov 2006 10:05    Oggetto: Vino....scelta unica, o cambiamo ad ogni portata? Rispondi citando

da qui

chemicalbit ha scritto:
Benny ha scritto:
Un pranzo degno di Lucullo bagnato da un solo vino?
Me ne sarei attesi almeno tre diversi!
Che c'è di male in un vino solo?

Anzi su questo ci sarebbe da aprire una discussione ...


come promesso a chemicalbit ecco il 3D per capire quali sono le varie filosofie.


inizio io.
io ricordo di aver iniziato ad apprezzare il vino una volta che sono andato a cena da un mio amico, il quale aveva una mamma cheffa che cucinava da dio, e ogni pietanza era accompagnata dal vino piu' indicato.
ricordo che si passava da bianco a rosso, per tornare al bianco passando dal rose'.
insomma un gran bel mix, ma e' stata un'esperienza mistica Drunk

se non sbaglio chemicalbit non e' della mia stessa opinione....

a te la linea
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Benny
Moderatore Hardware e Networking
Moderatore Hardware e Networking


Registrato: 28/01/06 14:35
Messaggi: 6382
Residenza: Non troppo vicino, mai troppo lontano

MessaggioInviato: 22 Nov 2006 13:26    Oggetto: Rispondi citando

Non c'è niente di male a bere lo stesso vino durante tutto il pasto, ma, a mio parere, l'abbinamento pietanza-vino è una delle cose che rende ancor migliore il piacere di mangiare.
Ogni pietanza viene esaltata negli aromi dal vino adatto, com'è anche vero il contrario.
Certi vini li apprezzi veramente solo se abbinati ad una certa pietanza.
Con un menù vario, è bello sperimentare gusti diversi anche nel bere.
Non sono un vero esperto di vini, anzi, tutt'altro, ma mi piace scoprire quale gusto possa avere il cibo accostato ad un buon vino.

Esistono anche vini da meditazione, che stanno bene anche e soprattutto da soli...
Top
Profilo Invia messaggio privato
zaefich
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 08/01/06 13:12
Messaggi: 1149

MessaggioInviato: 23 Nov 2006 19:28    Oggetto: Rispondi citando

Penso che: intanto il menu descritto da Solaria sembra essere un menu a buffet, quanto meno negli antipasti, se poi il resto è stato servito a tavola, vabbe'... e come componenti di un pasto, è un elenco poco logico. E' un pranzo "quantitativo" nel quale ci sono pietanze che mal si accordano tra loro, quindi difficile abbinargli dei vini.
Ritengo che tutti gli elementi di un pasto debbano essere in armonia tra loro ed in particolare va armonizzato il passaggio tra una portata e l' altra.
Se ad esempio la dominante è pesce, si deve stare molto attenti alle portate di carne o formaggi (e anche dolci e frutta finale) ed ai primi e antipasti che non contengono pesce, che non stridano con la linea che si segue.
Quanto ai vini, durante il pasto non si dovrebbe andare oltre i due, bianco e rosso (con varianti uniche rosée), considerare poi che il primo è una bevanda (con molto carattere) e il secondo è un alimento (con anche più carattere) e che sia prima di bere vino (in modicissima quantità) che prima di mangiare una portata si dovrebbe pulire il palato con del pane sciapo (pref. toscano..) e bere acqua. Il pranzo migliore è quello a base di sola acqua durante ogni portata, con degustazione del vino solo alla fine della stessa per "compensare" componenti troppo importanti (grasso, amaro, dolce...) seguito da acqua di nuovo.
Alcuni non ne bevono che alla fine dell' intero pasto o addirittura solo fuori dai pasti.
Il tutto solo a titolo personale, ovviamente, ma sono per la purezza dei sapori, non per la loro contaminazione o alterazione.
Da tenere presente che il vino, e qualsiasi alcolico, fanno sempre e comunque male alla salute, anche in modica quantità, perché molecole totalmente estranee all' organismo umano.
Però a me mi piace assai un goccetto ai pasti... Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato
Benny
Moderatore Hardware e Networking
Moderatore Hardware e Networking


Registrato: 28/01/06 14:35
Messaggi: 6382
Residenza: Non troppo vicino, mai troppo lontano

MessaggioInviato: 23 Nov 2006 20:18    Oggetto: Rispondi citando

Certo che messa così...
E' vero che il vero estimatore di vini alterna ongi sorsata (e non di più) con dell'acqua o pane. Ed è anche vero ciò che dici riguardo al bere vino durante i pasti.
Ma è altrettanto vero che chi ama (non stima) il buon vino, apprezza l'abbinamento di gusti bevanda-cibo.
Rispetto all'acqua, che lava letteralmente i sapori, il vino li accompagna. Non è detto che li esalti o li modifichi sostanzialmente, ma è pur sempre vero che il vino giusto può creare un'ottima combinazione di sapori.
E per apprezzarlo confermo che dovrebbe essere bevuto con moderazione.

Quanto al menù descritto da Solaria, non sono uno chef, e non mi sono messo ad analizzare portata per portata, ma visto che me lo fai notare, in effetti sembra un menù da buffet, soprattutto a giudicare dalla quantità di dolci (che solitamente non superano le due portate, al massimo un tris)
Top
Profilo Invia messaggio privato
zaefich
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 08/01/06 13:12
Messaggi: 1149

MessaggioInviato: 23 Nov 2006 23:05    Oggetto: Rispondi citando

Benny ha scritto:
...Rispetto all'acqua, che lava letteralmente i sapori, il vino li accompagna. Non è detto che li esalti o li modifichi sostanzialmente, ma è pur sempre vero che il vino giusto può creare un'ottima combinazione di sapori.
E per apprezzarlo confermo che dovrebbe essere bevuto con moderazione.


Siamo d' accordo su quasi tutto.. Very Happy . Preciso meglio che lo scopo dell' acqua non deve essere quello di diluire i sapori, nel senso che, se prima di mangiare una amatriciana bella grassa, saporita, con tanto di parmigiano e pecorino (che quello romano è troppo salato), con pezzetti di prosciutto insieme al guanciale... pulisci il palato con acqua, riesci a gustare meglio il vero sapore senza mischiarlo agli altri... Lo stesso il vino... basta provare ad assaggiare qualcosa con la bocca pulita e memorizzare il sapore, poi bere del vino e subito appresso mangiare lo stesso alimento... ovviamente cambia... (per non parlare di chi oltre a fumare normalmente, fuma anche durante i pasti Rolling Eyes ... pensa che occorrono circa sei mesi per recuperare alla normalità le papille gustative...). Lo scopo del vino, buono e con moderazione, come anche tu dici, è quello di equilibrare i sapori, separatamente dagli stessi... tipo sgrassare la bocca prima di lavarla con acqua per poi gustare un' altra pietanza... non so se sono stato chiaro.. C' è da dire che a volte mi piace anche innaffiare il tutto con il sapore del vino, ma lo bevo talmente di rado.. e comunque nei pranzi "veri" degusto tutto con attenzione.. Wink


solaria ha scritto:
Quanto al menù descritto da Solaria, non sono uno chef, e non mi sono messo ad analizzare portata per portata, ma visto che me lo fai notare, in effetti sembra un menù da buffet, soprattutto a giudicare dalla quantità di dolci (che solitamente non superano le due portate, al massimo un tris)


..è che solaria prima s' abbuffa, poi je fa male la panza!... Very Happy
Top
Profilo Invia messaggio privato
noa
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 08/11/06 01:14
Messaggi: 169
Residenza: onlineofcourse

MessaggioInviato: 24 Nov 2006 20:09    Oggetto: Rispondi citando

non so dove abita solaria, ma direi che è un tipico, ottimo, menù della zona di asti/langhe.

sulla "povertà" del vino offerto, a fronte di un menù così completo, ho delle perplessità anche io Smile

però le ho anche sul cambiare vino ad ogni portata...
di solito, quando mi capita di decidere un menù, penso parallelamente al vino da accostare, cioè non ci penso dopo, accoppiando il vino a mo' di accessorio, ma lo penso come parte integrante (chissà se mi sono spiegata... Rolling Eyes).

per quel menù, cmq, io avrei servito:

- antipasti: un bianco cinqueterre (una scelta azzardata, lo so, per dei piatti langaroli, ma provare per credere...)
- primi: un dolcetto o un barbera d'asti (quello che in effetti è stato servito)
- secondi: meritano un vino più corposo... gli invitati apprezzeranno un barolo, o forse meglio, un buon barbaresco?
- dolci: qui non si scappa, due vini in tavola e la scelta ai commensali... una bottiglia di moscato (bianco non spumante), e una di brachetto.

bene la sambuca, brutta storia il limoncello (nn c'entra nulla... meglio il liquore al latte allora, se si ha voglia di stordire qualcuno Twisted Evil )

cin cin!
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Benny
Moderatore Hardware e Networking
Moderatore Hardware e Networking


Registrato: 28/01/06 14:35
Messaggi: 6382
Residenza: Non troppo vicino, mai troppo lontano

MessaggioInviato: 24 Nov 2006 20:49    Oggetto: Rispondi citando

noa ha scritto:
però le ho anche sul cambiare vino ad ogni portata...

Cambiare ad ogni portata è una cosa che normalmente non si fa... E' una cosa da raffinati (o finti raffinati). Di solito capita quando protagonista è il vino stesso, ma allora non si mangia bufalo arrosto...

noa ha scritto:
- antipasti: un bianco cinqueterre (una scelta azzardata, lo so, per dei piatti langaroli, ma provare per credere...)
- primi: un dolcetto o un barbera d'asti (quello che in effetti è stato servito)
- secondi: meritano un vino più corposo... gli invitati apprezzeranno un barolo, o forse meglio, un buon barbaresco?
- dolci: qui non si scappa, due vini in tavola e la scelta ai commensali... una bottiglia di moscato (bianco non spumante), e una di brachetto.

Questo intendevo, cambiare tra antipasto, primo e secondo.
In questo modo vale anche quel che diceva Zae sull'armonia tra le pietanze: un vino va bene per tutti i primi o per tutti i secondi.

zaefich ha scritto:
Preciso meglio che lo scopo dell' acqua non deve essere quello di diluire i sapori

Non intendevo questo.
Volevo dire che lo scopo dell'acqua è, in un certo modo, quello di "resettare" il sapore, in modo da gustare ogni successivo boccone, cosa che il vino non fa di certo...
Anche quando si beve whiskey è buona norma alternare con dell'acqua, in modo da gustare meglio ogni sorsata (e non prendere subito la ciucca! Wink )

Comunque fino ad ora ho forse dato l'impressione di essere quasi un sommelier... direi tutto l'opposto, visto che normalmente adoro le grigliate con un unico vino d.o.p. (di occulta provenienza)!
Top
Profilo Invia messaggio privato
zaefich
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 08/01/06 13:12
Messaggi: 1149

MessaggioInviato: 24 Nov 2006 22:21    Oggetto: Rispondi citando

noa ha scritto:
- dolci: qui non si scappa, due vini in tavola e la scelta ai commensali... una bottiglia di moscato (bianco non spumante), e una di brachetto.

bene la sambuca, brutta storia il limoncello (nn c'entra nulla... meglio il liquore al latte allora, se si ha voglia di stordire qualcuno Twisted Evil )

cin cin!


Per me:
-per i dolci manca il secco, preferisco il Carpenè Malvolti, prosecco di Valdobbiadene, quello più economico oppure il Cartizze... la funzione è sempre quella di compensare il grasso di burro e panna... ma anche gli abboccati vanno bene, splendidissimo il Sagrantino, passito abboccato, che lascia un retrogusto asciutto, ottimo con i tozzetti (o cantucci..)
-sambuca, uno dei peggio mattoni da ingurgitare.. Rolling Eyes ..limoncello, solo di Capri, magari in crema se proprio si vuol andare sul lattiginoso.. Wink
Il massimo che bevo come ammazzacaffè è mezzo Fernet Branca... Very Happy
Top
Profilo Invia messaggio privato
zaefich
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 08/01/06 13:12
Messaggi: 1149

MessaggioInviato: 24 Nov 2006 22:24    Oggetto: Rispondi citando

Benny ha scritto:
zaefich ha scritto:
Preciso meglio che lo scopo dell' acqua non deve essere quello di diluire i sapori

Non intendevo questo.
Volevo dire che lo scopo dell'acqua è, in un certo modo, quello di "resettare" il sapore, in modo da gustare ogni successivo boccone, cosa che il vino non fa di certo...


..per quello non ci capivamo... Very Happy ..porzioni ridotte, ovviamente, e bere prima e dopo una pietanza, non tra un boccone e l' altro.. Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato
noa
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 08/11/06 01:14
Messaggi: 169
Residenza: onlineofcourse

MessaggioInviato: 25 Nov 2006 00:50    Oggetto: Rispondi

zaefich ha scritto:
noa ha scritto:
- dolci: qui non si scappa, due vini in tavola e la scelta ai commensali... una bottiglia di moscato (bianco non spumante), e una di brachetto.

bene la sambuca, brutta storia il limoncello (nn c'entra nulla... meglio il liquore al latte allora, se si ha voglia di stordire qualcuno Twisted Evil )

cin cin!


Per me:
-per i dolci manca il secco, preferisco il Carpenè Malvolti, prosecco di Valdobbiadene, quello più economico oppure il Cartizze... la funzione è sempre quella di compensare il grasso di burro e panna... ma anche gli abboccati vanno bene, splendidissimo il Sagrantino, passito abboccato, che lascia un retrogusto asciutto, ottimo con i tozzetti (o cantucci..)
-sambuca, uno dei peggio mattoni da ingurgitare.. Rolling Eyes ..limoncello, solo di Capri, magari in crema se proprio si vuol andare sul lattiginoso.. Wink
Il massimo che bevo come ammazzacaffè è mezzo Fernet Branca... Very Happy


essissì, infatti sui gusti non si discute Smile
ho eliminato il limoncello solo perché non aderente alla tradizione tipica del luogo d'origine del menù.
come vedi ho anche definito azzardata la scelta del cinqueterre...
io credo che se si decide di servire un menù regionale, un traditional, per coerenza anche i vini dovrebbero essere quelli originali Smile
e lo stesso per i "pusacafè" (= spinge giù il caffè: liquore che viene servito dopo): mentre la sambuca fa parte della tradizione piemontese, il limoncello è solo un acquisto recente.

ovviamente sono problemi che nn mi starei a porre con un menù misto, cioè un menù con ricette non dichiaratamente regionali o provenienti da diverse regioni.
su questo, ovviamente, si può discutere... riconosco di essere un po' troppo "purista" in certi frangenti Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> La cucina dell'Olimpo Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi