Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Il Ceo di Ubuntu: "Non lo facciamo per soldi"
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> *Ubuntu
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Zeus News
Ospite





MessaggioInviato: 28 Ott 2008 16:18    Oggetto: Il Ceo di Ubuntu: "Non lo facciamo per soldi" Rispondi citando

Commenti all'articolo Il Ceo di Ubuntu: "Non lo facciamo per soldi"
Canonical, la società dietro la distribuzione, continua a registrare perdite eppure Mark Shuttleworth è convinto che sia questa la strada giusta: i soldi si fanno vendendo servizi, non licenze. Microsoft stia attenta.



Top
{Minno}
Ospite





MessaggioInviato: 28 Ott 2008 17:38    Oggetto: Il fallimento del free software Rispondi citando

Bene, la leggenda che "si guadagna coi servizi, non col software" è ora una ufficialmente fesseria certificata dai suoi stessi sostenitori.
Top
{ken}
Ospite





MessaggioInviato: 29 Ott 2008 00:46    Oggetto: ah, capisco... Rispondi citando

Sono un po' di anni che mi guadagno la pagnotta rilasciando il mio software con licenza BSD.

Dici che devo smettere, Minno?
Top
franz
Dio minore
Dio minore


Registrato: 25/05/05 16:12
Messaggi: 776
Residenza: Lac Majeur

MessaggioInviato: 29 Ott 2008 08:24    Oggetto: Rispondi citando

Sono anni che i servizi sono la parte più redditizia della mia attività. Dici che devo smettere?

...forse le dinamiche di aziende come Canonical non sono come le piccole realtà a cui siamo abituati, certo è che un modello come il loro avrà ragione di essere quando l'adozione di Linux sarà più profonda soprattutto in ambito aziendale. Sono ovviamente le aziende, soprattutto se grandi, che sono disposte a pagare per canoni di assistenza.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Danielix
Amministratore
Amministratore


Registrato: 31/10/07 15:30
Messaggi: 8497
Residenza: Hinter dem Horizont.

MessaggioInviato: 29 Ott 2008 09:46    Oggetto: Rispondi citando

Cos'è, Minno, ti fa paura che possa davvero esistere gente con le mani "pulite"?

Come godo...
Certo che il piccolo Pinguino sta davvero seminando il panico tra gli "squali"...
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
zius
Dio minore
Dio minore


Registrato: 17/09/05 19:33
Messaggi: 626
Residenza: Mediterraneo

MessaggioInviato: 29 Ott 2008 10:05    Oggetto: Re: Il fallimento del free software Rispondi citando

{Minno} ha scritto:
Bene, la leggenda che "si guadagna coi servizi, non col software" è ora una ufficialmente fesseria certificata dai suoi stessi sostenitori.
mi pare che l'articolo dica esattamente l'opposto e che lo stesso Shuttleworth non sia minimamente impensierito dalla situazione attuale: è stato preventivato (ovviamente!) che gli utili arriveranno col tempo, i primi anni non sono una perdita ma un investimento che frutterà nel futuro e che, basandosi su servizi, non subirà mai l'obsolescenza di un software; i servizi saranno sempre richiesti purchè sempre in linea con lo sviluppo di nuove tecnologie.

E' un modo di fare impresa IT ben diverso a quello cui ci hanno abituati ma niente paura: funziona (sempre che a cimentarsi siano persone qualificate e preparate e non venditori da baraccone, che cercano di colpire il pubblico con spot e presentazioni holliwoodiane) 8)



EDIT:
non avevo ancora letto questo articolo!
zeusnews ha scritto:
Microsoft sembrerebbe quindi intenzionata a cambiare il proprio modello di business, trasformandosi gradualmente in un fornitore di servizi.
Laughing
Top
Profilo Invia messaggio privato
joker87
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 23/05/08 08:32
Messaggi: 166

MessaggioInviato: 29 Ott 2008 10:19    Oggetto: Re: Il fallimento del free software Rispondi citando

{Minno} ha scritto:
Bene, la leggenda che "si guadagna coi servizi, non col software" è ora una ufficialmente fesseria certificata dai suoi stessi sostenitori.


Red Hat e Suse campano da anni però, e visto che esistono versioni gratuite dei loro SO, cioè Fedora e openSuse, il loro guadagno deriva dai servizi che danno.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Puppybarf
Semidio
Semidio


Registrato: 17/10/05 10:22
Messaggi: 206
Residenza: Benevento

MessaggioInviato: 31 Ott 2008 18:29    Oggetto: Rispondi citando

Io sono FERMAMENTE convinto che si possa campare con la sola assistenza.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage Yahoo MSN
MK66
Moderatore Sistemi Operativi
Moderatore Sistemi Operativi


Registrato: 17/10/06 22:24
Messaggi: 8453
Residenza: dentro una cassa sotto 3 metri di terra...

MessaggioInviato: 31 Ott 2008 21:43    Oggetto: Rispondi citando

Fallimento del free software? Shocked

Non c'è nulla in tutto il discorso di Mark Shuttleworth che faccia presumere una cosa simile.

In ogni caso, nella più catastrofica delle previsioni, potrebbe fallire la Canonical... potrebbe non esserci una ulteriore distribuzione di Ubuntu, ma Ubuntu è solo una delle innumerevoli distribuzioni di Linux, che continuerebbe comunque a esistere... in fondo Linux esiste anche grazie a una comunità, mica solo a un'azienda che, in caso di fallimento, sparirebbe lasciando nella merda tutti quelli che hanno acquistato il loro sistema operativo... (una cosa simile è più probabile per quanto riguarda altri sistemi operativi basati su un'unica azienda...) Twisted Evil
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
nino.dago
Semidio
Semidio


Registrato: 06/09/07 14:59
Messaggi: 232

MessaggioInviato: 25 Nov 2008 13:40    Oggetto: Rispondi

secondo me il giusto sta sempre in mezzo. come non si può vivere solo di licensing, credo non si possa neanche vivere di open source puro, se vogliamo dirla tutta. parliamoci chiaro: è normale che un'azienda abbia remore ad utilizzare un ERP aperto e manipolabile da chiunque piuttosto che affidarsi al software proprietario di qualcuno che fa solo quello. almeno in partenza c'è qualche protezione in più in termini di vulnerabilità dello strumento. ovviamente questa non vuole essere una realtà assoluta, anche perché personalmente stimo la realtà opensource e credo che debba essere valorizzata sempre di più.
ma credo anche sia inutile demonizzare Microsoft anche quando a parlare è il CEO di Canonical. in fin dei conti, Microsoft ha avuto un'alta capacità penetrativa, al di là del marketing aggressivo, soprattutto perché gli utenti ritenevano userfriendly la loro interfaccia grafica e in generale la manutenzione del sistema, cosa che comunque rimane tale tuttora, seppur con qualche eccezione.
che poi un utente Microsoft non debba avere le fette di prosciutto sugli occhi ed evitare di far finta che Vista non sia una svista, è lampante! ciò nonostante, il punto di forza che ha permesso a Microsoft di monopolizzare il mercato è reale, tangibile.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> *Ubuntu Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi