Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
* Una distribuzione per iniziare
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Linux
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Eretico
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 28/07/10 09:54
Messaggi: 120

MessaggioInviato: 22 Set 2010 13:58    Oggetto: * Una distribuzione per iniziare Rispondi citando

Ciao a tutti, dopo anni che lo dico (ah, la pigrizia!! Rolling Eyes ) ho deciso di cominciare a provare Linux.
Col pc mi so districare abbastanza, ma non avendo mai usato/visto Linux ed essendo del tutto digiuno dell'argomento avrò bisogno del vostro indispensabile supporto.

Innanzitutto:
Per muovere i miei primi passi nel mondo di Linux ho deciso di riesumare il vecchio pc; Il pc è così configurato:
Pentium 3 866Mhz.
Ram: 256MB (o almeno così ricordo Embarassed )
Scheda grafica Nvidia (il modello chi se lo ricorda, lo "riscoprirò" stasera)
2 dischi ide (non ricordo se da 80 o 160GB, comunque abbastanza da quello che ho letto).
Sul pc è installato un windows ME - o windows inchiodo come lo avevo definito all'epoca Evil or Very Mad ); per il momento volevo tenere il me sul primo disco - almeno fino a quando non sarò "padrone" di Linux vorrei avere una chance di accedere in un'ambiente che conosco!) e installare una distribuzione sul secondo, poi invertendo l'ordine di boot dal bios posso partire direttamente con Linux.
Mi sono letto un po' delle "guide" che ho trovato qui sul forum, stasera o domani, quando comincerò il lavoro, mi potrò basare su quelle, ma nel frattempo ho una domanda fondamentale: quale distribuzione (e dove la pesco esattamente) in base alle caratteristiche del pc?
Tenete conto che per il momento non ci devo fare nulla di particolare, mi basterebbe un pc da uso utente-base, giusto girare su internet, ascoltare musica, usare openoffice, ecc., il vero scopo sarebbe apprendere bene l'uso e i costumi di Linux. Come prima distribuzione ne preferirei quindi una un po' user-friendly che non mi obblighi a sapere tutto subito, ma sia di facile installazione, e lasciare quelle magari migliori ma più complesse per il futuro.

Ogni suggerimento sarà ben accetto!


Leggo che servono più partizioni (almeno una per il S.O., una di swap e una di dati), e qui avrei una curiosità: a che serve esattamente dividere tutto in partizioni? E' obbligatorio, conveniente, ecc. o c'è qualche motivo particolare? E, ovviamente, quanto spazio suggerite da dedicare per partizione.

Grazie anticipate a chi vorrà rispondermi.
Top
Profilo Invia messaggio privato
anabasi
Amministratore
Amministratore


Registrato: 21/10/05 00:58
Messaggi: 12562
Residenza: Tra Alpi e Tanaro

MessaggioInviato: 22 Set 2010 15:52    Oggetto: Rispondi citando

Ciao

Inizio io con qualche considerazione, senza la pretesa di essere completo.
Circoscrivere la scelta tra le distribuzioni più user friendly è una buona idea, ma anche così la scelta non sarà semplice: se tu interpellassi individualmente gli utenti Linux che frequentano l'Olimpo molto probabilmente otterresti altrettante risposte differenti. Wink
Qualcuno ti consiglierebbe Ubuntu, altri Opensuse e altri Mandriva, senza considerare le loro derivate, come Mint e PCLinuxOS, e ancora altre.
Hai riesumato il vecchio pc, e questo vuol dire che ne hai uno più recente. Potresti usare quest'ultimo per provare i Live CD delle distro che ho citato, e delle altre che si aggiungeranno alla lista, per verificare, senza installare nulla, quale di queste tu preferisca. Il vecchio pc ha un po' poca RAM per riuscire a far girare decentemente i Live CD.
A proposito di RAM: dovrai tenerne conto, più che nella scelta della distro, nella scelta dell'ambiente desktop (o ambiente grafico). Gnome e KDE sono belli e completi ma molto pesanti per un pc con 256 MB di RAM. XFCE è più leggero, ma non di molto. LXDE è molto più leggero, ma leggerezza è sinonimo di rinunce: per esempio, non avrai OpenOffice ma un foglio di calcolo e un word processor più leggeri. Naturalmente, potrai installare OpenOffice in seguito, accontentandoti di prestazioni modeste.
Ubuntu ha una versione con XFCE chiamata Xubuntu e recentemente si è aggiunta la versione con LXDE (Lubuntu).
In generale, anche le altre distro maggiori (Opensuse, Mandriva, Fedora,...) sono disponibili con ambienti desktop leggeri.
Il modo migliore per fartene un'idea è consultare il sito Distrowatch. Lì troverai anche i link per il download di tutte le distro dai siti ufficiali o tramite torrent.
In conclusione: scarica e masterizza, magari usando un paio di CD riscrivibili, qualche distro live nella versione con un ambiente desktop leggero, in modo da farti un'idea di quello che troverai dopo aver installato.

Buona caccia! Very Happy
Top
Profilo Invia messaggio privato
MK66
Moderatore Sistemi Operativi
Moderatore Sistemi Operativi


Registrato: 17/10/06 22:24
Messaggi: 8453
Residenza: dentro una cassa sotto 3 metri di terra...

MessaggioInviato: 23 Set 2010 00:08    Oggetto: Re: Ingresso nel mondo di Linux Rispondi citando

Fermo restando quanto ha detto Anabasi, vorrei aggiungere alcune considerazioni più direttamente correlate alle tue domande.
Eretico ha scritto:
Mi sono letto un po' delle "guide" che ho trovato qui sul forum, stasera o domani, quando comincerò il lavoro, mi potrò basare su quelle, ma nel frattempo ho una domanda fondamentale: quale distribuzione (e dove la pesco esattamente) in base alle caratteristiche del pc?

Le distribuzioni le peschi tutte dal sito raccoglitore: il già citato distrowatch
Quale è un pochino critica: con quelle caratteristiche, le più "user-friendly" (Mandriva e Ubuntu) non avranno prestazioni buone.
Le migliori, per quelle caratteristiche, sono molto poco "user-friendly" (oddio, nulla di impossibile, ma devi mettere in conto molto lavoro di terminale e non di grafica, almeno in fase installazione e prima configurazione)
Con quelle caratteristiche, io punterei su distribuzioni molto leggere, tipo quelle già citate da Anabasi, oppure su PCLinuxOS (molto completa, con un validissimo riconoscimento hardware e con la semplicità d'uso derivante da Mandriva, ma parecchio più leggera di questa: nel 2007 l'ho usata su un portatile catorcio con 192MB di RAM, ovvio che non volava, ma riuscivo a usarlo senza eccessivi problemi) o Zenwalk (quest'ultima non sono sicuro che sia anche in italiano, però: io la ricordo solo in inglese)
Le trovi tutte sul sito citato precedentemente.

Eretico ha scritto:
Tenete conto che per il momento non ci devo fare nulla di particolare, mi basterebbe un pc da uso utente-base, giusto girare su internet, ascoltare musica, usare openoffice, ecc., il vero scopo sarebbe apprendere bene l'uso e i costumi di Linux. Come prima distribuzione ne preferirei quindi una un po' user-friendly che non mi obblighi a sapere tutto subito, ma sia di facile installazione, e lasciare quelle magari migliori ma più complesse per il futuro.

Ogni distribuzione Linux è predisposta per un uso utente-base (e non solo base), e sicuramente quello che intendi fare lo potrai fare con qualsiasi distribuzione, ma con quel computer scordati Openoffice (a meno di non aprire solo ed esclusivamente la finestra di Openoffice): dovrai accontentarti di Abiword per i testi e di Gnumeric per il foglio elettronico (sono compatibili anche con Openoffice, quindi potrai aprire anche i file che hai realizzato con OO)
Eretico ha scritto:
Leggo che servono più partizioni (almeno una per il S.O., una di swap e una di dati), e qui avrei una curiosità: a che serve esattamente dividere tutto in partizioni? E' obbligatorio, conveniente, ecc. o c'è qualche motivo particolare? E, ovviamente, quanto spazio suggerite da dedicare per partizione.

L'obbligo riguarda esclusivamente la partizione di sistema altrimenti nota come / o root), che verrà lanciata dal boot-manager in fase di avvio del PC (dopo il BIOS, verrà caricato un programmino chiamato boot-manager, che ti permetterà di scegliere quale sistema operativo avviare (Windows o Linux) e questo programma ha bisogno di lanciare una partizione, in entrambi i casi.
La swap è la memoria virtuale (equivalente al paging di Windows), ed è bene tenerla separata, ma non è necessario creare una partizione: puoi anche usare un file della dimensione adeguata (ovviamente con una partizione fai prima).
La cartella di lavoro (/home) contiene anche i tuoi dati e le tue configurazioni (tipo la cartella Documents & Settings di Windows XP), e non è necessario che sia separata, potrebbe essere benissimo dentro la partizione di sistema.
I vantaggi di separare la /home sono correlati a una eventuale reinstallazione del sistema: se la /home è separata, non perderai nessuna configurazione e quindi al riavvio troverai l'ambiente esattamente com'era.

Spazi?
Allora, con l'uso che hai detto, la partizione di sistema (/) non supererà i 5-10GB (dando 15GB potrai installare molti programmi e avrai sempre spazio di lavoro anche per eventuali file temporanei di grosse dimensioni... ovviamente, ogni tanto, dovrai fare pulizia Wink ).
La swap integra la memoria, e con la RAM che hai te, suggerirei di metterne almeno il doppio (256MB di RAM => 512MB di swap, se puoi metti anche 1GB di swap, che temo la userai parecchio... non più di 1GB, se non intendi dedicarti al fotoritocco o all'elaborazione video, ma in quel caso sarebbe utile usare un computer più appropriato Rolling Eyes ).
La /home contiene tutti i tuoi dati e le tue configurazione (non superano il GB di spazio) ma contiene anche tutti i tuoi lavori, quindi, dedicando un disco a Linux, puoi usare tranquillamente tutto lo spazio rimanente dopo aver sistemato le altre partizioni.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
anabasi
Amministratore
Amministratore


Registrato: 21/10/05 00:58
Messaggi: 12562
Residenza: Tra Alpi e Tanaro

MessaggioInviato: 23 Set 2010 06:58    Oggetto: Rispondi citando

Qualche informazione aggiuntiva su Ubuntu con ambiente desktop LXDE (quello che, tra gli ambienti leggeri proposti dalle distro maggiori, molto probabilmente è l'unico adatto al tuo vecchio pc).
Fino all'autunno del 2009 è stata rilasciata una versione non ufficiale di Ubuntu con LXDE da Streetcross, uno sviluppatore italiano, chiamata Ubuntu Plume. L'ultimo rilascio è, appunto, la 9.10 (Ottobre 2009) perché dalla versione 10.04 (Aprile 2010) Ubuntu Plume è stato sostituito con Lubuntu.
Troverai i dettagli riguardanti Ubuntu Plume QUI e QUI e riguardanti Lubuntu QUI e QUI.
it.wikipedia.org ha scritto:

Lubuntu è una versione di Ubuntu basata sul desktop environment LXDE. Questa distribuzione utilizza come window manager Openbox e risulta leggera ed adatta anche ai pc più datati, netbook e dispositivi mobili. Una prima revisione sostiene che Lubuntu usa la metà della RAM utilizzata da Xubuntu e Ubuntu su una normale installazione o nell'utilizzo tipico.


Per quanto riguarda Mandriva, esiste la versione con LXDE, ma non è reperibile come CD Live. Occorre scaricare "Mandriva Free 2010 Spring" da QUI, un file iso di 4,3 Gb da masterizzare su un DVD, che servirà soltanto per l'installazione ma non per l'utilizzo come distro live. Il DVD permette, tra gli altri ambienti desktop, l'installazione di Mandriva con LXDE. Per provare Mandriva senza installare dovrai scaricare il CD Live della versione con KDE (One 2010 Spring KDE) o con Gnome (One 2010 Spring GNOME) da QUI
Top
Profilo Invia messaggio privato
Eretico
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 28/07/10 09:54
Messaggi: 120

MessaggioInviato: 24 Set 2010 21:32    Oggetto: Rispondi citando

Innanzitutto grazie per i suggerimenti.

Ora cominciano i problemi...
Ho scaricato la 10.4 di Lubuntu di cui ho letto che va anche con 128 di Ram, ho provato il live sul pc principale (funziona) e poi ho provato ad installare Lubuntu sul pc di destinazione.
Il risultato è il seguente:

kernel panic not syncing vfs unable to mount root fs on unknown-block 8 1

Cercando in giro su internet non trovo una soluzione adeguata, in vari forum di Linux trovo solo suggerimenti di gente che si sta compilando e modificando le sue versioni, ma nulla che potesse essermi utile. Alcuni suggeriscono possa essere il cd, ma sull'altro pc la live funziona!

Ho trovato questo che copio-incollo:
the root partition (8,1), cannot be correct, because that means your kernel is looking for the 1st primary partition on the 8th harddrive! the syntax (8,1) means: (8th HDD, 1st Primary Partition)


Qualche suggerimento?

Crying or Very sad

Edit: i dischi sono Ide (ho trovato altri riferimenti a riguardo)
Top
Profilo Invia messaggio privato
MK66
Moderatore Sistemi Operativi
Moderatore Sistemi Operativi


Registrato: 17/10/06 22:24
Messaggi: 8453
Residenza: dentro una cassa sotto 3 metri di terra...

MessaggioInviato: 28 Set 2010 23:57    Oggetto: Rispondi citando

Come hai partizionato il sistema?

La live funziona anche su quel PC?
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Eretico
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 28/07/10 09:54
Messaggi: 120

MessaggioInviato: 29 Set 2010 09:18    Oggetto: Rispondi citando

Non l'ho ancora partizionato, avevo letto che lo potevo fare direttamente dall'installazione (se ciò è falso lo vado a partizionare in un altro modo).

No, su quel Pc la live dà lo stesso errore.
Top
Profilo Invia messaggio privato
MK66
Moderatore Sistemi Operativi
Moderatore Sistemi Operativi


Registrato: 17/10/06 22:24
Messaggi: 8453
Residenza: dentro una cassa sotto 3 metri di terra...

MessaggioInviato: 29 Set 2010 22:12    Oggetto: Rispondi citando

Si, lo puoi fare tranquillamente in fase di installazione (anche se personalmente l'ho sempre fatto prima).

Il fatto strano è che, secondo l'ultimo messaggio che hai messo, dovresti avere almeno 8 dischi nel tuo computer e sembra che ti abbia installato Linux sull'ottavo disco...
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Eretico
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 28/07/10 09:54
Messaggi: 120

MessaggioInviato: 30 Set 2010 09:21    Oggetto: Rispondi citando

Sì, avevo letto anche io questa cosa.
A tal proposito mi è venuto un dubbio: quando ho riesumato il pc ho notato che la pila della cmos era andata a ramengo (il pc in questione è del 2001!), quindi ha ripristinato i valori di default nel Bios; l'unica modifica che ho fatto è stata la modifica dell'ordine di boot, ora mi viene il dubbio, forse che per installare/usare Linux devo modificare qualche valore relativo ai dischi? (in windows era entrato).
Top
Profilo Invia messaggio privato
anabasi
Amministratore
Amministratore


Registrato: 21/10/05 00:58
Messaggi: 12562
Residenza: Tra Alpi e Tanaro

MessaggioInviato: 01 Ott 2010 06:27    Oggetto: Rispondi

Ciao

Eretico ha scritto:
ora mi viene il dubbio, forse che per installare/usare Linux devo modificare qualche valore relativo ai dischi?

Per quanto mi risulta, no. Io non ho dovuto modificare nulla nelle impostazioni del BIOS rispetto a com'erano per Windows XP, sistema operativo installato nella macchina al suo acquisto.
(A parte la modifica dell'ordine di boot per permettere il boot da lettore CD, come anche tu hai ricordato)



Eretico ha scritto:
MK66 ha scritto:

La live funziona anche su quel PC?

No, su quel Pc la live dà lo stesso errore.

Soltanto a titolo di esperimento, potresti scaricare e masterizzare (eventualmente su un CD riscrivibile) il file iso di un'altra distro live leggera, anche se non è quella che avevi scelto, per verificare se anche in quel caso si presenta lo stesso problema.

Ancora meglio, per quanto riguarda le dimensioni del download, potresti masterizzare il Live CD di PuppyLinux. E' una vera distribuzione, nata per essere utilizzata in modalità live (anche se, come tutte, può essere installata), ma pesa soltanto 130 MB. A suo tempo non ti è stata consigliata perché probabilmente non è la distro migliore per iniziare a prendere confidenza con Linux (l'estrema leggerezza, come già detto, implica rinunce e maggiori difficoltà di configurazione) ma per sperimentare è perfetta e, chissà, potrebbe anche piacerti. La puoi scaricare da QUI.
Oppure, sempre nel limite dei 130 MB, scaricare Gparted Live CD: è basato su Debian ed è una live molto leggera. Per fare un esperimento potrebbe andare bene, anche se, ovviamente, non è una distro completa: permette soltanto di eseguire GParted. Lo puoi scaricare, per esempio, da QUI.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Linux Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi