Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Dieta vegan o braciola?
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> La cucina dell'Olimpo
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Marcello
Satiro *
Satiro *


Registrato: 28/04/05 11:03
Messaggi: 143
Residenza: Umbria

MessaggioInviato: 03 Giu 2009 21:10    Oggetto: Re: Dieta vegana Rispondi citando

celestia ha scritto:
Ciao sono Celestia
Io vorrei dire che oltre alla dieta (vegetariana o vegana che sia), c'è di
sicuro un altro problema: noi siamo fatti di proteine e ci riproduciamo per
mezzo di esse: il D.N.A. è come dire proteine a go go, quindi il veganismo
o il fruttarismo sono pericolosi perchè possono provocare la sindrome di
Kawashiorkor (ipoproteinemia) che è spesso letale, perchè difficile da
riconoscere nei paesi industrializzati.
Celestia


Non esiste proprio quel problema di cui parli nell'essere vegan (il fruttarismo è un'altra cosa, non dovresti metterli insieme), dato che i vegan assumono abbondanti proteine dai legumi, singoli e/o insieme ai cereali.

Questo è ormai un dato di fatto acquisito, stupisce che ci siano ancora in giro affermazioni come quella. Forse leggere siti aggiornati sull'argomento come quello della Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana può essere utile a colmare delle lacune in merito!

Ad esempio qui:

Citazione:
È una credenza tanto diffusa quanto infondata che le proteine animali siano indispensabili o migliori di quelle vegetali e che quindi i vegetariani siano a rischio di carenze proteiche.
[...]
Le proteine animali sono definite proteine "nobili", in quanto contengono tutti gli aminoacidi essenziali (gli aminoacidi cioè che non possono essere sintetizzati dall'organismo ma devono venire introdotti con la dieta), diversamente da quelle contenute dei vegetali.
Le proteine contenute nei cibi animali contengono da sole tutti questi aminoacidi nelle giuste proporzioni, mentre è necessario assumere diversi cibi vegetali per ottenere le giuste proporzioni di questi aminoacidi. Se per i latto-ovo-vegetariani (che assumono latticini e/o uova) il problema non si pone neppure, anche nell'alimentazione vegana correttamente bilanciata ciò avviene automaticamente senza bisogno di particolari accorgimenti [Abdulla_1981, Roshanai_1984, Lockie_1985a, Rana_1986, Draper_1993].
Infatti, l'assunzione nell'arco della giornata di cereali (pane, pasta, riso, etc), legumi (fagioli, le lenticchie, le ceci, etc) fornisce tutti gli aminoacidi necessari nelle giuste quantità e proporzioni [Messina_1997, Young_1991].
La soia è invece l'unica leguminosa in grado di fornire da sola, senza essere associata ai cereali, tutti gli aminoacidi necessari nelle giuste proporzioni [Young_1991].
Il vantaggio di ricavare le proteine dai cibivegetali anziché dai cibi animali è che così facendo si può soddisfare i propri bisogni alimentari senza introdurre colesterolo e grassi saturi, notoriamente deleteri per la salute e inevitabilmente presenti in tutti i cibi animali [Messina_1997, Barnard_1995].
Inoltre, le proteine vegetali aumentando la produzione di glucagone contribuiscono a ridurre i livelli di insulina (fattore di rischio per obesità e forse per tumori) [McCarty_1999], ed essendo molto meno acide di quelle animali provocano la mobilizzazione di minori quantità di calcio dall'osso quando vengono eliminate con le urine.


Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
whitesquall
Amministratore
Amministratore


Registrato: 26/06/07 14:03
Messaggi: 8413

MessaggioInviato: 03 Giu 2009 21:43    Oggetto: Rispondi citando

Secondo me uno è libero di mangiare quello che vuole, basta che non tolga in vari modi la libertà agli altri.

Ad esempio a me il commento "slurp" ha fatto parecchio ridere, sarà che ho pensato la stessa cosa Mr. Green

Rispettare le posizioni altrui deve essere qualcosa di reciproco, evitando l'eccessiva sensibilità.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Marcello
Satiro *
Satiro *


Registrato: 28/04/05 11:03
Messaggi: 143
Residenza: Umbria

MessaggioInviato: 04 Giu 2009 10:52    Oggetto: Rispondi citando

Squall ha scritto:
Secondo me uno è libero di mangiare quello che vuole, basta che non tolga in vari modi la libertà agli altri.


Involontariamente, hai scritto il motivo per cui io non mangio animali. Smile
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
whitesquall
Amministratore
Amministratore


Registrato: 26/06/07 14:03
Messaggi: 8413

MessaggioInviato: 04 Giu 2009 13:07    Oggetto: Rispondi citando

Marcello ha scritto:
Squall ha scritto:
Secondo me uno è libero di mangiare quello che vuole, basta che non tolga in vari modi la libertà agli altri.


Involontariamente, hai scritto il motivo per cui io non mangio animali. Smile

Cioè? Temi di privare della libertà le bestiole?

Mmmh, non credo che la loro coscienza sia paragonabile a quella umana Think
Top
Profilo Invia messaggio privato
Marcello
Satiro *
Satiro *


Registrato: 28/04/05 11:03
Messaggi: 143
Residenza: Umbria

MessaggioInviato: 04 Giu 2009 13:14    Oggetto: Rispondi citando

Gli altri animali secondo te non hanno il senso della libertà?
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
whitesquall
Amministratore
Amministratore


Registrato: 26/06/07 14:03
Messaggi: 8413

MessaggioInviato: 04 Giu 2009 13:47    Oggetto: Rispondi citando

Marcello ha scritto:
Gli altri animali secondo te non hanno il senso della libertà?

Non so fino a che punto siano coscienti di esistere al di là degli istinti "primitivi"...

Cartesio è arrivato a paragonare la grida di un animale macellato al cigolio di un ingranaggio naturale. Ora, non dico di essere d'accordo perché la visione cartesiana non tiene conto del fatto che anche l'animale ha una dimensione percettiva (secondo lui si tratta esclusiamente di "materia estesa", come potrebbe essere un sasso), ma resta il fatto che la loro dimensione percettiva non è come la nostra.

Cartesio arriva a una visione estrema, ma umanizzare gli animali è un eccesso nell'altra direzione.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Marcello
Satiro *
Satiro *


Registrato: 28/04/05 11:03
Messaggi: 143
Residenza: Umbria

MessaggioInviato: 04 Giu 2009 16:10    Oggetto: Rispondi citando

Bè, converrai con me che Cartesio è un po' superato, dal punto di vista della filosofia e dei diritti animali. Ci sono filosofi un po' più vicini a noi come Peter Singer, Tom Regan, Gary Francione giusto per citarne alcuni, che sono andati molto più avanti e il cui pensiero andrebbe analizzato.

Cartesio è del Seicento, tu considera quali diritti avevano gli uomini stessi, in quel secolo. Le cose nel frattempo sono andate avanti.

Un recente studio dell'Università del Colorado ha dimostrato che gli animali "sono in grado di distinguere il bene dal male. In altre parole, sono governati da un codice di condotta morale" [...] hanno un innato senso di giustizia, dimostrano compassione per membri della propria specie in difficoltà e li aiutano".

Oppure gli studi citati da un bell'articolo di Rifkin, che puoi trovare anche qui (si possono mettere link?):

http://www.oltrelaspecie.org/filosofia.htm

Sul fatto delle percezioni, ti suggerisco di guardare il video "La vita emotiva degli animali da fattoria", che è molto indicativo in tal senso. Ma ci potrebbero essere tantissimi esempi, basta avere a che fare quotidianamente con un cane o con un gatto, per rendersi conto di cosa provano.

Non si tratta assolutamente di umanizzare gli animali, ci mancherebbe altro. Ma piuttosto di dare a Cesare quel che è di Cesare!

Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
celestia
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 10/08/08 15:41
Messaggi: 2025

MessaggioInviato: 04 Giu 2009 17:39    Oggetto: Rispondi citando

Ciao Marcello
Complimenti per il Tuo post, però vorrei segnalare un'imprecisione: se parli di diritti degli animali dovresti parlare anche di doveri, ad un diritto corrisponde un dovere (?) come la mettiamo? Più che di diritti parlerei di dovere etico da parte degli uomini, se cibarsi di carne può essere lecito certi estremi DEVONO essere evitati, oltretutto non si è più sani mangiando carne tutti i gg, mio nonno notava che 1 volta a settimana basta e avanza, 2 volte al massimo se si hanno problemi, il resto è fuffa, perchè serve a produrre scorie azotate pesanti per fegato e reni. Poi vai da Ehret per depurarTi, perciò la colpa è solo dell'uomo
Io uso la dieta, non mi faccio asservire agli estremi, che sono sempre sconsigliabili
Un abbraccio
Top
Profilo Invia messaggio privato Yahoo MSN
whitesquall
Amministratore
Amministratore


Registrato: 26/06/07 14:03
Messaggi: 8413

MessaggioInviato: 04 Giu 2009 21:19    Oggetto: Rispondi citando

Marcello ha scritto:
Bè, converrai con me che Cartesio è un po' superato, dal punto di vista della filosofia e dei diritti animali. Ci sono filosofi un po' più vicini a noi come Peter Singer, Tom Regan, Gary Francione giusto per citarne alcuni, che sono andati molto più avanti e il cui pensiero andrebbe analizzato.

Cartesio è del Seicento, tu considera quali diritti avevano gli uomini stessi, in quel secolo. Le cose nel frattempo sono andate avanti.

Sono dell'idea, e non credo di essere l'unico Wink , che se ci si accosta a un filosofo bisogna evitare "pregiudizi" o sovrastrutture in modo da poterne penetrare il pensiero.

Poi ovviamente si tiene presente il periodo storico per pesare le affermazioni, ma per contestulizzare

Tieni anche presente che in quel periodo c'è anche Spinoza, che ha detto delle cose geniali e interessantissime tuttora (ad esempio io condivido quasi del tutto il discorso che fa sulla libertà umana... e io avevo formato quel mio pensiero prima di approcciare il filosofo -perciò non ero stato influenzato- , quindi è stato anche bello vedere che quei concetti sono ancora validi)

Inoltre se partissimo dall'idea che Cartesio è superato lo studio della filosofia sarebbe inutile.

Da ateo ti dirò: persino dalla scolastica medievale, che dal mio punto di vista ovviamente risulterà inconcludente, si possono ricavare concetti interessanti e fonti di arricchimento Smile

Aggiungo anche che la mia citazione di Cartesio non voleva essere un argomento a favore di una tesi "anti-animalista", del resto ho precisato che non condivido quella posizione; del resto io non accetto la divisione che ha fatto fra res extensa e res cogitans... ovvio, negando l'esistenza della res cogitans; e quindi ti dirò di più, per quel che mi riguarda noi e gli animali non siamo diversi dal punto di vista del quid che ci compone (materia organica), la differenza sta nello sviluppo del cervello.

Gli animali di vario tipo non mi provocano particolare empatia, e questo temo che vada al di là degli studi che si possono fare sulla loro intelligenza.
Ciò non significa che sono per lo sterminio indiscriminato e insensato, ma che se c'è da scegliere fra una vita umana e 10.000 o più vite di bestie di vario genere non ci penso 2 secondi. Ora, so che forse mi sto distaccando dall'oggetto del thread, ma queste precisazioni (che spero non siano troppo noiose Wink ) mi servono a far comprendre il mio punto di vista...

Gli studi che citi sono interessanti, ma dal punto di vista dell' "empatia" non mi hanno fatto cambiare "approccio" Wink

Poi come dicevo per me uno può mangiare quello che vuole Smile
Top
Profilo Invia messaggio privato
Marcello
Satiro *
Satiro *


Registrato: 28/04/05 11:03
Messaggi: 143
Residenza: Umbria

MessaggioInviato: 05 Giu 2009 07:43    Oggetto: Rispondi

celestia ha scritto:
Ciao Marcello
Complimenti per il Tuo post, però vorrei segnalare un'imprecisione: se parli di diritti degli animali dovresti parlare anche di doveri, ad un diritto corrisponde un dovere (?) come la mettiamo?


Ciao,

non sono d'accordo, i diritti sono una cosa, i doveri un'altra, e non necessariamente vanno collegati.

Esempio un neonato: è portatore di diritti, ma non credo che abbia particolari doveri.

Un abbraccio a te.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> La cucina dell'Olimpo Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 13, 14, 15, 16  Successivo
Pagina 14 di 16

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi