Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Il virus che moltiplica la durata delle batterie
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Altra ferraglia stand-alone
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Zeus News
Ospite





MessaggioInviato: 14 Dic 2010 10:24    Oggetto: Il virus che moltiplica la durata delle batterie Rispondi citando

Commenti all'articolo Il virus che moltiplica la durata delle batterie
Grazie al virus mosaico del tabacco le batterie agli ioni di litio dureranno 10 volte di più.



Top
dany88
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 12/02/09 11:14
Messaggi: 1300

MessaggioInviato: 14 Dic 2010 21:19    Oggetto: Rispondi citando

bhè si, il campo batterie, almeno per gli smarphone è una questione davvero importante, ci vorrebbe davvero un incremento 10x
Top
Profilo Invia messaggio privato
Freestyler
Semidio
Semidio


Registrato: 12/05/06 12:04
Messaggi: 491

MessaggioInviato: 15 Dic 2010 00:36    Oggetto: Rispondi citando

Ma non "marcisce", "muore" o si "degrada" in qualche maniera sto virus?
Top
Profilo Invia messaggio privato
MaXXX eternal tiare
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 18/02/09 11:13
Messaggi: 2287
Residenza: Dreamland

MessaggioInviato: 15 Dic 2010 02:15    Oggetto: Rispondi citando

Freestyler ha scritto:
Ma non "marcisce", "muore" o si "degrada" in qualche maniera sto virus?


In condizione ideali i virus possono vivere per tantissimo tempo, tutto starà nel come verrà implementata questa nuova scoperta.
Top
Profilo Invia messaggio privato
raldes
Mortale pio
Mortale pio


Registrato: 05/05/06 07:26
Messaggi: 25
Residenza: Carpi

MessaggioInviato: 15 Dic 2010 09:33    Oggetto: Rispondi citando

Il virus in foto ha un aspetto inquietante.
Per me è uno scherzo.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Zorro
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 23/08/05 08:56
Messaggi: 1111
Residenza: Torino

MessaggioInviato: 15 Dic 2010 12:34    Oggetto: Rispondi citando

raldes ha scritto:
Il virus in foto ha un aspetto inquietante.
Per me è uno scherzo.


anche a meil visrus sembra toppo caxxuto.

però pare non essere bufala: quarda qui:

Citazione:
Ancora novità in merito alle tecnologie di produzione delle batterie: un gruppo di ricercatori del MIT ha dimostrato di poter impiegare un virus geneticamente modificato per costruire gli elettrodi negativi e positivi di una batteria agli ioni di litio.
Angela Belcher, coordinatrice del progetto, illustra come sia possibile produrre tali elettrodi a temperatura ambiente, con un processo economico e piuttosto semplice che non richiede l'impiego di solventi. Belcher dichiara inoltre che i materiali impiegati per la produzione di questo tipo di batterie non sono tossici.
Gli ioni di litio presenti nelle più comuni batterie ad oggi in circolazione si spostano dall' anodo, elettrodo carico negativamente e di norma realizzato in grafite, verso il catodo, elettrodo carico positivamente e realizzato in ossido di cobalto o fosfato di litio-ferro.
Tre anni fa lo stesso gruppo di ricerca ha documentato la produzione di un anodo utilizzando un virus modificato capace, ricoprendosi di ossido di cobalto e oro, di autoassemblarsi per formare un nanocavo. Con quest'ultimo lavoro il gruppo si è concentrato sulla realizzazione di un catodo che potesse essere utilizzato con l'anodo precedentemente creato. Il catodo è, di norma, più difficile da realizzare perché deve essere altamente conduttivo per poter avere un elevato trasferimento elettronico e, paradossalmente, i materiali maggiormente adatti alla realizzazione di un catodo sono altamente isolanti.
Per raggiungere tale obiettivo i ricercatori hanno realizzato geneticamente un virus in grado di ricoprirsi autonomamente con fosfato di ferro e successivamente in grado di "raccogliere" una piccola quantità di nanotubi di carbonio per creare una rete di materiale ad alta conducibilità. Gli elettroni possono così muoversi lungo queste reti ad elevata velocità.
Questa tecnica consente di incrementare in maniera considerevole la conducibilità del catodo senza incrementare significativamente il peso della batteria. I test di laboratorio hanno dimostrato come le batterie realizzate con questa nuova tecnica sono in grado di affrontare fino a 100 cicli completi di carica-scarica senza che la capacità della batteria stessa venga intaccata. Attualmente le batterie realizzate in maniera tradizionale sono in grado di sostenere un maggior numero di cicli completi, ma i ricercatori affermano che si tratta solamente di questione di tempo per produrre una batteria confrontabile con le attuali batterie al litio.
La scorsa settimana il presidente del MIT ha mostrato un prototipo di questa particolare batteria ad un press briefing con la Casa Bianca, dove anche il presidente Obama ha parlato della necessità di fondi federali per l'avanzamento delle tecnologie pulite.
Ora, sebbene i ricercatori del MIT dichiarino che la produzione di queste batterie avvenga con materiali non tossici e per quanto il virus impiegato sarebbe un comune batteriofago innocuo per l'uomo, sarebbe opportuno disporre di qualche rassicurazione in più in merito all'effettiva non tossicità di una batteria di questo tipo, soprattutto nel caso in cui (ammesso e non concesso che venga messa in produzione) non venga smaltita in maniera consona.


Old
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Gladiator
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 05/12/10 20:32
Messaggi: 9605
Residenza: Purtroppo o per fortuna Italia

MessaggioInviato: 18 Dic 2010 16:08    Oggetto: Rispondi

raldes ha scritto:
Il virus in foto ha un aspetto inquietante.
Per me è uno scherzo.


La notizia è riportata su più siti di seguito riporto un testo ripreso dall'ANSA:

Citazione:

Le batterie del futuro potrebbero essere costituite da minuscoli virus spruzzati sul dispositivo che devono alimentare, dai vestiti ai cellulari.
Lo affermano due ricerche presentate in questi giorni, una del Mit e una dell’università del Maryland, in cui microrganismi non pericolosi sono stati usati per costruire le parti fondamentali di una pila. Per il loro studio, presentato al meeting dell’American Chemical Society, i ricercatori del Mit hanno usato un virus chiamato M13, che infetta soltanto i batteri. Con alcune modifiche genetiche, il microrganismo incorpora i metalli necessari a diventare un perfetto catodo, il polo positivo della pila, che può quindi essere utilizzato per formare una batteria leggera e che funziona a temperatura ambiente. In futuro film sottili creati con questi virus potrebbero essere incorporati nei tessuti o nei dispositivi, fornendo energia. Dall’altro lato di una futura pila a virus ci potrebbe essere l’anodo realizzato dall’università del Maryland: in questo caso è stato utilizzato il virus del mosaico del tabacco, che come testimonia l’articolo su Acs nano è stato modificato per creare un elettrodo di silicio: Per ora il procedimento avviene solo in laboratorio - spiega James Culver, uno degli autori - ma in futuro pensiamo di far crescere i virus modificati direttamente nei campi, in modo da rendere il processo più economico.


Quindi, forse, fra poco potremo usare i nostri smartphone più a lungo senza ricariche. 8)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Altra ferraglia stand-alone Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi