Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Vaticano SpA: un macigno sulla democrazia
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Politica e dintorni
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
paolodegregorio
Dio minore
Dio minore


Registrato: 13/07/07 12:00
Messaggi: 961

MessaggioInviato: 22 Ago 2011 13:02    Oggetto: Vaticano SpA: un macigno sulla democrazia Rispondi citando

- Vaticano SpA, un macigno sulla democrazia -
di Paolo De Gregorio, 21 agosto 2011

C’è un notevole fermento in Rete riguardo l’esenzione del Vaticano da qualunque partecipazione ai sacrifici imposti a tutta Italia dalla manovra economica che deve fermare una crisi finanziaria e produttiva finora negata e non governata.
Sono anni che insisto nel denunciare la profonda anomalia italiana, che mette in mora la democrazia, determinata dalla presenza di una potente organizzazione, legatissima al territorio e alle classi subalterne, che con imponenti risorse economiche offre alle destre i voti che è in grado di orientare in ogni elezione politica o amministrativa.

Questa organizzazione, strutturata come un partito, riceve attraverso l’8 per mille un contributo annuo di un miliardo di euro, che corrisponde a 5 volte l’entità della cifra messa a disposizione ogni anno per il finanziamento pubblico di TUTTI i PARTITI presenti in Parlamento.
A questo bisogna aggiungere circa due miliardi di euro di mancati introiti fiscali per lo Stato italiano per le attività economiche gestite dalla Chiesa (immobili, alberghi), i contributi statali alle scuole cattoliche, alla editoria cattolica, le convenzioni con strutture sanitarie private gestite dal Vaticano, e altri mille rivoli di finanziamenti minori.

Solo senza questo fiume di pubblico denaro si potrebbe parlare di libera Chiesa in libero Stato, dove lo stato laico e repubblicano non è tenuto ad alcun tipo di Concordato con la Chiesa, poiché non esiste una “religione di Stato”, soprattutto in una situazione di fatto multietnica e multireligiosa, dove vengono esibiti abusivamente simboli religiosi in scuole, ospedali, tribunali, che non sono la casa dei cattolici, ma dei cittadini di ogni religione e di ogni tendenza.
Il drammatico è che questa situazione viene tollerata da tutti i partiti politici, eccettuata la pattuglia radicale, che però è nelle secche dello zero virgola per cento.

Questo potere reale, di fatto, abusivo, clerico-fascista, con mezzi economici e propagandistici imponenti, con radio, TV, case editrici, è determinante per far vincere le elezioni alle destre, ma anche alle false sinistre che ne accettano il ruolo e la presenza.
La democrazia, dove esiste un potere di fatto del genere e dove l’uomo più ricco d’Italia è al potere in ragione del suo monopolio mediatico, è una barzelletta sporca che ci fa sudditi senza speranza, ciechi e sordi, senza dignità, dove deve ancora arrivare il secolo dei lumi.
Paolo De Gregorio
Top
Profilo Invia messaggio privato
paolodegregorio
Dio minore
Dio minore


Registrato: 13/07/07 12:00
Messaggi: 961

MessaggioInviato: 27 Set 2011 16:08    Oggetto: Rispondi

- l’insostenibile doppiezza dei preti -
di Paolo De Gregorio, 27 settembre 2011

Anche quando attacca Berlusconi la CEI e il suo capo Bagnasco sconfinano in politica, e la cosa non ci piace.
E l’intervento è squisitamente politico, dove il Vaticano arriva buon ultimo a fare critiche, dopo che tutte le parti sociali, Confindustria, sindacati, partiti, hanno chiesto al sultano di fare fagotto, pressato dal disagio sociale che vivono anche i cattolici, dal timore di essere tagliato fuori dal comune sentire e da una eventuale caduta del grande statista.

Intendiamoci bene, senza la crisi economica che morde anche il popolo cattolico e spinge verso rapidi cambiamenti, mai il Vaticano avrebbe attaccato B. la cui dissolutezza e attitudine a commettere reati è nota da almeno 20 anni.
Ma ciò che dà la nausea di questo intervento è il linguaggio usato da Bagnasco, dove il nome del destinatario delle critiche non si fa mai, omissione che fa immediatamente dire ai cattolici in politica che la critica è per tutta la classe dirigente e non va strumentalizzata.

Ecco una frase testuale del “Commissario politico” Vaticano (incomprensibile per i credenti): “nessun equivoco, la responsabilità morale ha una gerarchia interna che si evidenzia da sè, a prescindere dalle strumentalizzazioni. I comportamenti licenziosi e le relazioni improprie sono in se stessi negativi e producono un danno sociale a prescindere dalla loro notorietà. Ammorbano l’aria e appesantiscono il cammino comune”.
Se avesse voluto farsi capire dal popolo avrebbe potuto dire: “Berlusconi si occupa dei suoi affari e di organizzare ammucchiate invece di governare. Non votatelo più”.

Bagnasco parla in politichese, lui e i suoi avvoltoi neri calano sulla carcassa agonizzante del Cavaliere, e vogliono partecipare ai giochi per la sua successione, invocando la creazione di un nuovo soggetto politico culturale, un partito cattolico che sostituisca finalmente la rimpianta Democrazia Cristiana.
La Chiesa che non fa politica non è mai esistita! Essa, da secoli, non è un punto di riferimento etico, né morale.
E’ stata sempre profondamente di destra e reazionaria, ha tenuto il sacco ai criminali colonialisti che uccidevano e saccheggiavano in nome della Croce, ha inquisito e torturato, quando ha governato parte dell’Italia lo ha fatto con metodi barbari sfruttando i poveri e mantenendoli nell’ignoranza.

Un paese veramente democratico deve permettere ogni libertà religiosa, ma non deve avere nessun rapporto di tipo politico o economico con le varie confessioni, che devono vivere esclusivamente con il contributo dei propri fedeli.
Paolo De Gregorio
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Politica e dintorni Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi