Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Sacchetti biodegradabili
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze e nuove tecnologie
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Zeus News
Ospite





MessaggioInviato: 17 Nov 2011 10:02    Oggetto: Sacchetti biodegradabili Rispondi citando

Commenti all'articolo Sacchetti biodegradabili
I sacchetti biodegradabili sono più innovazione o più ecobufala?
Top
al_pacino
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 13/04/05 14:16
Messaggi: 1331
Residenza: Versilia

MessaggioInviato: 07 Mar 2012 17:04    Oggetto: Rispondi citando

innovazione a beneficio dell'ambiente: pensiamo soltanto ai cetacei che non moriranno per una loro incauta e accidentale ingestione, poichè si saranno biodegradati mesi e mesi prima di toccare acqua..

il petrolio risparmiato è relativo: se ne consuma di piu per recarci al supermercato a prendere la spesa stessa...

il costo è equo e purtroppo questo è dato dal fatto che c'e un solo monopolista produttore.. avevo sentito dire che a breve si tornava al nylon addirittura! Rolling Eyes se proprio si deve, però, perchè non farli pagare anche 50 centesimi l'una, anche se il costo sarà 10 volte inferiore? continuiamo a incentivare le borse riutilizzabili, non gettiamo tutto all'aria..
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage MSN
{Surak 2.0}
Ospite





MessaggioInviato: 07 Mar 2012 18:40    Oggetto: Rispondi citando

E' ovviamente una bufala (o più correttamente una truffa visto che è un ingano per trarne denaro)... mica ci vuole molto a capirlo.
Com'è che per poratre via la spesa devo usare un sacchetto biodegradabile e per infilarci frutta e verdura devo usare queli normali?
O perchè vendere sacchetti di plastica neri per la spazzatura (anzi, ora è una varietà di colori per ogni tipo di rifiuto) come se quelli non avesero lo stesso destino?
In pratica l'unica cosa che hano ftato è stata di imporre la vendita ai soli consumatori finali e senza contare che c'è la poelmcia sui sacchetti di plastica che si disgregano (fatti di plastica di petrolio, ma "polverizzano") eliminando tutti i pretesti per cui era basata quella eco-bufala e lasciando buste più resistenti e meno costose, ma chiaramente i puristi della tesi hanno protestato insinuando che la truffa era quella.
Il termine "eco" (ed affini) è un brand che serve ad imporre cose costose alla gente o volontariamrente o per forza di legge, ma nella stragrande maggioranza sono fuffa o comunque quel che si dice non è affatto provato come si lascia invece intendere.
I nutrizionisti ripetono in continuazione che tra prodotti biologici e di agricoltura tradizionale non vi è alcuna differenza secondo i dati di laboratorio. Ma avrete sentito dire mille volte che quella biologica fa meglio.
Il fotovoltaico è costoso, ma avrete sentito dire che chi lo installa ci guadagna quindi è conveniente, peccato che guadagna soldi presi forzatamente da tutti gli altri (soprattutto poveracci).
Le materie prime riciclate sono una ricchezza (e si è mai visto costringere qualcuno ad esere pagato per farsi dare qualcosa di volore?) ed evitano la Co", peccato che nesusno calcoli mai quanto costa tutto l'ambaradan per realizzare tale riciclo di materie prime che poi costano più di quelle originali. O il porta a porta o i mille mila cassonetti colorati con i tizi che passano 100 volte non consumano energia? Il tutto poi perchè? Per evitare di farci energia, quindi consumandola due volte.
Quindi quando sentita la parola "eco"..spalle al muro...spal-le al mu-ro!
Top
utonto_medio
Dio minore
Dio minore


Registrato: 09/02/08 14:28
Messaggi: 987

MessaggioInviato: 07 Mar 2012 19:36    Oggetto: Rispondi citando

peccato che si considerino biodegradabili anche plastiche a cui sono state aggiunte sostanze che le rendono attaccabili da vari agenti in modo che si spezzettino in parti piccole piccole... ma non è che ritornano ad essere elementi "naturali".

e poi ci sono anche le compostabili (che sono una cosa ancora diversa)
io sinceramente nella mia compostiera metto solo ed esclusivamente scarti alimentari.

ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato
gomez
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 28/06/05 10:26
Messaggi: 1731
Residenza: Provincia di Torino

MessaggioInviato: 08 Mar 2012 06:48    Oggetto: ecotruffa Rispondi citando

Commenti ha scritto:
I sacchetti biodegradabili sono più innovazione o più ecobufala?


ecotruffa, non ecobufala: bastava VIETARE i maledetti sacchetti di plastica, e ricordare ai consumatori che la spesa si puo' benissimo portare a casa in saccheti DI TELA che sono praticamente eterni, ecologici, e lavabili buttandoli in lavatrice...

io li uso da decenni, ne ho una mezza dozzina in macchina e li caccio in tasca entrando nel super, quanto ai sacchettini x la verdura e agli altri imballaggi "obbligatori" li metto nella plastica appena arrivo a casa

Mauro
Top
Profilo Invia messaggio privato
Marco_C
Eroe
Eroe


Registrato: 12/02/08 12:42
Messaggi: 54
Residenza: CESENA

MessaggioInviato: 08 Mar 2012 07:59    Oggetto: Rispondi citando

Personalmente quando vado a fare la spesa non acquisto buste di plastica, ma i cartoni che il supermercato usa per la merce esposta.

In un' angolo un po' nascosto del negozio sono li' ammucchiati e chiedono solo di essere (ri)utlizzati (gratis !).

Si toglie un poco di spazzatura dal circolo e sono molto piu' robusti (e maneggevoli) di qualsiasi sportina in plastica

Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato
Nagatzul
Mortale adepto
Mortale adepto


Registrato: 09/11/10 22:08
Messaggi: 32
Residenza: Pisa

MessaggioInviato: 08 Mar 2012 08:22    Oggetto: Rispondi citando

Sono anni che vado a far la spesa con i sacchetti di tela, sono i migliori.
Top
Profilo Invia messaggio privato
elisam
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 10/12/08 11:47
Messaggi: 114

MessaggioInviato: 08 Mar 2012 08:41    Oggetto: Rispondi citando

visto che qualcuno se ne intende: che differenza passa fra biodegradabile e compostabile, e, nello specifico, è una bufala anche il compostabile?
Top
Profilo Invia messaggio privato
LeCap
Eroe
Eroe


Registrato: 01/10/11 08:58
Messaggi: 42
Residenza: Internet

MessaggioInviato: 08 Mar 2012 09:13    Oggetto: Rispondi citando

{Surak 2.0} ha scritto:
... Il fotovoltaico è costoso, ma avrete sentito dire che chi lo installa ci guadagna quindi è conveniente, peccato che guadagna soldi presi forzatamente da tutti gli altri (soprattutto poveracci).


Non l'ho capita, me la spieghi?
Top
Profilo Invia messaggio privato
gomez
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 28/06/05 10:26
Messaggi: 1731
Residenza: Provincia di Torino

MessaggioInviato: 08 Mar 2012 10:33    Oggetto: Rispondi citando

elisam ha scritto:
visto che qualcuno se ne intende: che differenza passa fra biodegradabile e compostabile, e, nello specifico, è una bufala anche il compostabile?


se una qualsiasi cosa e' veramente biodegradabile, teoricamente e' anche compostabile in quanto l'azione dei batteri la "digerisce"

ma c'e' un ma: alcuni materiali biodegradabil possono impiegare piu' di un anno a scomparire del tutto e "ritornare alla terra", mentre per i "compostabili" dovrebbe bastare qualche mese come per foglie, rametti, scarti di cucina

di fatto se nel compost metti un sacchetto biodegradabile probabilmente quando il compost e' pronto per concimare l'orto dovrai setacciarlo per recuperare i pezzi del sacchetto ancora non decomposti e rimetterli nel mucchio perche' completino il ciclo di degrado biologico

molto meglio usare i sacchetti biodegradabili per conferire l'umido, che va in impianti che li spezzettano e li mescolano con una massa enorme, dove hanno tempo e modo di scomparire davvero :-)

Mauro
Top
Profilo Invia messaggio privato
Blind Guardian
Semidio
Semidio


Registrato: 26/07/07 14:23
Messaggi: 497
Residenza: Frankfurt

MessaggioInviato: 08 Mar 2012 10:43    Oggetto: Rispondi citando

{Surak 2.0} ha scritto:
E' ovviamente una bufala (o più correttamente una bluffa visto che è un ingano per trarne denaro)... mica ci vuole molto a capirlo.
Com'è che per poratre via la spesa devo usare un sacchetto biodegradabile e per infilarci frutta e verdura devo usare queli normali?
O perchè vendere sacchetti di plastica neri per la spazzatura (anzi, ora è una varietà di colori per ogni tipo di rifiuto) come se quelli non avesero lo stesso destino?
In pratica l'unica cosa che hano ftato è stata di imporre la vendita ai soli consumatori finali e senza contare che c'è la poelmcia sui sacchetti di plastica che si disgregano (fatti di plastica di petrolio, ma "polverizzano") eliminando tutti i pretesti per cui era basata quella eco-bufala e lasciando buste più resistenti e meno costose, ma chiaramente i puristi della tesi hanno protestato insinuando che la bluffa era quella.
Il termine "eco" (ed affini) è un brand che serve ad imporre cose costose alla gente o volontariamrente o per forza di legge, ma nella stragrande maggioranza sono fuffa o comunque quel che si dice non è affatto provato come si lascia invece intendere.
I nutrizionisti ripetono in continuazione che tra prodotti biologici e di agricoltura tradizionale non vi è alcuna differenza secondo i dati di laboratorio. Ma avrete sentito dire mille volte che quella biologica fa meglio.
Il fotovoltaico è costoso, ma avrete sentito dire che chi lo installa ci guadagna quindi è conveniente, peccato che guadagna soldi presi forzatamente da tutti gli altri (soprattutto poveracci).
Le materie prime riciclate sono una ricchezza (e si è mai visto costringere qualcuno ad esere pagato per farsi dare qualcosa di volore?) ed evitano la Co", peccato che nesusno calcoli mai quanto costa tutto l'ambaradan per realizzare tale riciclo di materie prime che poi costano più di quelle originali. O il porta a porta o i mille mila cassonetti colorati con i tizi che passano 100 volte non consumano energia? Il tutto poi perchè? Per evitare di farci energia, quindi consumandola due volte.
Quindi quando sentita la parola "eco"..spalle al muro...spal-le al mu-ro!


Su cosa basi le tue sgrammaticate osservazioni? Confused
Top
Profilo Invia messaggio privato
elisam
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 10/12/08 11:47
Messaggi: 114

MessaggioInviato: 08 Mar 2012 12:02    Oggetto: Rispondi citando

grazie Gomez per la buona spiegazione, ho però un problema: non consegnando l'umido in quanto composto tutto il compostabile ( e per questo il comune mi fa uno sconto sulla tarsu ) non so dove mettere i sacchetti biodegradibili, meglio indifferenziata o plastica o altro? e perchè non passano tutti al compostabile (salvo che non sia una bufala anche questa soluzione)?
Top
Profilo Invia messaggio privato
{Surak 2.0}
Ospite





MessaggioInviato: 08 Mar 2012 14:21    Oggetto: Rispondi citando

LeCap avrai sentito dire mille volte che il fotovoltaico conviene (soprattutto dai piazzisti), giusto?
Ma cosa vuol dire "conviene"? Che se lo installi ottieni una corrente economica che ti ripaga da sola il tutto e magari ci risparmi? Fanno credere che sia questa, soprattutto ai più sempliciotti, invece vuol dire che il costo di tutto il sistema viene diviso sulle bollette degli altri utenti (ovviamente privi di fv, altrimenti il gioco non funziona) mentre l'impianto diventa solo un pretesto per ottenere quei soldi presi tassando gli altri, in pratica sono come i famosi "forestali calabresi" e equiparabili a statali, ed è solo scaricando quei costi sugli altri che il tutto diventa conveniente. Chiaramente qui il piazzista ti dirà che gli altri hanno anche benefici sull'ambiente, che suona bene ma non vuol dire nulla e si può anche fare con molti meno costi nel caso. Non mi pare di svelare alcun segreto di Stato, anche se scritta è più chiara la fuffa.

Blind Guardian mi pare di aver scritto su cosa si basavano, quindi o mi indichi quali non hai capito o non ti hanno soddisfatto, oppure sarei costretto a fare un papello e non mi sembra il caso.
Quanto allo sgrammaticato... posso fare di peggio, ma tu guarda al senso non ai typo, forse non ti sfuggirebbe il già detto
Top
LeCap
Eroe
Eroe


Registrato: 01/10/11 08:58
Messaggi: 42
Residenza: Internet

MessaggioInviato: 08 Mar 2012 16:36    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
LeCap avrai sentito dire mille volte che il fotovoltaico conviene (soprattutto dai piazzisti), giusto?
Ma cosa vuol dire "conviene"? Che se lo installi ottieni una corrente economica che ti ripaga da sola il tutto e magari ci risparmi? Fanno credere che sia questa, soprattutto ai più sempliciotti, invece vuol dire che il costo di tutto il sistema viene diviso sulle bollette degli altri utenti (ovviamente privi di fv, altrimenti il gioco non funziona) mentre l'impianto diventa solo un pretesto per ottenere quei soldi presi tassando gli altri, in pratica sono come i famosi "forestali calabresi" e equiparabili a statali, ed è solo scaricando quei costi sugli altri che il tutto diventa conveniente. Chiaramente qui il piazzista ti dirà che gli altri hanno anche benefici sull'ambiente, che suona bene ma non vuol dire nulla e si può anche fare con molti meno costi nel caso. Non mi pare di svelare alcun segreto di Stato, anche se scritta è più chiara la fuffa.


Fatico a capire ancora, scusa.
L'installazione del fotovoltaico è o non è conveniente per chilo installa?
Cosa significa che a pagare sono coloro i quali non possiedono l'impianto?

Scusa ma l'argomento mi incuriosisce.
Grazie per le delucidazioni
Smile
Top
Profilo Invia messaggio privato
stenoman
Mortale pio
Mortale pio


Registrato: 07/11/05 20:57
Messaggi: 29

MessaggioInviato: 08 Mar 2012 20:51    Oggetto: Rispondi citando

Il fotovoltaico conviene perché si finanzia con degli incentivi statali, più precisamente da un'organo appositamente creato dal governo che si chiama GSE. Questi incentivi vengono finanziati da una tassa sulla bolletta elettrica che si chiama cip6, che serve per finanziare, appunto, approvvigionamenti di energia da fonti rinnovabili e assimilate, la fregatura più grande e quella parolina "assimilate", che significa centrali a carbone, gas ma sopratutto inceneritori, non chiamiamoli "termovalorizzatori" per cortesia. Personalmente il fotovoltaico l'ho installato proprio perché rivoglio indietro quei soldi versati col cip6 con gli interessi, che poi il fotovoltaico sia conveniente senza gli incentivi questo no, ma visto che ci sono tanto vale approfittarne, visto che son lì apposta. C'è da tener presente che il boom del fotovoltaico ha sensibilmente fatto diminuire i costi di questo, meno 15% in 6 mesi, e che lo spauracchio di veder finire gli incentivi, con una relativa brusca frenata di ordinativi, ha spinto le aziende a investire sulla ricerca per trovare soluzioni sempre più economiche e più redditizie. Il boom del fotovoltaico, poi, non fa altro che ribadire che l'essere umano è l'abitante più stupido del pianeta: nel 1913 ad Albert Einstein fu assegnato il premio nobel per la fisica per le sue ricerche sulle celle fotovoltaiche, stiamo usando una tecnologia che ha 100 anni!!! Se avessero approfondito le ricerche, magari a quest'ora saremmo un secolo avanti.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Blind Guardian
Semidio
Semidio


Registrato: 26/07/07 14:23
Messaggi: 497
Residenza: Frankfurt

MessaggioInviato: 09 Mar 2012 09:06    Oggetto: Rispondi citando

È ovvio che se non ci sono interessi economici non si muove mai niente, ma un impianto ben fatto riesce tranquillamente a soddisfare il fabbisogno energetico di una famiglia e oltretutto ne avanza da immettere sulle linee enel che ti paga per questo (o dovrebbe).

Poi naturalmente di strada da fare ce n'è tanta, sia dal punto di vista della ricerca che dal punto di vista delle norme, ma se il fotovoltaico prende piede allora, ci guadagneremo tutti, se non altro in salute...


Lo stesso discorso vale per le buste. È chiaro che la busta di tela batte qualsiasi altra soluzione. Ma siamo realisti, viviamo in una repubblica corporativa basata sul consumismo (se ricordo bene la costituzione) e di portarci la busta in tasca non ci va. Ci possono essere tutti gli interessi economici che ti pare, ma alla fine se devo scegliere tra una busta di plastica che mi galleggia nel Pacifico per 10000 anni e una che si decompone in 100 anni, preferisco la seconda opzione (e non dico scelgo perché tanto non scegliamo un bel niente).
Top
Profilo Invia messaggio privato
Surak 2.0
Comune mortale
Comune mortale


Registrato: 09/03/12 13:11
Messaggi: 1

MessaggioInviato: 09 Mar 2012 13:40    Oggetto: Rispondi citando

LeCap ha scritto:

Fatico a capire ancora, scusa.
L'installazione del fotovoltaico è o non è conveniente per chilo installa?
Cosa significa che a pagare sono coloro i quali non possiedono l'impianto?

Scusa ma l'argomento mi incuriosisce.
Grazie per le delucidazioni
Smile


L'installazione del fotovoltaico è conveniente?
Risposta breve ... "no e sì"
Risposta meno breve "mettere i pannelli sul tetto non è affatto conveniente ed anzi è costossissimo rispetto alla resa. Invece è conveniente usarli a pretesto per prendere soldi dalle tasche di altri cittadini, anche se il GSE fa da tramite, in modo tale che non solo questi poveracci* gli paghino tutto l'impianto (e le banche che spesso finanziano hanno un'altra fetta) ma pure gli facciano guadagnare pure qualcosa in più altrimenti pochi partecipavano a questo sistema parassitario e non funzionava."
In sostanza tutta la filiera fotovoltaica è equiparabile ad un sistema parastatale poichè il tutto non si regge sul mercato, suele rese, sulla tecnologia, ecc... ma sul far pagare il tutto ai cittadini con una tassa. Si parla tanto dei forestali in Calabria, ma questa roba è simile solo che partecipano alla torta molte più persone e nessuna bisognosa (a differenza magari del disoccupato calabrese).

@stenoman

Einstein ha formulato la teoria sul funzionamento delll'effetto fotovoltaico, ma in realtà la sua scoperta è di quasi 200 anni fa, non 100 (Becquerel nel 1839) e quel che spesso sfugge agli ottimisti o ai sostenitori sfegatati è che non sempre basta buttare una marea di soldi in ricerca in un campo per ottenere grandi risultati. Se il fenomeno è piccolo o lo stato della tecnica è prematuro oppure il mondo offre di meglio, diventano solo soldi buttati. Una cosa poi è dare soldi ai laboratori di ricerca pubblici che magari non rendono il FV conveniente, ma magari per caso scoprono altro ed un'altra è dare miliardi ad un sistema parassitario con la scusa che ti mette degli inutili lamierini di costoso silicio (facendo salire i costi per usi migliori) e senza contare che se proprio dovevi mettere sul tetto qualcosa, che invece funziona e può portare a grandi risparmi, era il termosolare, soprattutto in Italia dove le giornate fredde davvero sono poche e spesso è l'aria fredda ma c'è un tenue sole da poter sfruttare (mai salito in macchine dove fuori è freddo e dentro è calduccio?)
Pure lì, purtroppo però la speculazione galoppa e roba da pochi spicci la fanno costare come fosse l'ultimo ritrovato della tecnologia

* che magari faticano ad arrivare a fine mese, altro che installarsi loro i pannelli e prendere soldi ad altri
Top
Profilo Invia messaggio privato
{utente anonimo}
Ospite





MessaggioInviato: 09 Mar 2012 16:15    Oggetto: Rispondi citando

I sacchetti fatti di mais sono completamente biodegradabili. Questi vanno bene in casi estremi ma basta usare dei sacchi riutilizzabili di tela o di plastica dura (in Svizzera la gente li usa da anni, anche se non tutti ma molti sì). Io li dimentico spesso a casa ma per ovviare ne lascio 5-6 sempre in auto. E SONO MOLTO PIÙ RESISTENTI!! ^___^
Top
Zeus
Amministratore
Amministratore


Registrato: 21/10/00 01:01
Messaggi: 12715
Residenza: San Junipero

MessaggioInviato: 09 Mar 2012 18:02    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
I sacchetti fatti di mais


e mal che vada, se ti viene fame...
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
linguist
Semidio
Semidio


Registrato: 09/02/08 22:27
Messaggi: 449
Residenza: ITALIA ma vorrei essere altrove, davvero non qui.

MessaggioInviato: 09 Mar 2012 18:32    Oggetto: Acqua sul fuoco, non olio! Rispondi

{Surak 2.0} ha scritto:
[...]Blind Guardian mi pare di aver scritto su cosa si basavano, quindi o mi indichi quali non hai capito o non ti hanno soddisfatto, oppure sarei costretto a fare un papello e non mi sembra il caso.
Quanto allo sgrammaticato... posso fare di peggio, ma tu guarda al senso non ai typo, forse non ti sfuggirebbe il già detto


Non entro nel merito della parte tecnica inerente la questione, né è mia intenzione spalleggiare Blind Guardian o contestare violentemente l'autore del passaggio.

Ma mi chiedo se Surak 2.0 abbia mai fatto caso al pulsante Anteprima posto poco più in basso rispetto alla finestra in cui scrive il proprio intervento.

La comprensione del senso/significato di ciò che scriviamo è legato alla forma. Chi legge cerca di capire quanto scritto, ma se il testo contiene molti errori di battitura dovuti alla fretta o pigrizia di chi scrive e anche errori grammaticali o sintattici il messaggio stenta ad "arrivare". Capita a tutti di scrivere di fretta, ma la rilettura o riletture aiutano a farsi capire. Smile
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze e nuove tecnologie Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi