Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Dichiarazioni dei redditi pubblicate online
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Privacy
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
yllas
Semidio
Semidio


Registrato: 25/06/08 11:00
Messaggi: 427
Residenza: alassio

MessaggioInviato: 25 Gen 2012 12:36    Oggetto: Rispondi citando

Io istintivamente risponderei SI.
Però, pensandoci, credo che, a fronte di una giusta mossa per mettere alla berlina chi non paga le tasse, potremmo creare gravi problemi a chi dichiara il giusto e quindi paga il giusto. Potrebbero essere presi di mira dalla delinquenza e, quindi, otterremmo il risultato opposto a quello desiderato. Opto per il "non saprei"
Top
Profilo Invia messaggio privato
yllas
Semidio
Semidio


Registrato: 25/06/08 11:00
Messaggi: 427
Residenza: alassio

MessaggioInviato: 25 Gen 2012 12:38    Oggetto: Rispondi citando

Chiedo scusa. Era un doppio del precedente messaggio.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Blind Guardian
Semidio
Semidio


Registrato: 26/07/07 14:23
Messaggi: 497
Residenza: Frankfurt

MessaggioInviato: 25 Gen 2012 12:46    Oggetto: Rispondi citando

Non mi pare ci sia alcun bisogno di mettere on line le dichiarazioni dei redditi... Ieri si è parlato di una cosa molto più sensata e cioè mettere on line i nome degli evasori...

Non capisco come si possa anche solo immaginare di prendere in considerazione la prima ipotesi dopo aver scartato la seconda...
Top
Profilo Invia messaggio privato
yllas
Semidio
Semidio


Registrato: 25/06/08 11:00
Messaggi: 427
Residenza: alassio

MessaggioInviato: 25 Gen 2012 13:19    Oggetto: Rispondi citando

Sono assolutamente d'accordo con te!
Top
Profilo Invia messaggio privato
Roberto1960
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 21/01/08 00:39
Messaggi: 1167
Residenza: Roma

MessaggioInviato: 25 Gen 2012 14:14    Oggetto: Rispondi citando

Blind Guardian ha scritto:
Non mi pare ci sia alcun bisogno di mettere on line le dichiarazioni dei redditi... Ieri si è parlato di una cosa molto più sensata e cioè mettere on line i nome degli evasori...
Non capisco come si possa anche solo immaginare di prendere in considerazione la prima ipotesi dopo aver scartato la seconda...


Soprattutto non si capisce a cosa mai potrebbe servire.
Non è che una dichiarazione di redditi elevati o bassi possa automaticamente essere messa in relazione con comportamenti scorretti verso il fisco.
Può darsi benissimo che ci sia chi denuncia redditi molto alti però paghi regolarmente tutte le tasse che gli competono.

Si dirà che si potrebbe controllare chi denuncia redditi bassi e poi conduce uno stile di vita in evidente contrasto con la sua dichiarazione.
Ottima cosa, purché questi controlli li faccia l'Erario e non il vicino di casa!
Top
Profilo Invia messaggio privato
michele.bartolettistella
Comune mortale
Comune mortale


Registrato: 26/09/11 18:27
Messaggi: 3

MessaggioInviato: 25 Gen 2012 15:15    Oggetto: Rispondi citando

Appena ho letto il sondaggio ho risposto senza pensarci due volte, ma devo dire che su alcuni punti le parole di Budspenzer mi hanno fatto riflettere.

Mi considero un sostenitore della trasparenza, perché mi pare che possa rappresentare l'unica risposta efficace (e la meno stancante) alle ingerenze della Rete sulla vita delle persone. Il mio nickname, non a caso, ricalca il mio nome vero.

Mi spiego: ogni giorno Internet dà prova di aver violato una parte della nostra riservatezza. Oggi sono gli stipendi, domani la foto in cui ceniamo con una ragazza, un'altra volta il nome e il numero di torrent che abbiamo scaricato, oppure l'immagine aerea della nostra casa.

O si combatte con altrettanti Garanti, aggiungendone ogni volta uno di più, progettando sistemi sempre più sofisticati di protezione e lottando sempre più strenuamente per recuperare e mantenere la riservatezza, oppure ci si mette il cuore in pace: ammesso che sia mai esistita, la privacy in senso stretto non esiste più.

Sapendolo, ci si costruisce una vita trasparente, cioè immune alle minacce di compromissione. Se decido di commettere un'azione illegale (o immorale), sono cosciente che in futuro potrà senz'altro emergere: ciò non mi impedirà di comportarmi come mi pare, ma dovrò tenere in considerazione l'alto rischio di essere scoperto, prima o poi.

È più facile per i giovani: hanno la vita davanti, ed essendo nati accanto a Internet agiranno sempre con questa consapevolezza. Per un adulto è diverso: durante i decenni passati magari si è macchiato di qualche azione un po' fumosa, e adesso questo Internet lo mette con le spalle al muro.

Poco male: si abitui.

A proposito: budspenzer, non è che tu sei così concitato perché hai qualcosa proprio nella tua dichiarazione dei redditi che ti imbarazzerebbe agli occhi degli altri?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Johannes Bückler
Comune mortale
Comune mortale


Registrato: 24/01/12 17:42
Messaggi: 1

MessaggioInviato: 25 Gen 2012 15:37    Oggetto: Rispondi citando

Molti cittadini di fronte alla possibilità di pubblicare i redditi sollevano la preoccupazione (con questo strumento) di dare notizie che possano essere sfruttate dalla delinquenza per ricatti, sequestri o altro. Volevo tranquillizzare tutti. Visto che esistono pochissimi cittadini in Italia che dichiarano più di 200.000 euro lordi, probabilmente questi reati sparirebbero e la delinquenza si occuperebbe di altro. Vi assicuro che la delinquenza si attiva di fronte a patrimoni visibili, non certo sulle dichiarazione dei redditi, che nel nostro Paese, sono da fame.
Saluti
Johannes
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
{Michele}
Ospite





MessaggioInviato: 26 Gen 2012 09:59    Oggetto: Rispondi citando

Ma riflettete un attimo.
Ipotizzando io sia un malvivente (in realtà sono uno studente per il momento ... tanto per frenare sul nascere chi possa ipotizzare che abbia qualche reddito da nascondere..) ; magari russo (non perché i russi siano cattivi ma perché non sono perseguibili per reati "informatici" dato che la loro legislazione non li prevede) e che mi trovo?
Milionate di dati online.
No.
Non dati qualsiasi , perché io lo ricordo le dichiarazioni pubblicate non erano dati qualsiasi.

Nome Cognome Residenza (provincia città/paese via n civico) data di nascita e reddito.
(ed altri che ora non mi vengono in mente , evidentemente non erano così succosi)

Credo che esulterei.
Fino a al giorno prima avrei cercato di raggranellare indirizzi di posta , assai virtuali , per schedare potenziali clienti a cui inviare posta indesiderata ed ora ... dati di persone vere che con buona approssimazione mi permetterebbero di ricostruire pure il loro codice fiscale ed associarvi il loro numero telefonico reale...

Non vi pare esagerato?
Per una caccia alle streghe, che probabilmente manco compaiono in quegli elenchi, esponiamo i dati per intero dei pochi onesti che pagano.
Dati che permettono facilmente di rubare la loro identità.

E ricordiamocelo che quando ad equitalia o chi per essa (agenzia di riscossione) viene segnalato che il soggetto X deve pagare , lei fa riscuotere , non le frega nulla se è palese che il soggetto Y ha impersonato il soggetto X.
Ci sono delle carte con i dati di X che dicono che X deve pagare e loro , a costo di pignorare la casa faranno in modo che X paghi.
Top
Gladiator
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 05/12/10 20:32
Messaggi: 9451
Residenza: Purtroppo o per fortuna Italia

MessaggioInviato: 28 Gen 2012 15:56    Oggetto: Re: Dichiarazioni On Line Rispondi citando

Johannes Bückler ha scritto:
Molti cittadini di fronte alla possibilità di pubblicare i redditi sollevano la preoccupazione (con questo strumento) di dare notizie che possano essere sfruttate dalla delinquenza per ricatti, sequestri o altro. Volevo tranquillizzare tutti. Visto che esistono pochissimi cittadini in Italia che dichiarano più di 200.000 euro lordi, probabilmente questi reati sparirebbero e la delinquenza si occuperebbe di altro. Vi assicuro che la delinquenza si attiva di fronte a patrimoni visibili, non certo sulle dichiarazione dei redditi, che nel nostro Paese, sono da fame.
Saluti
Johannes

Sono completamente d'accordo, i delinquenti accertano i patrimoni molto meglio dell'Agenzia delle Entrate prima di decidere contro chi agire.

Concordo anche con Blind Guardian è comunque molto più sensato pubblicare i nomi degli evasori.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Cesco67
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 15/10/09 10:34
Messaggi: 1399
Residenza: EU

MessaggioInviato: 28 Gen 2012 22:37    Oggetto: Rispondi citando

Io sono un sostenitore della privacy. O meglio, per certe cose sono "liberista" cioe' penso che ognuno puo' fare cio' che vuole purche' non leda gli altri. In altre parole chi vuole esporre tutti i fatti propri al mondo liberissimo di farlo a condizione che non pretenda lo stesso da altri. Quindi chi dice che non ha nulla da nascondere e vuole pubblicare la propria dichiarazione dei redditi (ma anche lo stato di salute, il credo religioso, le abitudini sessuali, e chi piu' ne ha ne metta) lo puo' benissimo fare, non mi risulta sia vietato.

Parlando di me nemmeno io non ho nulla da nascondere ma mi sta enormemente sulle b@ll3 che altri possano sapere quanto guadagno (giusto per la cronaca sono un banale impiegato, non un dirigente di banca o un dentista o un avvocato, ecc.), soprattutto parenti e amici.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Kalandra
Dio minore
Dio minore


Registrato: 17/10/05 09:58
Messaggi: 775

MessaggioInviato: 30 Gen 2012 14:52    Oggetto: Rispondi citando

Cesco67 ha scritto:
io non ho nulla da nascondere ma mi sta enormemente sulle b@ll3 che altri possano sapere quanto guadagno (giusto per la cronaca sono un banale impiegato, non un dirigente di banca o un dentista o un avvocato, ecc.), soprattutto parenti e amici.


bah, parenti a amici in genere lo sanno, più o meno.
ti frequentano, vedono le tue possibilità, magari qualcosa racconti o ti lamenti che non ce la fai.. non sapranno tutto ma in linea di massima non è che nascondi il tuo stare agli amici più cari.
e la cosa resta lì, "fra quattro gatti".
gli "altri" invece sono una massa indistinta quanto variegata nelle intenzioni e a cui - ancora - non siamo tenuti a render conto.

i redditi online rischierebbero di scatenare - più che una guerra fra poveri - una corsa alla delazione del vicino che "come ha fatto a comprare l'auto nuova con quel reddito".
(naturalmente senza saperne l'origine, dalla vincita al lotto all'eredità, al prestito con la concessionaria)
ma lo stato, questo, ha tutti i mezzi per saperlo.

mettere i nomi degli evasori invece - quelli accertati immagino - assomiglia tanto a un ripristino della gogna medievale, pomodori e uova inclusi.
ché anche qui, se sono accertati, stan già sudando.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Molok
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 19/04/05 01:21
Messaggi: 139
Residenza: Lodi

MessaggioInviato: 13 Feb 2012 15:43    Oggetto: Rispondi citando

Signori, io punto il dito su questa idea: "La dichiarazione dei redditi è una informazione personale".
Stiamo parlando innanzitutto di una DICHIARAZIONE!
... chi di voi la ha mai pensato di fare una dichiarazione chiuso in camera sua?
Inoltre parliamo dei soldi che ognuno DEVE dare alla collettività!
... nessuno vuole sapere come spendi i tuoi guadagni, ma è corretto sapere se partecipi alle spese comuni.

Detto questo, però, do ragione a chi parla di moderazione e chiede di riflettere bene sulle implicazioni:
i dati liberamente consultabili in chiaro sono alla mercè di aziende (nel migliore dei casi) che, se non di peggio, possono selezionare i possibili clienti a cui rompere le scatole telefonando a casa... insomma, è gratuitamente discriminante.

Ammesso che la questione della "trasparenza" sia più ampia, accetterei comunque volentieri la possibilità, per esempio, che Tizio vada alla agenzia delle entrate e chieda, dietro pagamento della pratica, tipo una "visura", 5-10 EURO, il mio VERSATO di tasse (non il dichiarato, con buona pace di chi lamenta i genitori a carico... che "si scaricano").
OVVIAMENTE lasciando nome, cognome, ecc. e motivo della richiesta che dovrebbe rientrare in una serie di casistiche previste e benaccette, tutti dati DA ME CONSULTABILI !!! in modo che possa anche, nel caso, denunciare Tizio per dichiarazione di falso se dovesse fare una "visura" dichiarando un motivo non vero.

Insomma, una via di mezzo che fosse equa in quanto a responsabilità anche per chi fa il "curioso"...

---- aggiunta -----
Ho riletto un po i post e in effetti una domanda mi ronza in capo: ma a cosa servirebbe?
Buon erario a tutti...
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
Zievatron
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 22/12/10 23:36
Messaggi: 3234

MessaggioInviato: 14 Mar 2012 14:32    Oggetto: Rispondi citando

Non penso proprio che servirebbe a qualcosa.
Che se ne fa la gente di poter vedere su internet la dichiarazione dei redditi degli altri?
Se è per vedere chi è che vive da ricco e dichiara quattro soldi, non è certo la gente che deve vederlo.
Se è per sapere quanto guadagnano alcune categorie particolari, come i parlamentari, non serve certo la pubblicazione su internet delle dichiarazioni dei redditi.
Alla fine, penso proprio che servirebbe solo a dare fastidio e creare problemi.
Top
Profilo Invia messaggio privato
grober
Mortale pio
Mortale pio


Registrato: 03/12/06 09:02
Messaggi: 29
Residenza: Bibione - Pordenone

MessaggioInviato: 15 Nov 2012 01:02    Oggetto: Rispondi citando

Salute a tutti,
fino a non molto tempo fa, dopo le dichiarazioni dei redditi, nel Gazzettino venivano pubblicati i nomi dei maggiori contribuenti;
ricordo però che non c'era 'sto clima da caccia alle streghe Surprised , anzi era motivo di vanto per quanti avessero il proprio nome
pubblicato nelle pagine dedicate alla cronaca locale.
Forse centra il fatto che sto parlando del Nordest degli anni pre-crisi. Di certo si fa un gran parlare,di questi tempi,
secondo me, di privacy che è si una cosa seria ma che andrebbe trattata in un modo questa si, più trasparente. Invece spesso
ci troviamo di fronte a regole e regolette che fanno venire voglia di un manualetto, un 'how to' per districarsi ed aggiornarsi Confused .
Buona notte
Roberto

ps
naturalmente esprimo il mio parere e so per certo che non è la 'verità' Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato
Kalandra
Dio minore
Dio minore


Registrato: 17/10/05 09:58
Messaggi: 775

MessaggioInviato: 15 Nov 2012 12:22    Oggetto: Rispondi citando

@ "grober"/Roberto,

spesso, nella mentalità corrente, chi "ha" è considerato un "riuscito", una sorta di "intelligenza superiore".
(secondo me gran parte della fortuna elettorale di Berlusconi è dovuta proprio a questo "senso comune")
questo per dire che non è strano che - come dici - finire sul giornale fra i maggiori contribuenti locali fosse, un tempo, un motivo di vanto, anche doppio: "guardate quanto son bravo, sono riuscito nella vita e anche sono onesto perché pago le tasse" ( Wink anche mister B., maestro di comunicazione, l'ha affermato più volte, di "essere fra i maggiori contribuenti italiani").
un tempo. perché oggi, con la delinquenza assortita di cui è preda questo stato, il vanto si è tramutato nel pericolo di attirarne l'attenzione.

in quanto ai manualetti.. be', la fantasia in questo senso dei governanti è davvero infinita! Laughing
e mi par tanto il classico fumo!

eccone un esempio odierno:

Citazione:
Lo scopo del Redditest è indurre i cittadini a una corretta compilazione della dichiarazione dei redditi, mostrando loro che in base al tenore di vita l'Agenzia ha gli strumenti per attivare i controlli di natura presuntiva.
[..]
Il programma aggiungerà poi in automatico le spese indispensabili per una famiglia, dal cibo all'abbigliamento, calcolate in base all'Istat e alla propria tipologia familiare.



Laughing Laughing ovvero, "trema travet, il fisco ti osserva!"

se almeno questa "tipologia famigliare" servisse a ridurre le tasse alla ridda che è stipendio fisso e unico reddito.. o ad aumentare in maniera congrua le detrazioni per coniuge e figli a carico che attualmente son ridicole..
Top
Profilo Invia messaggio privato
trinitron
Mortale devoto
Mortale devoto


Registrato: 06/11/19 23:50
Messaggi: 6

MessaggioInviato: 07 Nov 2019 00:05    Oggetto: Rispondi

Ciao Michele,
io sono uno di quelli che li ha scaricati per curiosità.
Vorrei informarti che si tratta di file .txt estremamente scarni, dove NON c'è assolutamente nessun indirizzo, numero civico o chissà che altro di estremamente personale.
Molto banalmente, su di UNA UNICA RIGA, trovi nome, cognome, lordo e tasse pagate. STOP
Gli omonimi ovviamente sono tantissimi e non è facile capire se il nome cercato appartiene veramente alla persona che si ha in mente.
Ricordo che dopo qualche rapida occhiata non ho mai più avuto la fantasia di andarli di nuovo a consultare. Giace tutto in qualche hard disk a prendere polvere.
Salutaci i malviventi russi e avvertili che per ora non se ne fa nulla Wink

{Michele} ha scritto:
Ma riflettete un attimo.
Ipotizzando io sia un malvivente (in realtà sono uno studente per il momento ... tanto per frenare sul nascere chi possa ipotizzare che abbia qualche reddito da nascondere..) ; magari russo (non perché i russi siano cattivi ma perché non sono perseguibili per reati "informatici" dato che la loro legislazione non li prevede) e che mi trovo?
Milionate di dati online.
No.
Non dati qualsiasi , perché io lo ricordo le dichiarazioni pubblicate non erano dati qualsiasi.

Nome Cognome Residenza (provincia città/paese via n civico) data di nascita e reddito.
(ed altri che ora non mi vengono in mente , evidentemente non erano così succosi)

Credo che esulterei.
Fino a al giorno prima avrei cercato di raggranellare indirizzi di posta , assai virtuali , per schedare potenziali clienti a cui inviare posta indesiderata ed ora ... dati di persone vere che con buona approssimazione mi permetterebbero di ricostruire pure il loro codice fiscale ed associarvi il loro numero telefonico reale...

Non vi pare esagerato?
Per una caccia alle streghe, che probabilmente manco compaiono in quegli elenchi, esponiamo i dati per intero dei pochi onesti che pagano.
Dati che permettono facilmente di rubare la loro identità.

E ricordiamocelo che quando ad equitalia o chi per essa (agenzia di riscossione) viene segnalato che il soggetto X deve pagare , lei fa riscuotere , non le frega nulla se è palese che il soggetto Y ha impersonato il soggetto X.
Ci sono delle carte con i dati di X che dicono che X deve pagare e loro , a costo di pignorare la casa faranno in modo che X paghi.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Privacy Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi