Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Tecnologie controverse
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze e nuove tecnologie
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Zeus News
Ospite





MessaggioInviato: 19 Apr 2014 12:08    Oggetto: Tecnologie controverse Rispondi citando

Leggi l'articolo Tecnologie controverse
Qual è il peggiore tra questi scenari?


 

 

Segnala un refuso
Top
spacexplorer
Dio minore
Dio minore


Registrato: 08/10/09 10:22
Messaggi: 610

MessaggioInviato: 27 Apr 2014 15:59    Oggetto: Rispondi citando

Direi il prosieguo senza modifiche delle linee di sviluppo attuali: come
specie stiamo pian piano annullando la selezione naturale perdendo sia in
intelligenza che in prestanza fisica, di questo passo, senza cambiamenti,
tra un secolo saremmo tornati ad un popolo bue analfabeta dipendente da un
sistema che lo controlla: dipendente poiché ha bisogno di cure, di vari
servizi "della società" che di fatto sono in mano a pochi e sono fatti in
modo da essere facilmente controllabili ad un livello tale per cui la
"ribellione partigiana" (vista la vicinanza col 25 aprile) non sarà
sostanzialmente più possibile. Per dipendenza pensate solo alla capacità di
muoversi: pensate ad uno scenario di auto che si guidano da sole sotto il
controllo di un sistema centrale, pensate ad auto che si alimentano dalla
strada stessa (es. i treni elettrici attuali) e che quindi sono ad essa
totalmente vincolati, pensate alla "necessità" di essere sempre connessi,
di aver sempre un navigatore che a sua volta dipende al 100% da una grande
multinazionale e da un sistema di navigazione in mano a pochissimi...

Gli impianti nel corpo non sono un problema se sono fatti per aiutare l'uomo,
se sono quindi opensource, progettati e costruiti da svariati soggetti, resi
non indispensabili, personalizzabili "in casa" ecc, al contrario sono una
sorta di apocalisse se sono indispensabili per vivere ed in mano a pochi: un
esempio? Che ne dite se una larghissima fetta dell'umanità avesse bisogno o
per lo meno ritenesse di aver bisogno di un certo impianto che sono due-tre
aziende producono e che cotali aziende sono in grado di impedire grazie alla
loro mole, alla complessità volutamente mantenuta nel processo produttivo ecc
di evitare facilmente l'insorgere di concorrenti? Per tornare allo scenario
di cui sopra: se il navigatore è totalmente inerziale, si basa su segnali
ambientali (chessò, le pulsar) per correggere derive, le mappe sono fatte dai
singoli utenti (es. OpenStreetMaps) e sono distribuite non ospitate su una
serie di server privati. Il navigatore stesso lo possiamo stampare in casa con
materie prime che raccogliamo in giardino o da altri oggetti che abbiamo. La
dipendenza dal navigatore in questo caso è un problema assolutamente marginale.
Idem l'auto: se abbiamo auto volanti alimentate da fonti energetiche che
possiamo gestire in privato (fantastico: microreattori che siamo in grado di
farci in casa) anche se dipendenti dall'auto non saremmo schiavi. Anzi per
poter evolvere saremmo schiavi della "collaborazione" sociale vs il dominio
di pochi (aristo-, timo-, *- che siano).

L'eugenetica di nuovo non è necessariamente un problema se il sapere e i
mezzi per praticarla sono a diffusione universale: qualcuno farà qualche
mostro, potranno crearsi brutti scenari ma la specie nel suo complesso non
ne avrebbe grandi danni. Al contrario pensate ai semi OGM attuali: prodotti
da pochissimi, le piante da loro nati rese sterili, diffusi ad un livello
tale per cui è estremamente difficile, lungo (anni) e costoso uscire dal
giro...

Di esempi ne abbiamo tanti a partire da noi stessi: l'uomo stesso è un'animale
sociale ma il singolo umano è un individuo.

Forse il peggior scenario è continuare a demolire la scuola (ovvero il sapere
tecnico ed umanistico, ovvero la memoria storica necessaria per non ripetere
errori del passato e proseguire l'evoluzione) e continuare a rendere sempre
più dipendenti tutti da qualcosa a sua volta privo di serie interdipendenze
con terzi (Google-polio, Facebook-polio, Samsung-polio, Petrolio-polio,
Intel-polio, Farmaco-polio, ...)
Top
Profilo Invia messaggio privato
{Guy Fawkes}
Ospite





MessaggioInviato: 27 Apr 2014 16:54    Oggetto: Rispondi citando

I poteri forti, occultamente, controllano e distorcono le informazioni, controllando la formazione delle opinioni, attraverso media compiacenti.
Top
kenshir
Semidio
Semidio


Registrato: 21/02/07 15:29
Messaggi: 441
Residenza: un punto nero sulla faccia del mondo

MessaggioInviato: 28 Apr 2014 03:15    Oggetto: Rispondi citando

Commento notevole spacexplorer.
Visionario il giusto, mette in evidenza puntualmente le vere criticita' del nostro attuale modello di sviluppo, per modificare le quali dovremmo spendere la maggior parte delle nostre energie.

Non sono le leggi o i loro effetti il vero problema, sono i principi fondanti da cui devono muovere i legislatori quelli che vanno ridiscussi collettivamente con massima urgenza. Una forte sterzata nella direzione della condivisione della conoscenza non puo' piu' essere rimandata, in nessun settore.
Su questo ci giochiamo tutto, tanto da far divergere diametralmente i possibili scenari futuri: da una parte un'evoluzione convulsa, imprevedibile, ma tendenzialmente migliorativa, come e' stata quella biologica. Dall'altra una serie di perfettamente pianificate schiavitu'.
Top
Profilo Invia messaggio privato
{Claudio}
Ospite





MessaggioInviato: 28 Apr 2014 10:42    Oggetto: Rispondi citando

Utilizzo di droni/robot/unmanned vehicles/ecc.. per scopi bellici.
Se la guerra è già una cosa bestiale per contosuo, spersonalizzarla rendendola "asettica" (per chi gestisce i mezzi robotizzati contro le persone) rischia di eliminare anche le ultime remore morali.
Top
{mauri}
Ospite





MessaggioInviato: 28 Apr 2014 12:05    Oggetto: Rispondi citando

ci ciberemo di carne umana non avendo altro da mangiare
Top
Undertaker
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 25/02/14 16:00
Messaggi: 93

MessaggioInviato: 28 Apr 2014 13:41    Oggetto: Rispondi citando

Per me la selezione genetica degli embrioni,allo scopo di migliorare la specie è una cosa meravigliosa. Non capisco cosa vi si possa trovare di "controverso".
Probabilmente è la demente mentalità antiscientifica italiana che ci porta a rifiutare ogni miglioramento
Top
Profilo Invia messaggio privato
{Diego}
Ospite





MessaggioInviato: 28 Apr 2014 14:34    Oggetto: Rispondi citando

Collasso della società industriale... tutti a zappare la terra (i sopravvissuti) e tanti saluti a tutte queste amenità tecnologiche :-)
Top
{tuma}
Ospite





MessaggioInviato: 28 Apr 2014 15:25    Oggetto: Rispondi citando

Il peggio: se le persone dovessero incontrarsi solo sui social e diventassero realmente dipendenti dalla connessione in rete...
Top
gomez
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 28/06/05 10:26
Messaggi: 1660
Residenza: Provincia di Torino

MessaggioInviato: 28 Apr 2014 15:40    Oggetto: Rispondi

{Claudio} ha scritto:
Utilizzo di droni/robot/unmanned vehicles/ecc.. per scopi bellici.

Io vedo già abbastanza agghiacciante l'uso "pacifico" di droni da parte di privati, con magari appesa una cassa di birra che si squarcia 100 metri sopra una strada affollata... Shocked

Mentre vedo meno controindicazioni per altre tecnologie, come quella di poter intervenire sull'intelligenza del nascituro, non per farne un genio ma per rimediare ad eventuali deficit cognitivi (Down, Asperger eccetera).

Mauro
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze e nuove tecnologie Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a 1, 2, 3  Successivo
Pagina 1 di 3

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi