Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Uber e i tassisti
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Sopravvivere alla new economy
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Zeus News
Ospite





MessaggioInviato: 24 Mag 2014 18:09    Oggetto: Uber e i tassisti Rispondi citando

Leggi l'articolo Uber e i tassisti
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.


 

 

Segnala un refuso
Top
{ice}
Ospite





MessaggioInviato: 24 Mag 2014 18:36    Oggetto: Rispondi citando

i tassisti hanno pagato una regolare lincenza allo Stato, inoltre devono seguire tutta una serie di normative di sicurezza sul lavoro. Inoltre pagano le tasse sul reddito percepito. Se l'app Uber dovesse essere legalizzata tal quale, allora ai tassisti andrebbero restituiti i soldi della licenza pagato allo Stato/amministrazioni comunali e gli dovrebbe essere concesso di lavorare senza pagare tasse o rispettare alcuna normativa di sicurezza sul lavoro. Esattamente le stesse condizioni di chi offre il servizio tramite l' app Uber.
Le regole devono essere uguali per tutti
Top
matteotorretta
Comune mortale
Comune mortale


Registrato: 25/05/14 01:06
Messaggi: 1

MessaggioInviato: 25 Mag 2014 01:25    Oggetto: Rispondi citando

Buongiorno ad Ice ed a tutti,

conosco un po' il mondo dei taxi e penso sia doverosa qualche precisazione.
Anzitutto la licenza per fare il tassista, pur essendo rilasciata originariamente dal pubblico, da tempo ormai viene ceduta a carissimo prezzo ( nelle grandi città si parla di varie centinaia di migliaia di euro ) da chi va in pensione . I tassisti debbono seguire delle regole e debbono essere assicurati ( con massimali importanti ). I tassisti pagano le tasse sul reddito dichiarato. Solitamente infatti dichiarano circa il 25-30% di quanto incassano. I tassisti appartengono ad una categoria "coccolata" dalle istituzioni, sia per la magnanimità dello stato che non si interessa agli incassi effettivi, sia per i contributi regionali/statali che vengono erogati ai tassisti. Giusto far notare che chi lavora deve mettersi in regola, giusto far notare che le regole debbono essere uguali per tutti ( tassisti compresi ).
Top
Profilo Invia messaggio privato
franz
Dio minore
Dio minore


Registrato: 25/05/05 16:12
Messaggi: 769
Residenza: Lac Majeur

MessaggioInviato: 25 Mag 2014 07:11    Oggetto: Rispondi citando

Diciamo che prima di tutto vanno messe le cose al proprio posto.
Facciamo prima le debite differenze tra Uber e Uber-Pop che partono da presupposti piuttosto diversi.
Uber-Pop così com'è mi sembra decisamente fuori legge, per quanto riguarda Uber invece le cose sono ben diverse, visto che chi opera in quel caso sono gli NCC.
C'è tutta la polemica sul fatto che dovrebbero partire dalla rimessa e li tornare a fine servizio, ma se andiamo a vedere come lavorano già normalmente gli NCC scopriamo che le cose non sono poi così sempre precise.
Non per altro se vai a Malpensa i tassisti e gli chiedi cosa ne pensano degli NCC non ricevi risposte molto amichevoli.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Tonnino
Mortale devoto
Mortale devoto


Registrato: 19/04/10 21:12
Messaggi: 15
Residenza: Nuragica

MessaggioInviato: 25 Mag 2014 08:07    Oggetto: Rispondi citando

Uber va vietato perché è giusto che i tassisti italiani possano avere il monopolio ed esercitarlo senza alcun controllo, senza emettere alcuno scontrino fiscale e mantenendo le tariffe più alte in Europa (ricerca della CGIA di Mestre consultabile sull'omonimo sito).

Per aiutare un altro po' questa categoria si potrebbero anche eliminare i mezzi pubblici e limitare l'accesso ad un raggio di 5 km dalle zone centrali delle città alle sole vetture dei tassisti.

Già per legge, ricordiamocelo tutti, inspiegabilmente 'i tassisti sono esentati dall’obbligo di emissione di fattura o ricevuta fiscale ed inoltre il trasporto pubblico di persone in ambito cittadino non è gravato da IVA ( art.10 n°9 – DPR 633/1972). Su richiesta del cliente è consuetudine rilasciare una ricevuta in carta semplice.'
Top
Profilo Invia messaggio privato
zero
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 22/03/08 17:34
Messaggi: 1204

MessaggioInviato: 25 Mag 2014 08:33    Oggetto: Rispondi citando

Il problema non e' l'app. Se l'app fosse sostituita da un numero telefonico (come avviene gia' per i taxi) cambierebbe qualcosa?
NO.
L'app, il futuro, internet, non centrano niente.

La domanda e' un'altra.
Per fare il taxista devo seguire le leggi vigenti? Oppure lo faccio comunque, fregandomene?
Top
Profilo Invia messaggio privato
{ice}
Ospite





MessaggioInviato: 25 Mag 2014 08:51    Oggetto: Rispondi citando

gli NCC almeno nella mia provincia, di solito lavorano per conto di aziende con cui stipulano un contratto di fornitura del servizio e su cui pagano le tasse. E tipicamente per tratte lunghe (90 per cento da/per aereoporto) e con prenotazione in largo anticipo.
Quindi sono molto poco in concorrenza coi taxi. E cmq emettono appunto regolare licenza. Se volete gli NCC hanno la loro trasposizione moderna nei BlaBlaCar.
Il fatto che qualunque auto possa all'istante diventare un Uber in qualunque punto si trova, la rende di fatto in competizione coi servizi di radiotaxi. Ma a questo punto dovrebbe essere allineate regimi fiscali e regolamentazione. Resta il fatto che i tassisti hanno pagato una regolare licenza per svolgere quel lavoro. Se la licenza non è piu necessaria lo stato dovrebbe restituirgli l'importo.
Top
{ice}
Ospite





MessaggioInviato: 25 Mag 2014 08:55    Oggetto: Rispondi citando

All'estero i taxi costano meno perchè le auto invece di essere di proprietà del tassista, sono di enormi società. Un po' come gli autonoleggi. Il tassista poi è solo un dipendente che a turno guida l'auto. Le auto vengono fatte lavorare h24 facendo turnare gli autisti e con brevi soste di pulizia e controllo al cambio turno. In questo modo l'autista non deve pagarsi un commercialista, ma è un semplice dipendente. L'auto e tutti i servizi collegati costano molto meno alla società perchè puo fare economie di scala e ha molto piu potere contrattuale, inoltre l'automezzo viene sfruttato al 100 per cento fino all'esaurimento
Top
Tonnino
Mortale devoto
Mortale devoto


Registrato: 19/04/10 21:12
Messaggi: 15
Residenza: Nuragica

MessaggioInviato: 25 Mag 2014 09:53    Oggetto: Rispondi citando

Certo, all'estero (Inghilterra, Francia, Germania, Olanda, Danimarca etc.) è risaputo che ci sono leggi che, a differenza che in Italia, consentono lo sfruttamento dei lavoratori (come tassisti, in questo caso) da parte di società di sanguisughe.

Per fortuna che noi siamo il baluardo della legalità che, è risaputo e riconosciuto internazionalmente, esportiamo negli altri Paesi dell'UE dove manco sanno cosa siano i diritti civili e le norme sulla protezione del lavoratore.

Laughing
Top
Profilo Invia messaggio privato
Tonnino
Mortale devoto
Mortale devoto


Registrato: 19/04/10 21:12
Messaggi: 15
Residenza: Nuragica

MessaggioInviato: 25 Mag 2014 09:56    Oggetto: Rispondi

{ice} ha scritto:
gli NCC almeno nella mia provincia, di solito lavorano per conto di aziende con cui stipulano un contratto di fornitura del servizio e su cui pagano le tasse. E tipicamente per tratte lunghe (90 per cento da/per aereoporto) e con prenotazione in largo anticipo.
Quindi sono molto poco in concorrenza coi taxi. E cmq emettono appunto regolare licenza. Se volete gli NCC hanno la loro trasposizione moderna nei BlaBlaCar.
Il fatto che qualunque auto possa all'istante diventare un Uber in qualunque punto si trova, la rende di fatto in competizione coi servizi di radiotaxi. Ma a questo punto dovrebbe essere allineate regimi fiscali e regolamentazione. Resta il fatto che i tassisti hanno pagato una regolare licenza per svolgere quel lavoro. Se la licenza non è piu necessaria lo stato dovrebbe restituirgli l'importo.


Io gli restituirei l'importo e renderei la licenza gratuita. E gli farei emettere lo scontrino fiscale con ritiro della licenza alla terza 'dimenticanza'. Dici che questa categoria di leali contribuenti accetta il cambio?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Sopravvivere alla new economy Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi