Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
8 modi in cui le donne sono discriminate sul lavoro
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Sopravvivere alla new economy
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Zeus News
Ospite





MessaggioInviato: 12 Set 2014 10:36    Oggetto: 8 modi in cui le donne sono discriminate sul lavoro Rispondi citando

Leggi l'articolo 8 modi in cui le donne sono discriminate sul lavoro
La discriminazione è più difficile da vedere rispetto al passato, ma c'è sempre.
Top
TeoMan
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 03/12/08 10:42
Messaggi: 180

MessaggioInviato: 02 Ott 2014 19:56    Oggetto: Rispondi citando

E' successo a mia sorella:
Il capo va in maternita' e nomina sua sostituta la piu' incapace dell'ufficio, in modo che i superiori pensino che lei sia indispensabile.

Vi domandate perche' ci sono pochi dirigenti donna?
Le donne non sanno fare gioco di squadra!!!!
Le donne non vogliono rischiare che un altrA rubi loro il posto, quindi non creano le condizioni perche' il loro successore sia una donna.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Marco_C
Eroe
Eroe


Registrato: 12/02/08 12:42
Messaggi: 53
Residenza: CESENA

MessaggioInviato: 03 Ott 2014 10:41    Oggetto: Rispondi citando

Io lavoro in una struttura statale composta in buona parte da donne e riconosco che le signore in fatto di carriera sono (mediamente) piu' aggressive dei corrispettivi maschili, e ..... si' spesso non fanno squadra sono piu' individualiste.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Maary79
Moderatrice Sistemi Operativi e Software
Moderatrice Sistemi Operativi e Software


Registrato: 08/02/12 12:23
Messaggi: 7833

MessaggioInviato: 03 Ott 2014 17:04    Oggetto: Rispondi citando

Sarà banale, ma è un "ever green" .... capita che a volte vengano preferiti uomini a donne proprio in fase di assunzione per il motivo che la donna può rimanere incinta, in alcune aziende ho sentito anche che non assumono donne con figli piccoli, per il motivo che questi possono ammalarsi e le madri dunque fare assenza dal lavoro.

Ma non preoccupiamoci molto, tra un po' toglieranno l'art. 18 e magari potranno essere licenziate assieme a tutti gli altri dipendenti indesiderati... Rolling Eyes

Per il resto non mi sembra il caso di generalizzare, io ad esempio lavorando in un posto prevalentemente maschile potrei dire l'esatto opposto.
Alcuni miei colleghi maschi sono in forte rivalità tra loro, tanto da dover stabilire "da che parte si sta"...e in alcuni casi mi sono sentita dire da colleghi che sono una privilegiata perchè in quanto donna mi "esentano" da alcuni turni (cosa non vera).
Io con tutte le mie colleghe vado d'accordissimo , sono rimasta amica anche di molte ex colleghe, ma sarà che il mio ambiente non fa differenziazioni, in quanto svolgiamo tutti la stessa mansione alla fine.

Poi se ci sono donne (o uomini) che invece di lavorare pensano come fottere il prossimo per fare carriera loro, o attirare simpatie, beh...non credo centri essere maschi o femmine, piuttosto è un fattore caratteriale.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Gladiator
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 05/12/10 20:32
Messaggi: 8690
Residenza: Purtroppo o per fortuna Italia

MessaggioInviato: 04 Ott 2014 13:52    Oggetto: Rispondi citando

Maary79 ha scritto:
Sarà banale, ma è un "ever green" .... capita che a volte vengano preferiti uomini a donne proprio in fase di assunzione per il motivo che la donna può rimanere incinta, in alcune aziende ho sentito anche che non assumono donne con figli piccoli, per il motivo che questi possono ammalarsi e le madri dunque fare assenza dal lavoro.

Sì, è piuttosto banale ma, purtroppo, ancora molto vero e diffuso...

Maary79 ha scritto:
Ma non preoccupiamoci molto, tra un po' toglieranno l'Art. 18 e magari potranno essere licenziate assieme a tutti gli altri dipendenti indesiderati... Rolling Eyes

Già, grazie soprattutto al "berlusconino"... Twisted Evil

Maary79 ha scritto:
Poi se ci sono donne (o uomini) che invece di lavorare pensano come fottere il prossimo per fare carriera loro, o attirare simpatie, beh...non credo centri essere maschi o femmine, piuttosto è un fattore caratteriale.

In generale condivido questa tua valutazione ma, temo, ci sia anche il fatto che le donne che vogliono assolutamente fare carriera e che ritengono di avere le giuste capacità per farla, proprio perché sovente discriminate in quanto donne, sono costrette ad essere ancora più aggressive degli uomini e ciò avalla questo luogo comune.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Maary79
Moderatrice Sistemi Operativi e Software
Moderatrice Sistemi Operativi e Software


Registrato: 08/02/12 12:23
Messaggi: 7833

MessaggioInviato: 05 Ott 2014 09:18    Oggetto: Rispondi citando

gladiator ha scritto:
In generale condivido questa tua valutazione ma, temo, ci sia anche il fatto che le donne che vogliono assolutamente fare carriera e che ritengono di avere le giuste capacità per farla, proprio perché sovente discriminate in quanto donne, sono costrette ad essere ancora più aggressive degli uomini e ciò avalla questo luogo comune.


Io penso che certi ambienti siano adatti ai cosidetti "squali", che ragionano, "morte tua vita mia", dove qualsiasi neo assunto, o collega, maschio o femmina che sia, con del potenziale è anche una potenziale minaccia.

Metti il caso di TeoMan...la sorella, ha criticato la sua capa, andata in maternità, per aver messo al suo posto un'altra donna, a suo parere incapace...perchè? Per paura di essere soppiantata.
Ma cosa non mi dice che invece è la sorellina che voleva soppiantare la sua capa pensando "ora lei va in maternità, è il mio turno per comandare!" Laughing a volte a pensar male ci si azzecca!!
Giusto per la cronaca non si può declassare un dipendente...anche se questo va in maternità!!! Twisted Evil Twisted Evil

Ma non possiamo suffermarci ogni volta su quelle che sono realtà marginali...donne in carriera, uomini in carriera...ma quanti sono gli altri lavoratori che non lo sono, a cui interessa solo poter lavorare ed avere uno stipendio ragionevole? La maggior parte.

Rolling Eyes
Top
Profilo Invia messaggio privato
matteo251
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 19/02/14 23:53
Messaggi: 3443

MessaggioInviato: 11 Lug 2016 01:14    Oggetto: Rispondi citando

L'argomento sembra banale, ma in realtà su di esso si gioca l'avvenire dell'umanità. Ed è difficile arrivare a un'opinione comune essendo necessario scomodare vari specialisti. Occorrerebbe esaminare la questione da un punto di vista antropologico, medico, sociologico, psicologico, purtroppo politico e non basta. Ci sono aspetti legati agli ormoni. Anche se in futuro i figli si faranno in provetta e non esisteranno più differenze di sesso. Siamo già ben avviati su quella strada. Mentre gli scenziati osservano e studiano, più o meno asetticamente, la politica, al servizio dei potenti, dirige e "indirizza".
Qualche osservazione di passaggio: gli animali in base alla loro razza sono in genere abbastanza simili. L'uomo no: abbiamo asceti che vivrebbero in eremitaggio a pane e cipolla tutta la vita e individui che se non cambiano macchina, telefonino, coniuge ecc ogni tot mesi non sopravvivono. Le scelte che si compiono sono dettate dai bisogni che per l'appunto non sono uguali per tutti, anzi. Sulla differenza di bisogni, nasce una differenza di disponibilità ad assumersi impegni più o meno gravosi e quindi da un lato ci sono propensioni ad accontentarsi di guadagnare meno ma di avere più sicurezza (un dirigente rischia il posto più di un commesso) e da qui nascono le disparità di trattamento che si creano in maniera più o meno spontanea e ovviamente vanno a penalizzare chi vorrebbe la parità assoluta. Purtroppo in un esercito ci sono pochi generali, alcuni ufficiali, molti sottufficiali e tantissima truppa e ciascuno cerca di collocarsi come e dove meglio può, secondo le proprie aspirazioni e secondo le possibilità che gli vengono offerte e la capacità di lottare per realizzarle. Insomma: il re è nudo.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Maary79
Moderatrice Sistemi Operativi e Software
Moderatrice Sistemi Operativi e Software


Registrato: 08/02/12 12:23
Messaggi: 7833

MessaggioInviato: 13 Lug 2016 09:28    Oggetto: Rispondi citando

D'accordo su tutto Matteo, ma non molto su questo:

Citazione:
Sulla differenza di bisogni, nasce una differenza di disponibilità ad assumersi impegni più o meno gravosi e quindi da un lato ci sono propensioni ad accontentarsi di guadagnare meno ma di avere più sicurezza (un dirigente rischia il posto più di un commesso) e da qui nascono le disparità di trattamento che si creano in maniera più o meno spontanea e ovviamente vanno a penalizzare chi vorrebbe la parità assoluta.


Che ci siano dei posti di lavoro con grandi responsabilità, meritevoli di uno stipendio maggiore (che spesso non c'è), e che non tutti farebbero per ovvie ragioni di capacità, o di disponibilità ad assumersi compiti brigosi, rischiosi, faticosi non ci piove.
Ma che in questa categoria di "eroi" vengano citati proprio i dirigenti.... Vomit Vomit Vomit
Top
Profilo Invia messaggio privato
Gladiator
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 05/12/10 20:32
Messaggi: 8690
Residenza: Purtroppo o per fortuna Italia

MessaggioInviato: 13 Lug 2016 17:40    Oggetto: Rispondi citando

Sono d'accordo con Maary, di recente ho avuto modo di vedere parecchi dirigenti lasciare il posto, nell'azienda in cui lavoro, diciamo "accompagnati cordialmente alla porta" ma tutti con delle belle indennità e un percorso di ricollocamento già pagato.

Tutti, quindi, caduti molto bene e comodamente in piedi.
Top
Profilo Invia messaggio privato
sicla99
Mortale devoto
Mortale devoto


Registrato: 16/10/12 08:35
Messaggi: 13

MessaggioInviato: 17 Apr 2018 06:38    Oggetto: Rispondi

Questo fatto della discriminazione è una generalizzazione di comodo.Nel pubblico impiego ci sono eguali retribuzioni e semmai le donne hanno sempre avuto più agevolazioni per motivi familiari (giusti il più delle volte ma spesso con ulteriore discriminazione tra sposate e nubili) Ho lavorato nella scuola come direttore didattico e non dimenticherò mai una volta che presi servizio in una scuola dove per un errore si aspettavano una direttrice e quando videro che ero un uomo fecero molte esclamazioni di soddisfazione dicendo che le donne sono più "cattive" deglu uomini.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Sopravvivere alla new economy Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi