Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Sentenza Corte UE: gestori rete open Wi-Fi non responsabili
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Ribelli digitali
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Zeus News
Ospite





MessaggioInviato: 20 Set 2016 09:00    Oggetto: Sentenza Corte UE: gestori rete open Wi-Fi non responsabili Rispondi citando

Leggi l'articolo Sentenza Corte UE: gestori rete open Wi-Fi non responsabili
Gli utenti sono gli unici perseguibili per le loro azioni.


 

 

Segnala un refuso
Top
{V.Corradi}
Ospite





MessaggioInviato: 21 Set 2016 00:01    Oggetto: Rispondi citando

Condivido la disamina della Corte lussemburghese ma invito a ragionare su una problematica oggettiva che comunque dovrebbe consigliare maggiore cautela nel concedere la propria rete wi-fi a chiunque. Poniamo che dalla connessione di un Hotel venga generato da un burlone un procurato allarme (o peggio un vero crimine). La Polizia Postale è alla porta di quell'Hotel che andrà a bussare ed i primi indiziati saranno evidentemente i Clienti registrati in quel frangente. Come pensiamo che potrà reagire un rispettabile uomo d'affari nel vedersi coinvolto in un'indagine e magari, ne casi più gravi, trovarsi iscritto nel registro degli indagati ? Minimo non tornerà più in quell'Hotel e sicuramente non gli farà una buona pubblicità. Se poi è particolarmente irascibile una qualche azione risarcitoria magari la tenta.
Top
Zio_LoneWolf
Eroe in grazia degli dei
Eroe in grazia degli dei


Registrato: 18/05/16 09:00
Messaggi: 151

MessaggioInviato: 21 Set 2016 13:34    Oggetto: Rispondi citando

Io invece non condivido affatto la seconda parte.

Tanto per cominciare, è assolutamente contraria al punto di vista espresso dall'avvocato generale dell'UE, ma sorvoliamo.

Secondo la Corte di Giustizia, un esercente che svolge una qualsiasi attività non informatica, mettendo a disposizione un wifi pubblico, a seguito di un'attività sospetta secondo un "detentore di diritti" può vedersi imposto l'obbligo di mettere in piedi un controllo di accesso alla rete.

Uno dice: "attivo la password del router"... e invece no. Le successive considerazioni sulla deterrenza costituita dalla registrazione dell'utente per mezzo di un documento di identità e sulla tracciabilità dell'attività in rete implicano che non solo non basta la password del router, ma non è sufficiente nemmeno il captive portal che mettono a disposizione i router di fascia alta.

Occorre mettere in piedi un sistema di registrazione degli utenti, con credenziali differenziate per ciascuno di essi e di durata predefinita, con un sistema di log che tenga traccia dell'attività svolta da ciascuno di essi.

Sono evidenti i problemi di privacy, aggravati dalla necessità di conservare i dati della navigazione per un tempo prolungato (quanto?).

Vi ricorda nulla? Perché 'sto film, in Italia, l'abbiamo già visto... e sappiamo com'è finita.

E tutto questo in capo a qualcuno che non fa della fornitura della connettività la sua attività principale, e manco un ramo collaterale - dunque, probabilmente non sarà in grado di gestire un simile sistema - e che dovrà di conseguenza affidare a qualche specialista, con aggravio di costi. Ma chi glielo fa fare?!?

E infine, l'articolo manca di riportare che, secondo la Corte di Giustizia, le spese legali relative all'ingiunzione che obbliga l'esercente a "diventare un provider" possono essergli addebitate, in pieno contrasto con la sentenza che invece esclude ogni sua responsabilità.

Tutto ciò a seguito di un sospetto di violazione del copyright da parte di gente che è stata capace di chiedere con questa motivazione a Google di oscurare pagine del propro stesso sito ufficiale...

In un momento, tra l'altro, in cui - come dicevo - l'avvocato generale ha espresso tutt'altro orientamento, e l'UE sta lavorando su direttive che prevedono di incentivare al massimo la diffusione del wifi pubblico.

Questi o sono schizofrenici, o si sono lanciati nell'ennesimo esercizio di difesa estrema ad oltranza delle rendite parassitarie.
Top
Profilo Invia messaggio privato
{umnie}
Ospite





MessaggioInviato: 24 Set 2016 11:42    Oggetto: Rispondi citando

La seconda parte della sentenza della Corte di Giustizia ('giustizia'? gliel'ha detto qualche Dio che sono giusti o se lo sono detto da soli?) ha per me radici più profonde e oscure ed è probabilmente ispirata ad un'ottica di controllo totalitaristico che da decenni si sta rafforzando sempre più.
Top
Gladiator
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 05/12/10 20:32
Messaggi: 7302
Residenza: Purtroppo o per fortuna Italia

MessaggioInviato: 01 Ott 2016 18:05    Oggetto: Rispondi

Quoto in toto Zio_LoneWolf, comunque la ragione giusta della sentenza contraddittoria è secondo me la seconda dell'ultima riga del post...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Ribelli digitali Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi