Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Lavorare da casa diminuisce il rendimento? Sì per 1 italiano su 2
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Sopravvivere alla new economy
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Zeus News
Ospite





MessaggioInviato: 14 Lug 2017 17:00    Oggetto: Lavorare da casa diminuisce il rendimento? Sì per 1 italiano su 2 Rispondi citando

Leggi l'articolo Lavorare da casa diminuisce il rendimento? Sì per 1 italiano su 2
Il 40 per cento del campione pensa che lavorare da casa distragga: la principale distrazione dipenderebbe dalla presenza di famigliari o dei coinquilini.


 

 

Segnala un refuso
Top
{ice}
Ospite





MessaggioInviato: 14 Lug 2017 17:21    Oggetto: Rispondi citando

dipende dallo scenario in cui viene inserito
PRESENTO ALCUNI CASI
1_lavoratore che si trasferisce nella città di lavoro perchè la distanza supera i 200km. In questo caso il lavoratore durante i gg di trasferta (dalla famiglia) si fa delle tirate da 10-12h, il giorno a casa è cmq reperibile
2_lavoratore che sceglie di non fare la trasferta settimanale, ma ogni giorno si ciuccia oltre 2h di viaggio tra andata e ritorno. Se poi ci aggiungiamo pause pranzo obbligatorie da 1-1,5h ....questo sta di fatto fuori casa per lavoro oltre 11h/die.....
.
ora bisogna capire se il calcolo dell'efficienza è fatto sulle ore retribuite dall'azienda o su quelle che cmq il lavoratore trascorre lontano da casa
Top
{alberico}
Ospite





MessaggioInviato: 15 Lug 2017 16:50    Oggetto: Rispondi citando

In un Paese di dipendenti non è certo possibile aspettarsi un comportamento da autonomi; senza generalizzare, il risultato del sondaggio non fa che confermare questa osservazione.
Top
{Rino}
Ospite





MessaggioInviato: 16 Lug 2017 08:34    Oggetto: Rispondi citando

A me capita spesso lavorare da casa e mi accorgo di produrre bene se sono da solo mentre gli altri sono chi a scuola chi al lavoro come mia moglie. Do conferma inoltre di aprire il frigo molto più spesso e di avere la tentazione di mangiare durante il lavoro. Insomma per alcuni aspetti vale la pena per altri è una fatica enorme concentrarsi bene sulle cose da fare specialmente chi fa un lavoro di creazione come me.
Top
merlin
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 15/03/07 23:32
Messaggi: 2421
Residenza: Kingdom of Camelot

MessaggioInviato: 17 Lug 2017 12:39    Oggetto: Rispondi citando

e il fattore sicurezza dove lo metti? Tutto a carico del lavoratore? e se quello scivola e si spezza un polso, come la mettiamo con l'Inail? e col suo datore di lavoro?
E la socializzazione sul posto di lavoro coi colleghi: ha importanza o no? e quanti sarebbero disposti a fare più rientri settimanali in azienda, per ovviare all'inconveniente?
Mi sembrano vicini i tempi in cui la Fiat licenziava gli operai per fargli prendere la part. IVA; solo che stavolta tocca ai colletti bianchi
Top
Profilo Invia messaggio privato
Zio_LoneWolf
Semidio
Semidio


Registrato: 18/05/16 09:00
Messaggi: 201

MessaggioInviato: 17 Lug 2017 12:57    Oggetto: Rispondi citando

Mi chiedo: in un ambiente d'ufficio quadratico medio, il collega che chiacchiera, quello che ti chiama alla macchinetta del caffé, la "pausa merendina"... quelle non sono distrazioni?
Top
Profilo Invia messaggio privato
Gladiator
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 05/12/10 20:32
Messaggi: 9465
Residenza: Purtroppo o per fortuna Italia

MessaggioInviato: 22 Lug 2017 18:35    Oggetto: Rispondi

{ice} ha scritto:
dipende dallo scenario in cui viene inserito
PRESENTO ALCUNI CASI
1_lavoratore che si trasferisce nella città di lavoro perchè la distanza supera i 200km. In questo caso il lavoratore durante i gg di trasferta (dalla famiglia) si fa delle tirate da 10-12h, il giorno a casa è cmq reperibile
2_lavoratore che sceglie di non fare la trasferta settimanale, ma ogni giorno si ciuccia oltre 2h di viaggio tra andata e ritorno. Se poi ci aggiungiamo pause pranzo obbligatorie da 1-1,5h ....questo sta di fatto fuori casa per lavoro oltre 11h/die.....
.
ora bisogna capire se il calcolo dell'efficienza è fatto sulle ore retribuite dall'azienda o su quelle che cmq il lavoratore trascorre lontano da casa

Bella domanda!

Personalmente ritengo che per un'azienda l'efficienza sia quella calcolata sulle ore retribuite poi bisogna vedere se, ad esempio, viene riconosciuto un benefit casa/lavoro per chi abita ad oltre tot km dall'azienda che, a questo punto, dovrebbe essere incluso nel calcolo.

Tendenzialmente le ore che il lavoratore trascorre lontano da casa in funzione della distanza casa/lavoro io le considero maggiormente nella valutazione della qualità della vita in funzione del lavoro.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Sopravvivere alla new economy Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi