Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Perché Linux non è pronto (volutamente un po' provocatoria)
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Linux
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
MK66
Moderatore Sistemi Operativi
Moderatore Sistemi Operativi


Registrato: 17/10/06 22:24
Messaggi: 8377
Residenza: dentro una cassa sotto 3 metri di terra...

MessaggioInviato: 20 Ott 2017 11:41    Oggetto: Rispondi citando

A parer mio dipende molto da cosa ci si vuol fare col computer (e dipende moltissimo anche da che livello di impegno ha la persona che si siede davanti alla tastiera, naturalmente)

Linux non è windows: sono sistemi differenti che fanno cose simili, talvolta identiche, ma non si può pensare di passare da uno all'altro senza informarsi su come funziona e come si utilizza: una volta, a Malpensa, a me e al mio collega hanno dato in noleggio un'auto col cambio automatico, e la banconista non ha saputo dire niente su come funzionava, il mio collega (che l'avrebbe guidata) ha detto "Ma si, è una macchina come tutte le altre! Che ci vuole?" e si è seduto al posto di guida... dopo circa mezz'ora eravamo ancora fermi nel posteggio dell'autonoleggio per cercare di capire come si partiva, mentre io cercavo nel cassetto del cruscotto il libretto delle istruzioni... passare da un sistema operativo a un altro è lo stesso, se non ci si informa prima: una volta avviato i programmi che si utilizzano possono benissimo essere gli stessi, ma bisogna comunque prima di tutto saperlo avviare (quando è uscito windows, chi si ricorda di quanta gente - anche espertissima di DOS - non riusciva a capire che si spegneva cliccando su Start??? Wink )

Linux è perfetto se si utilizza a livello personale con attività da ufficio, navigazione su internet e programmazione: se si usa per questi settori è prontissimo e perfetto, probabilmente non c'è nulla di meglio a meno di casi specifici (per esempio, se si programma in C# o VB.net immagino che sia meglio lavorare su windows direttamente piuttosto che su Mono e poi provare a portare su windows... ma questo è solo un mio pensiero).

Se si utilizza in altri livelli, no: NON è ANCORA pronto, ma sta facendo enormi passi avanti in breve tempo!

Per capirci, io ho utilizzato linux dall'estate 2006 (quando la prima LTS di Ubuntu mi ha permesso di fare un'installazione realmente funzionante accanto a XP senza danneggiare il disco) e per quanto riguarda la parte "ufficio" non ho mai trovato differenze: openoffice/libreoffice funziona nello stesso identico modo in entrambi i sistemi, il lettore di pdf si comportava come in windows, firefox idem, thunderbird (all'epoca lo usavo) anche... l'editor di testo di linux è enormemente migliore del notepad di windows, gimp e inkscape funzionano esattamente nello stesso modo, quindi io ero a posto sotto quell'aspetto.
Tramite guide online ho anche trovato sistemi per gestire i pdf (nulla di che, ma su windows richiedevano di acquistare programmi costosissimi, era raro trovarli gratis e funzionanti, invece su linux si trattava di qualche comando da terminale - orrore... ho nominato il mostro... - che bastava semplicemente copiare dalla guida e usare)
L'unico vero grande problema che ho sempre avuto riguarda(va) il CAD: semplicemente non esisteva nulla che fosse minimamente paragonabile ad AutoCAD (o a IntelliCAD, che usavo su XP, ed era il principale dei 2 motivi per cui tenevo sempre XP, in dual boot prima e poi virtualizzato)
Pian piano, nel corso di questo decennio, ho visto nascere qualche alternativa relativamente valida e ne ho seguito lo sviluppo con attenzione: molte sono già ottimamente usabili (e le uso, infatti) senza problemi, alternative che sono state sviluppate sostanzialmente grazie alla richiesta sempre crescente da parte di un'utenza che aumentava rapidamente, soprattutto per merito di un'unica distribuzione che ha sdoganato il sistema stesso portandolo fuori dalla sua nicchia e facendolo conoscere alla grande massa... e qualcuno l'ha pure adottato e utilizzato.

Peraltro, con questo si torna anche all'impegno di chi si siede davanti al computer: persone che si sapevano anche gestire sotto il DOS e che usavano il Basic per qualsiasi esigenza, sovente hanno il terrore puro nell'aprire un terminale in linux e digitare un banale comando... e sovente sono anche persone che non leggono mai istruzioni e guide, pretendendo che linux funzioni esattamente come windows, cosa che è stata portata da decenni di condi

Alla fine, sempre nel caso CAD, sono abbastanza vecchio e mi rammento ancora quando per usare AutoCAD si doveva spegnere windows e passare al DOS, che altrimenti non avrebbe mai funzionato il sistema CAD (azz... sono troppo vecchio: rammento ancora che, all'epoca, AutoCAD salvava in dxf e per modificare al volo i file, che erano testi, sovente era più facile usare il blocco note che aprire il CAD, calibrare la tavolozza, caricare il disegno e fare le modifiche... Rolling Eyes )
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
SverX
Supervisor Macchinisti
Supervisor Macchinisti


Registrato: 25/03/02 11:16
Messaggi: 9659
Residenza: Tokelau

MessaggioInviato: 20 Ott 2017 12:48    Oggetto: Rispondi citando

MK66 ha scritto:
[...]no: NON è ANCORA pronto, ma sta facendo enormi passi avanti in breve tempo!


OK, ti quoto Smile

Esperienza di ieri/stamattina, PC di un collega (abbiamo messo KDE Neon LTS in dual boot sul suo portatile con Windows 10).
L'installazione - nessun problema. Riconosce l'hardware al 100% (il PC ha circa 18 mesi) e configura automaticamente il dual boot.

(salto tutto il resto in mezzo)

Vuole mettere OpenOffice, così che possa usare esattamente quello a cui è già abituato (lo usa su Windows). Non è presente nei repository (dove c'è LibreOffice invece) - ma, sappiamo, non è niente di complicato: apri FireFox, cerchi, scarichi e installi... ah no, non installi.

Ti ritrovi un file .tar.gz - si apre con Ark e ci fa vedere i file dentro. Nessun tasto 'installa', niente. Devi cercare su Internet e trovare i comandi da dare via terminale.

Su Windows tu scarichi un 'autoinstaller', perché su Linux no?

Ovvero: perché un utente NON esperto saprebbe installare da solo OpenOffice sul suo PC Windows ma NON saprebbe farlo su Linux? (continuo le provocazioni ma insisto NON voglio fare un flame o una guerra di religione - non sono né pro né contro l'uno o l'altro!)
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
elisa.r
Semidio
Semidio


Registrato: 18/11/12 16:05
Messaggi: 240

MessaggioInviato: 20 Ott 2017 13:11    Oggetto: Rispondi citando

A volte proprio non ci sono alternative. Faccio trading (cioè, ci provo) e il mio broker mi mette a disposizione un paio di piattaforme. Si possono installare su Windows, Mac e Android. La versione per Linux non c'è. Per fortuna la piattaforma che uso è anche in versione web, quindi in Linux la posso usare col browser. La versione web manca però di alcune funzioni avanzate, che per fortuna uso molto di rado, ma quando mi servono sono costretta ad usare Windows.

Poi c'è il problema della riproduzione di file multimediali protetti. Di solito impongono l'uso di programmi specifici, che normalmente non esistono per Linux. Ad esempio Audible è un grosso sito di proprietà Amazon che produce, distribuisce e vende audiolibri. Si possono ascoltare in streaming sul sito, che purtroppo non è ottimizzato allo scopo (non c'è neppure un controllo per il volume), ma il metodo di fruizione tipico è scaricare. I file sono protetti, inconvertibili e in un formato strano. Sul pc si possono riprodurre col lettore proprietario, Windows Media Player e iTunes. Si possono anche masterizzare su CD audio, una sola volta, usando iTunes. Ho provato a far funzionare alcuni di questi programmi in Wine, ma non ci sono riuscita (a dire il vero con Wine non sono mai riuscita a far funzionare nulla). Alla fine quello che faccio io è masterizzare su CD riscrivibili con iTunes su Windows e poi... tirar fuori i file dai CD, che probabilmente è contrario ai termini (anche se forse non c'è scritto esplicitamente), ma visto che alla fine sono copie personali lo faccio lo stesso.
Top
Profilo Invia messaggio privato
MK66
Moderatore Sistemi Operativi
Moderatore Sistemi Operativi


Registrato: 17/10/06 22:24
Messaggi: 8377
Residenza: dentro una cassa sotto 3 metri di terra...

MessaggioInviato: 20 Ott 2017 14:08    Oggetto: Rispondi citando

SverX ha scritto:
Ti ritrovi un file .tar.gz - si apre con Ark e ci fa vedere i file dentro. Nessun tasto 'installa', niente. Devi cercare su Internet e trovare i comandi da dare via terminale.

Su Windows tu scarichi un 'autoinstaller', perché su Linux no?

Ovvero: perché un utente NON esperto saprebbe installare da solo OpenOffice sul suo PC Windows ma NON saprebbe farlo su Linux? (continuo le provocazioni ma insisto NON voglio fare un flame o una guerra di religione - non sono né pro né contro l'uno o l'altro!)

Come dicevo prima, linux è praticamente appena uscito da una nicchia ristretta e si sta adeguando al "grande pubblico", ma comunque ogni cosa nasce più in modalità "brico-center" che in modalità "grande azienda": c'è un'enorme frammentazione che nell'immediato spaventa chi arriva da altri sistemi e soprattutto limita le scelte: sappiamo tutti che l'impennata linuxiana è stata causata da Ubuntu e sappiamo tutti che, almeno fino al 2010 circa, Ubuntu altro non era che "Debian for dummies" (analogamente Mint era "Ubuntu in verde - e non in marrone, che prima del viola melanzana Ubuntu era più simile alla nutella... Wink e soprattutto che W7 era semplicemente "Vista funzionante") ma questo ha spinto l'incremento di linux, ha spinto diversi produttori di hardware e driver a rendersi conto che c'era un nuovo mercato in espansione, ha spinto qualche produttore di software a tentare una prima timida escalation, ma soprattutto ha spinto l'utenza a confondere linux con Ubuntu e di conseguenza a tentare al massimo con Debian... infatti, i pacchetti .deb sono molto più numerosi dei pacchetti .rpm, in qualsiasi settore dove cominciano a produrre software per linux.

Normalmente, in linux, ci sono tantissimi metodi di installazione, ognuno differente dagli altri a seconda della distribuzione che hai davanti: Red Hat (e le derivate) usano i pacchetti rpm, Debian (e le derivate) usano i pacchetti deb, altre sono rimaste alla compilazione dei sorgenti e via così... Ovviamente il metodo che funziona per qualsiasi distribuzione è quello della compilazione da sorgenti, gli altri sono specifici per famiglie di distribuzioni, ma non per tutte... (volendo, anche gli exe di windows non funzionano su altri sistemi, e talvolta nemmeno funzionano tra versioni diverse di windows stesso)

Nello specifico, KDE Neon pare essere una derivata di Ubuntu, quindi Debian, per cui dalla pagina di download di Openoffice bisognerà scaricare la versione deb (esistono sia la deb che la rpm, oltre ai sorgenti, il tar.gz, che dovrai compilare, ma si presume che se uno scarica i sorgenti sappia come procedere con l'installazione), a quel punto ci fai doppio click sopra e si installa immediatamente proprio come fosse un exe di windows (prima di tutto però, ma questo vale per qualsiasi sistema operativo, meglio fare click destro sul file scaricato e, da Proprietà, controllare che si apra con l'applicazione specifica per l'installazione, che non so come si chiama in KDE, altrimenti si possono avere sorprese strane, ma come dicevo questo è valido in ogni sistema operativo, anche su W10)
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
MK66
Moderatore Sistemi Operativi
Moderatore Sistemi Operativi


Registrato: 17/10/06 22:24
Messaggi: 8377
Residenza: dentro una cassa sotto 3 metri di terra...

MessaggioInviato: 20 Ott 2017 14:13    Oggetto: Rispondi citando

elisa.r ha scritto:
Ad esempio Audible è un grosso sito di proprietà Amazon che produce, distribuisce e vende audiolibri. Si possono ascoltare in streaming sul sito, che purtroppo non è ottimizzato allo scopo (non c'è neppure un controllo per il volume), ma il metodo di fruizione tipico è scaricare. I file sono protetti, inconvertibili e in un formato strano. Sul pc si possono riprodurre col lettore proprietario, Windows Media Player e iTunes.

Non mi ricordo se te l'avevo già chiesto nella discussione specifica (o meglio se te l'aveva chiesto Mary... Laughing ) ma avevi provato ad aprirli con VLC?

elisa.r ha scritto:
(a dire il vero con Wine non sono mai riuscita a far funzionare nulla)

Non sei l'unica, e sovente ciò che funziona con una versione di (terno al lotto)Wine smette di funzionare al primo aggiornamento... che peraltro permetterebbe di funzionare ad altri programmi... non è vino, è davvero un terno al lotto... Rolling Eyes
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
SverX
Supervisor Macchinisti
Supervisor Macchinisti


Registrato: 25/03/02 11:16
Messaggi: 9659
Residenza: Tokelau

MessaggioInviato: 20 Ott 2017 14:16    Oggetto: Rispondi citando

MK66: grazie per la spiegazione, anche se non era quello che cercavo Rolling Eyes

il punto che non sono riuscito a spiegare chiaro è che il tar.gz di OpenOffice contiene i package .deb che vanno installati (saranno 40).
Ma il passaggio non è immediato per un utente che 'su Windows saprebbe cosa fare per installare OpenOffice'. Quello che intendo è: o OpenOffice fornisce l'installazione (almeno di base!) in un singolo .deb oppure deve esistere un sistema per fare sì che se scarico un archivio pieno di package posso installarli con un click sul programma che mi ha aperto l'archivio.

Questo lo riterrei sufficientemente user-friendly Smile
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
elisa.r
Semidio
Semidio


Registrato: 18/11/12 16:05
Messaggi: 240

MessaggioInviato: 20 Ott 2017 15:39    Oggetto: Rispondi citando

MK66 ha scritto:
elisa.r ha scritto:
Ad esempio Audible è un grosso sito di proprietà Amazon che produce, distribuisce e vende audiolibri. Si possono ascoltare in streaming sul sito, che purtroppo non è ottimizzato allo scopo (non c'è neppure un controllo per il volume), ma il metodo di fruizione tipico è scaricare. I file sono protetti, inconvertibili e in un formato strano. Sul pc si possono riprodurre col lettore proprietario, Windows Media Player e iTunes.

Non mi ricordo se te l'avevo già chiesto nella discussione specifica (o meglio se te l'aveva chiesto Mary... Laughing ) ma avevi provato ad aprirli con VLC?


Sono file .aax. VLC non li "vede" neppure, ma se provo ad aprirli, si aprono e vengono apparentemente riprodotti (cioè il cursore procede e viene mostrata la durata). Però non si sente l'audio.
Non ho mai avuto tempo di approfondire la questione, ma ho letto che se si sceglie un download di qualità inferiore, allora si hanno file .aa, che si potrebbero convertire in .mp3 con Linux. Non ho ancora provato.
Top
Profilo Invia messaggio privato
SverX
Supervisor Macchinisti
Supervisor Macchinisti


Registrato: 25/03/02 11:16
Messaggi: 9659
Residenza: Tokelau

MessaggioInviato: 20 Ott 2017 16:19    Oggetto: Rispondi citando

AAX: se hai una connessione permanente e flat, vedi questo
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Maary79
Moderatrice Sistemi Operativi e Software
Moderatrice Sistemi Operativi e Software


Registrato: 08/02/12 12:23
Messaggi: 5829

MessaggioInviato: 21 Ott 2017 09:08    Oggetto: Rispondi citando

SverX ha scritto:
MK66: grazie per la spiegazione, anche se non era quello che cercavo Rolling Eyes

il punto che non sono riuscito a spiegare chiaro è che il tar.gz di OpenOffice contiene i package .deb che vanno installati (saranno 40).
Ma il passaggio non è immediato per un utente che 'su Windows saprebbe cosa fare per installare OpenOffice'. Quello che intendo è: o OpenOffice fornisce l'installazione (almeno di base!) in un singolo .deb oppure deve esistere un sistema per fare sì che se scarico un archivio pieno di package posso installarli con un click sul programma che mi ha aperto l'archivio.

Questo lo riterrei sufficientemente user-friendly Smile


Ma è un esame?
Ci dai il voto dopo? Razz

Beh, io parto con il presupposto che Linux non è Windows. Anche se da un primo occhio (desktop, icone, menu) sembra simile.
Se installi fuori dal gestore applicazioni potresti incappare in "problemi" di questo e altro tipo.
Io gli avrei detto di installare LibreOffice e di adeguarsi, OpenOffice sta anche per essere abbandonato.

Ma torniamo al problema installazione software.

L'ho scaricato per curiosità, ma non lo installo perchè ho già LibreOffice, primo leggo il file readme (e vedo che ha bisogno di Java, e presumo anche su Windows) dentro ha tanti .deb , li installo tutti. In fin dei conti anche su Windows per installare un software ho trovato diversi .exe da lanciare, uno alla volta, per installare un programma solo con tante funzioni.


Se dentro all'archivio c'è (o ci sono) dei .deb ci va grassa, sono eseguibili in stile Windows, e si rimuovono tramite il gestore applicazioni.
Se c'è un .run, anche questo si installa con un doppio clic, ma non mi è chiaro come si rimuove (non ho mai approfondito, o non mi ricordo più, se qualcuno me l'ha già detto... perchè non mi è mai capitato di averne bisogno).
Anche se è .sh basta un doppio clic, o altro software che non necessita di installazione (tipo gli standaloni di Windows).


I sorgenti piuttosto.
Se va tutto bene si installano con 3 comandi, se va male non installi un tubo. Ne ho avuto a che fare ultimamente con il nuovo desktop, non aveva il WiFi integrato, e ho preso una chiavetta WiFi (scelta perchè aveva la scritta Linux compatibile), il sistema l'ha riconosciuta al volo, ma in problema era che il driver integrato di Ubuntu non era "ottimizzato", dopo un certo tempo di inattività del browser e senza download attivi, si disconnetteva. Allora mi sono arresa Laughing e mi sono letta tutti i readme, e ho installato i driver proprietari presenti nel dischetto...ora va. Erano sorgenti, non .deb...magari lo fossero stati... Laughing

Già lo sappiamo che sul dischetto c'erano i driver per Windows con alcuni exe all'interno, facili da installare...senza leggere nulla.

Questo può creare imbarazzo nell'utente Windows, abituato ad avere a che fare solo con eseguibili .exe, che magari ignora gli eseguibili .msi, o script .bat.
Software che nel bene o nel male si installano con un doppio clic.
Ma sono tutte cose graduali, e neanche tutti ne hanno bisogno.

E magari un giorno verrà anche quel tipo di automatismo da te citato, una nuova versione di gdebi, che installa tutto con un clic... Very Happy
L'importante è che poi non finisca che le applicazioni per Linux le trovi in siti spazzatura tipo Softonic, installabili con un clic...altrimenti si salvi chi può! Evil or Very Mad
Top
Profilo Invia messaggio privato
Maary79
Moderatrice Sistemi Operativi e Software
Moderatrice Sistemi Operativi e Software


Registrato: 08/02/12 12:23
Messaggi: 5829

MessaggioInviato: 21 Ott 2017 09:23    Oggetto: Rispondi

elisa.r ha scritto:

Poi c'è il problema della riproduzione di file multimediali protetti. Di solito impongono l'uso di programmi specifici, che normalmente non esistono per Linux. Ad esempio Audible è un grosso sito di proprietà Amazon che produce, distribuisce e vende audiolibri. Si possono ascoltare in streaming sul sito, che purtroppo non è ottimizzato allo scopo (non c'è neppure un controllo per il volume), ma il metodo di fruizione tipico è scaricare. I file sono protetti, inconvertibili e in un formato strano. Sul pc si possono riprodurre col lettore proprietario, Windows Media Player e iTunes. Si possono anche masterizzare su CD audio, una sola volta, usando iTunes. Ho provato a far funzionare alcuni di questi programmi in Wine, ma non ci sono riuscita (a dire il vero con Wine non sono mai riuscita a far funzionare nulla). Alla fine quello che faccio io è masterizzare su CD riscrivibili con iTunes su Windows e poi... tirar fuori i file dai CD, che probabilmente è contrario ai termini (anche se forse non c'è scritto esplicitamente), ma visto che alla fine sono copie personali lo faccio lo stesso.


Ricordo vagamente, io ho avuto a che fare con qualcosa di simile. Un mio parente mi passava dei foglietti, trovati su bluray film, dove io potevo andare sul sito del grande colosso del cinema di turno a scaricarmi la mia versione originale (copia digitale) da guardare da pc.
Funzionava solo su Windows Media Player (difatti era un .wmv), grosso come una casa da scaricare... Laughing di qualita video scarsa. Se WMP dovevo installare una specie di plugin che mi permetteva di vederli correttamente, era una sorta di cosa anti pirateria, potevo vederlo solo li. In altri sistemi non funzionava (WMP+plugin ma altro pc), come non funzionava su VLC. Si vedeva a righe e non si sentiva nulla.
Se formattavo lo stesso pc, dunque, perdevo il film.
Ne ho scaricati un paio, poi li ho sfanc... Rolling Eyes
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Linux Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo
Pagina 2 di 4

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi