Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Linus Torvalds: ''La frammentazione blocca la diffusione di Linux sui Pc''
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Linux
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Maary79
Moderatrice Sistemi Operativi e Software
Moderatrice Sistemi Operativi e Software


Registrato: 08/02/12 12:23
Messaggi: 7315

MessaggioInviato: 07 Gen 2019 12:38    Oggetto: Rispondi

Fenicio ha scritto:
La diffusione deve essere fatta ponendo l'accento sulla facilità e disponibilità del software. bisogna capire che la maggior parte degli utenti desktop vuole una cosa con comandi standardizzati che deve servire da piattaforma per le applicazioni che deve usare- Purtroppo ancora l'ambiente, spesso a torto, è visto come per smanettoni, spesso è necessario installare da riga, il software non è sempre disponibile o se lo è bisogna fare delle acrobazie per l'installazione che prevedono spesso la conoscenza intima dello stesso (librerie e prerequisiti) dei quali non può fregarti di meno.


E chiaro che tu non usi Linux, o lo avrai provato molti anni fa, quello che scrivi è completamente sbagliato.
Vero, che se si cerca il tal software, non presente nel gestore software, si finirà a dover installare da sorgenti con tutte le difficoltà che implica. Ma è davvero un male? Che l'utonto classico non riesca a installare, magari della porcheria trovata su un sito X, non controllato da nessuno?
O che non riesca ad aggiungere un ppa a caso che provoca poi instabilità nel sistema?

Con Linux, è la cosa più semplice del mondo installare un software presente nei repo, col suo gestore di software, è facile rimuoverli, il tutto con una comoda interfaccia grafica. Di software ce ne sono aiosa. Io, al di fuori del software center ho installato solo per prova, non per necessità, mi chiedo perchè l'utonto classico debba per forza andar ad installare software fuori dai repo. Rolling Eyes

Un sistema, che appena installato ha molto software comune preinstallato, e la maggior parte dei software presente nei repo, la trovi pure per Windows (è multipiattaforma).

Se poi una persona vuole imparare ad usare il terminale, lo può fare, ma non è un passo obbligato, non esiste il prompt dei comandi su Windows?

E' più difficile installare un software in Windows, facendosi strada tra i numerosi siti che promettono download senza virus e che installano adware, banner, o toolbar, o anche da siti ufficiali facendo attenzione a togliere quel flag che installa software aggiuntivo, che a volte neanche serve, perchè 'altro' si installa comunque.
O facendo attenzione, che quel software freeware, tutto ad un tratto, si aggiorna, come tante altre volte, ma questa volta inietta 'altro' nel sistema.
Tutto questo in Linux, non esiste!

Citazione:
poi trovo assurdo che per windows la frammentazione si divida tra x86 e x64 e per linux: Debian:ubuntu:Red Hat e via discorrendo.
Non va bene per un sistema desktop insomma.


Ti sei dimenticato di tutte le varie edizioni di Windows, supportate dalla 7 alla 10, nelle sue tante varianti, Home, Premium, Professional, S, Starter, Enterprise, ecc..
Ovviamente io non ci vedo nulla di male, la diversificazione serve, perchè non tutti gli utenti sono uguali.
Di distribuzioni Linux ce ne sono per tutti i gusti, e per tutti gli hardware. Logico che se si ha una macchina di 10 anni o più si dovrà optare per una distribuzione meno ricca di tutti questi automatismi grafici, e si dovrà ricorrere di più al terminale.
Servono tanti ambienti desktop anche per questo, dal più minimale, a quello più completo. Ogni distribuzione poi, non li fa tutti, ma solo alcuni, o anche solo uno, dipende da a chi vuole essere destinata.

Non mancano mai difatti gli utenti che se ne saltano fuori con thread di questo tipo: ho un P4 nato con XP e 1 gb di ram, non riesco ad installare l'ultima di Ubuntu, perchè?
Molte distribuzioni Linux tanto famose quanto user friendly, ormai non guardano più di tanto il supporto dell'hardware vetusto, e bisogna instradarli verso distribuzioni un po' più 'difficili', e senza che si aspettino poi di avere chissà quali prestazioni o paragoni con pc più recenti con Windows.

Citazione:
ditegli che la finiscano con sti nomi da bimbominkia segaiolo
kerberos, mamba, tortilla, guacamole, trono di spade, signore degli anelli...e che cavolo!


Shocked è questo da dove ti è uscito, troppo alcol durante le feste? Rolling Eyes
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Linux Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4
Pagina 4 di 4

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi