Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Microsoft Visual Studio Core diventa uno Snap
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Programmazione
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Zeus News
Ospite





MessaggioInviato: 06 Apr 2019 13:00    Oggetto: Microsoft Visual Studio Core diventa uno Snap Rispondi citando

Leggi l'articolo Microsoft Visual Studio Core diventa uno Snap
Ora gira su oltre 40 distribuzioni Linux.


 

 

Segnala un refuso
Top
etabeta
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 06/04/06 10:02
Messaggi: 2170

MessaggioInviato: 06 Apr 2019 17:13    Oggetto: Rispondi citando

Urge un chiarimento.

Canonical non ha inventato niente.

Snap così come Appimage è solo la trasposizione al mondo GNU/Linux di quello che già è da anni in windows e mac.

Anziché appoggiarsi alle librerie di sistema lo sviluppatore crea un eseguibile con tutte le librerie incluse e linkate staticamente,

Personalmente non userò mai ne Snap ne Appimage per le cliccoscimmie esistono già Windows, Mac e Android, credo bastino.

Servirebbe meno anarchia magari, visto che Linux è solo un kernel che da solo non serve a niente, il progetto GNU stabilisse dei paletti e comunque se uno il suo software preferito lo trova solo in windows... continui a usare windows anziché inquinare GNU/Linux. Twisted Evil

Programmy ce ne sono già a iosa soprattutto a livello di IDE non ne servono altri.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
{Marco}
Ospite





MessaggioInviato: 06 Apr 2019 20:43    Oggetto: Rispondi citando

La licenza d'uso di Visual Studio dichiara che verranno raccolti dati anche dagli utenti che faranno girare applicazioni con Visual Studio e che comunque bisogna avvisare gli utenti di tutto ciò.
Non è comunque un mio problema, visto che continuerò a programmare usando vi...
Top
amldc
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 02/05/06 16:21
Messaggi: 1256

MessaggioInviato: 07 Apr 2019 10:08    Oggetto: Rispondi citando

etabeta ha scritto:
Urge un chiarimento.

Canonical non ha inventato niente.
Snap così come Appimage è solo la trasposizione al mondo GNU/Linux di quello che già è da anni in windows e mac.
Anziché appoggiarsi alle librerie di sistema lo sviluppatore crea un eseguibile con tutte le librerie incluse e linkate staticamente,


La storia dell'informatica è piena di invenzioni ed innovazioni che ciclicamente si avvicendano: inizialmente i programmi utilizzavano librerie statiche, poi sono state inventate le librerie dinamiche per risparmiare spazio tramite la condivisione del codice che in tale modo non deve andare a far parte dell'eseguibile, con i conseguenti problemi di compatibilità e proliferazione di versioni diverse di una stessa libreria disseminate sui dischi. Ora con Snap hanno replicato la cosa, con la differenza che che ogni applicazione è impacchettata assieme alle librerie dinamiche in un unico blocco (con Windows bastava avere la copia corretta della dll nella stessa cartella dell'eseguibile); effettivamente può essere una comodità per chi non ha tempo o voglia di ricompilarsi un programma non disponibile per la distro utilizzata. Non hanno inventato l'acqua calda ma come portarla da tiepida a calda Smile.

Del resto anche Java era stato presentato come una novità: il linguaggio universale che compili una volta e usi dappertutto. In realtà il principio è lo stesso del Visual Basic che genera uno pseudocodice eseguito poi da una macchina virtuale (che però deve essere compilata per ogni sistema Confused ) e sappiamo che ormai non è più così tanto universale grazie alle miriadi di versioni diverse ed incompatibili di tante librerie.

E che dire del tira e molla del calcolo distribuito, architettura client-server, personal computing che ci vengono regolarmente spacciati per nuove metodologie destinate a far scomparire quelle precedenti (che torneranno in auge più avanti per reiniziare il ciclo).

Non scappano le interfacce grafiche che da piatte (ricordate Windows 2 e Windows 3 ?) hanno acquisito la tridimensionalità dei componenti e che ora tornano ad essere piatte (oltre alla stupida moda di utilizzare colori a basso contrasto che saranno anche eleganti ma inadeguate a chi ha problemi di vista); prevedo che entro una decina di anni qualcuno reiintrodurrà gli effetti 3d spacciando la cosa come superlativa novità.

etabeta ha scritto:

Servirebbe meno anarchia magari, visto che Linux è solo un kernel che da solo non serve a niente, il progetto GNU stabilisse dei paletti e comunque se uno il suo software preferito lo trova solo in windows... continui a usare windows anziché inquinare GNU/Linux. Twisted Evil


Croce e delizia del mondo GNU. Non avrebbe nessun senso che il progetto stabilisse delle regole per impedire la proliferazione di tanti programmi che fanno la stessa cosa ed in fondo le diverse distribuzioni fanno già in parte una scrematura offrendo come predefiniti una selezione di programmi che sono considerati i più adeguati, pur lasciando all'utente la possibilità di utilizzarne di diversi se lo considera opportuno.

Se avessi tempo e voglia di sbattermi per qualche giorno mi costruirei una distro personale compilandomi tutto per ottimizzarla per la mia macchina e le mie esigenza ma il mio mestiere non è passare il tempo a compilare kernel ed applicazioni ad ogni aggiornamento dei sorgenti e mi adatto ad utilizzare una distro che qualcuno si preoccupa di mantenere aggiornata anche se non perfetta per le mie esigenze.

Personalmente non mi è molto chiara l'utilità di avere Visual Studio su una macchina Linux, anche se probabilmente per motivi commerciali qualcuno può essere interessato a sviluppare per Windows anche su Linux (io per quel poco che devo fare uso Lazarus/Free Pascal che con cross compile mi permette di generare programmi utilizzabili su Linux, Raspberry e Windows). Purtroppo Windows domina ancora e lo constato con amarezza quando trovo documentazioni come per la preparazione di una schedina per il Raspberry (Raspbian o altre distro linux) che fa riferimento agli strumenti Windows e non a quelli disponibili con Linux Evil or Very Mad ; mi consola solo il fatto di pensare che gli autori ritengano gli utenti Linux più evoluti ed in grado di trasporre le istruzioni al proprio sistema.
Top
Profilo Invia messaggio privato
etabeta
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 06/04/06 10:02
Messaggi: 2170

MessaggioInviato: 07 Apr 2019 12:25    Oggetto: Rispondi citando

amldc ha scritto:

La storia dell'informatica è piena di invenzioni


Io avrei virgolettato "invenzioni" posto che una cosa che già esiste non è un'invenzione invenzione è qualcosa di mai pensato prima.

amldc ha scritto:

Ora con Snap hanno replicato la cosa, con la differenza che che ogni applicazione è impacchettata assieme alle librerie dinamiche in un unico blocco (con Windows bastava avere la copia corretta della dll nella stessa cartella dell'eseguibile); effettivamente può essere una comodità per chi non ha tempo o voglia di ricompilarsi un programma non disponibile per la distro utilizzata


I problema è dovuto agli sviluppatori di programmi quasi tutti con la mania di utilizzare l'ultimissima versione ancora in beta della libreria, per questo dico servono linee guida, vuoi fare un programma per GNU/Linux? Devi attenerti a determinati requisiti se no vai a programmare per windows, mac o android che guadagni di più.

E poi in maggioranza il problema ce l'ha chi usa vecchiume come Ubuntu vedere le versioni installate rispetto alla versione stabile di programmi e librerie nella casella di destra.
Lo fanno per la stabilità? Ma per favore! Ci sono distribuzioni stabili che hanno al massimo la penultima versione di librerie e o programmi.
Io uso antiX 17 su questa macchina, vero che per evitare problemi ho dovuto disinstallare sudo e gksu che comunque a me non servono a niente perché ero sempre sotto attacco e con privilege escalation mi saturavano la partizione root, ora non succede più ma pur essendo perennemente a rischio da quando ho installato non ho mai avuto problemi dovuti alla distro o errori dovuti alla scarsa cura nel metterla insieme, è perfetta e usa software molto più nuovo di Ubuntu.

amldc ha scritto:

Non scappano le interfacce grafiche che da piatte (ricordate Windows 2 e Windows 3 ?) hanno acquisito la tridimensionalità dei componenti e che ora tornano ad essere piatte (oltre alla stupida moda di utilizzare colori a basso contrasto che saranno anche eleganti ma inadeguate a chi ha problemi di vista); prevedo che entro una decina di anni qualcuno reiintrodurrà gli effetti 3d spacciando la cosa come superlativa novità.


In GNU/Linux il Desktop 3D


c'è dal 2010 ma non se lo ca... nessuno perché è inutile e per fortuna in GNU/Linux non devi aspettare che Microsoft si accorga che non sono tutte cliccoscimmie e le mattonelle peggiorano solo l'uso, rallentandolo, di chi un computer lo sa usare.

amldc ha scritto:

Personalmente non mi è molto chiara l'utilità di avere Visual Studio su una macchina Linux


Cercano di prevenire.
Nel caso un giorno GNU/Linux dovesse conoscere un'espansione della base di utenti, e chi usa visual studio dovrebbe teoricamente essere in grado di usare distro GNU/Linux anche per non utonti, loro non venderebbero più il programma essendo legato a windows.
Sperano che chi usa GNU/Linux sia disposto a pagare programmi closed source.

Neanche potresti installare programmi closed source su GNU/Linux per incompatibilità delle licenze.

Vuoi installare Visual Studio su GNU/Linux?
Ti dovrai accontentare di avere solo il kernel visto che Torvalds è paraculo e preferendo i soldi rifiuta di passare il kernel alla GPL V.3 perché vieta espressamente certe porcate ma tutto il resto del sistema sotto GPL 3 non lo consente.
Fossi GNU inizierei a fare cause a Canonica e Microsoft.

Comunque lo screenshot presente nella foto dell'articolo parrebbe con minimo margine di errore quello di un Mac OS qualchecosa e non di un qualsiasi GNU/Linux.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
etabeta
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 06/04/06 10:02
Messaggi: 2170

MessaggioInviato: 07 Apr 2019 15:51    Oggetto: Rispondi citando

{Marco} ha scritto:
La licenza d'uso di Visual Studio dichiara che verranno raccolti dati anche dagli utenti che faranno girare applicazioni con Visual Studio e che comunque bisogna avvisare gli utenti di tutto ciò.
Non è comunque un mio problema, visto che continuerò a programmare usando vi...


Tu sei troppo avanti! (Ed è un complimento).

Io nei miei inizi usavo vi ma ora ho paticamente dimenticato come si usa. Crying or Very sad

Mi sono imborghesito, ora uso geany Very Happy
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
francescodue
Semidio
Semidio


Registrato: 26/09/08 10:00
Messaggi: 452

MessaggioInviato: 07 Apr 2019 15:51    Oggetto: Rispondi citando

La funzione delle SNAP è un ricorso storico, come detto in precedenza da altri.
L'utilità, a mio avviso, non è tanto di avere un programma pronto per l'uso su qualsiasi macchina, ma generare dei file comuni da qualsiasi PC.
Non ha senso che chi usa Win usa un programma che crea dei file con una certa estensione, che non possono essere usati come sono in MAC o in Linux ma che devono essere importati (non sempre perfettamente) o che non sono proprio leggibili.
Con questo sistema, auspicando che si estenda anche a Win e MAC (pur con tutti i rischi e i dubbi del caso), diventa irrilevante la versione (o il tipo) di SO che si usa. Se esiste il programma si può usare e quindi utilizzare tutti i file generati da questo.
I problemi di licenze e costi sono un'altra storia. Da analizzare non in questo contesto. (Anche se certamente si influenzeranno a vicenda).
Top
Profilo Invia messaggio privato
etabeta
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 06/04/06 10:02
Messaggi: 2170

MessaggioInviato: 07 Apr 2019 17:54    Oggetto: Rispondi citando

francescodue ha scritto:

Non ha senso che chi usa Win usa un programma che crea dei file con una certa estensione, che non possono essere usati come sono in MAC o in Linux ma che devono essere importati (non sempre perfettamente) o che non sono proprio leggibili.


Esistono comitati di standardizzazione, ti ricorda niente ANSI?

Non amo soluzioni "di fatto" proposte da singoli e supinamente adottate.

A me non frega di meno di avere estensioni diverse, non sono una pecora, sono 17 anni che vivo senza Microsoft e senza Apple e le loro estensioni e vivo benissimo.

Mi dispiace ma io sono per le peculiarità non per l'imbastardimento.

francescodue ha scritto:

Con questo sistema, auspicando che si estenda anche a Win e MAC (pur con tutti i rischi e i dubbi del caso), diventa irrilevante la versione (o il tipo) di SO che si usa.


Ribadisco, non serve omologazione serve libertà di scelta.
Canonical azienda capitalista spera di far soldi con GNU/Linux chi vuole far soldi meglio si rivolga ad Apple e Microsoft e stia con loro.
Gli utonti neanche pagherebbero per il supporto figurati se pagano programmi, cosa comunque illegale visto che ora la maggior parte dei componenti di GNU/Linux è distribuito con GPL 3 che lo vieta. per loro GNU/Linux è gratis e per quello lo usano se no sarebbero rimasti a Microsoft e Apple, non sono tutti filosofi come me che considero precipuo il valore della libertà e preferisco che piuttosto che inquinato da multinazionali come sta diventando torni un sistema da cantinari piuttosto.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
{ice}
Ospite





MessaggioInviato: 08 Apr 2019 06:59    Oggetto: Rispondi citando

il supporto di Canonical garantisce......ZERO
visti la miriade di progetti fatti giusto per differenziarsi da Debian e puntualmente abbandonanti perchè mancava la forza di supportarli
Top
amldc
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 02/05/06 16:21
Messaggi: 1256

MessaggioInviato: 08 Apr 2019 10:17    Oggetto: Rispondi

francescodue ha scritto:
La funzione delle SNAP è un ricorso storico, come detto in precedenza da altri.
L'utilità, a mio avviso, non è tanto di avere un programma pronto per l'uso su qualsiasi macchina, ma generare dei file comuni da qualsiasi PC.
Non ha senso che chi usa Win usa un programma che crea dei file con una certa estensione, che non possono essere usati come sono in MAC o in Linux ma che devono essere importati (non sempre perfettamente) o che non sono proprio leggibili.


Non è con cose come snap che vengono risolti queste incompatibilità; già adesso puoi utilizzare Wine o Crossover per far girare M$Office su una macchina Linux ma il problema è alla base: l'utilizzo di formati proprietari e/o spacciati per aperti ma mal documentati in modo da rendere difficoltosa l'interoperabilità.
Uno dei dubbi più diffusi fra le utenze aziendali, riguardo all'inserire delle macchine Linux nella rete, è: ma poi sono in grado di parlarsi ?
In realtà le macchine in rete, per parlarsi, utilizzano praticamente solo TCI/IP che è uno standard nato nel mondo Unix ed i problemi possono venire solo da implementazioni malfatte o personalizzate. Per il resto i dati sono e rimangono dei dati che devono essere letti ed interpretati da programmi residenti sulle diverse macchine.
Se poi vai a vedere, la politica di M$ è stata per decenni improntata dal creare formati e protocolli proprietari o modificati in modo da (cercare di) garantire la compatibilità esclusivamente ai propri prodotti.
Se oggi puoi leggere queste pagine, è grazie alla creazione di una serie di standard (http e html in primis) per cui i diversi sistemi operativi sono in grado di gestire le pagine web (e che fortunatamente M$ non è riuscita a affossare con le sue estensioni proprietarie che alla fine si sono rivelate un boomerang).

etabeta ha scritto:

Io avrei virgolettato "invenzioni" posto che una cosa che già esiste non è un'invenzione invenzione è qualcosa di mai pensato prima.

In realtà quei due termini erano messi in italico proprio per quel motivo


etabeta ha scritto:

Gli utonti neanche pagherebbero per il supporto figurati se pagano programmi, cosa comunque illegale visto che ora la maggior parte dei componenti di GNU/Linux è distribuito con GPL 3 che lo vieta.


rif.: link:
Citazione:

Quando parliamo di software libero (free software), ci riferiamo al concetto di libertà, non al prezzo. Le nostre General Public License sono progettate per garantire che chiunque abbia la libertà di distribuire copie di software libero (anche dietro pagamento di un prezzo, se lo desidera), che chiunque riceva o possa ricevere il codice sorgente se lo vuole, che chiunque possa apportare modifiche al software o utilizzarne delle porzioni in altri software liberi, e che chiunque sappia che ha il diritto di fare tutte queste cose col software libero.


Quindi la licenza GPL non vieta assolutamente la vendita dei programmi ma impone semplicemente che l'utente sia in grado di riceverne i sorgenti ed abbia la possibilità di modificarlo mantenendo quel tipo di licenza per le opere derivate. Inoltre, se ti modifichi un software GPL e non lo distribuisci ad altri, non sei obbligato a rendere pubblici ii sorgenti modificati. Inoltre non mi sembra che la licenza GPL vieti in qualche modo di utilizzare programmi proprietari su un sistema GNU.

etabeta ha scritto:

I problema è dovuto agli sviluppatori di programmi quasi tutti con la mania di utilizzare l'ultimissima versione ancora in beta della libreria, per questo dico servono linee guida, vuoi fare un programma per GNU/Linux? Devi attenerti a determinati requisiti se no vai a programmare per windows, mac o android che guadagni di più.


Utilizzare librerie beta è certamente tafazziano a meno che si stia preparando un'applicazione che deve essere disponibile senza attese quando le nuove librerie saranno stabilizzate. Inoltre se GNU dovesse mettere delle simili regole, andrebbe contro i suoi stessi principi per cui il software è tuo e ne puoi fare quello che vuoi. Sta all'utente saper selezionare le proprie fonti; se una distro od un programma risultano cronicamente affetti da da malfunzionamenti, probabilmente avranno vita breve e non è certamente compito di GNU decidere se possano sopravvivere o no.

etabeta ha scritto:

E poi in maggioranza il problema ce l'ha chi usa vecchiume come Ubuntu vedere le versioni installate rispetto alla versione stabile di programmi e librerie nella casella di destra.

Non capisco cosa significhi questa frase, potresti essere più chiaro ?

etabeta ha scritto:

Io uso antiX 17 su questa macchina, vero che per evitare problemi ho dovuto disinstallare sudo e gksu che comunque a me non servono a niente perché ero sempre sotto attacco e con privilege escalation mi saturavano la partizione root, ora non succede più ma pur essendo perennemente a rischio da quando ho installato non ho mai avuto problemi dovuti alla distro o errori dovuti alla scarsa cura nel metterla insieme, è perfetta e usa software molto più nuovo di Ubuntu.


Utilizzi la macchina su un ip pubblico con porte aperte senza firewall ? Shocked
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Programmazione Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a 1, 2, 3  Successivo
Pagina 1 di 3

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi