Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
cosa ci sta insegnando Greta Thunberg
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Politica e dintorni
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
paolodegregorio
Dio minore
Dio minore


Registrato: 13/07/07 12:00
Messaggi: 944

MessaggioInviato: 22 Apr 2019 16:29    Oggetto: cosa ci sta insegnando Greta Thunberg Rispondi citando

- cosa ci sta insegnando Greta Thunberg? -
di Paolo De Gregorio, 22 aprile 2019

La prima conclusione, a cui dovrebbero arrivare le persone raziocinanti, è che nessun cambiamento arriva dai vertici del potere politico e soprattutto da quello economico (intimamente intrecciati tra loro), ma solo se si muovono milioni di persone. E’ da 30 anni che scienziati e studiosi ci avvertono, dati scientifici alla mano, che il clima globale sta cambiando a causa delle frenetiche ed irresponsabili attività umane, ma tutti i protocolli, trattati, impegni, da Kyoto in poi, non solo non sono stati mai rispettati, ma le emissioni di gas serra sono aumentate, invece di diminuire drasticamente. Se qualcosa si muoverà nella direzione giusta lo dovremo ad una ragazzina tenace, che con il suo esempio e parole d’ordine comprensibili ha mobilitato milioni di giovani e giovanissimi in tutto il mondo, accomunati dalla preoccupazione di non avere davanti un futuro.
Dobbiamo obbligatoriamente dedurre che se si parte dai bisogni veri delle persone, se si parla un linguaggio chiaro e di verità, se si propone una soluzione a partire dai propri comportamenti individuali, la politica vera, sana, è questa e deve allontanare tutti quei personaggi tecnici, esperti, comunicatori, infiltrati che già cominciano con le loro miserabili esternazioni irridendo l’aspetto o la malattia della piccola Greta e la sua “inesperienza”.

La verità è che chiunque lucra su questo modello di sviluppo teme come la peste un modello nuovo che lascia i fossili (carbone, petrolio, gas) sotto terra e li sostituisce a tamburo battente con le rinnovabili.
Il riscaldamento globale, lo scioglimento dei ghiacciai, la siccità, l’aumento del livello dei mari, la desertificazione, l’inquinamento delle terre, delle acque, dell’aria, dei cibi, l’aumento dei fenomeni naturali sempre più violenti, non sono più invenzioni dei “catastrofisti”, né ideologia, ma fenomeni ormai osservabili da tutti.

Il vero dramma è che passare da un sistema all’altro, quello sostenibile non darà vantaggi immediati, visibili subito, mentre rinunce a molte comodità, al consumismo, agli spostamenti facili, peseranno e lo faranno pesare, ma in gioco c’è il futuro della vita di milioni di persone e non c’è altra strada se non quella di produrre energia senza ricorrere più ai combustibili fossili.

L’unica speranza è che questo movimento globale di giovani non si affidi alla vecchia politica responsabile del disastro e crei al suo interno una classe dirigente capace di arrivare al potere politico, che rimane il luogo geometrico dove si prendono tutte le decisioni e con cui prima o dopo bisogna fare i conti e chieda che, ovunque, si possa votare a 16 anni mi sembra, oltre che un omaggio all’età di Greta, una cosa giusta e saggia.
Paolo De Gregorio
Top
Profilo Invia messaggio privato
paolodegregorio
Dio minore
Dio minore


Registrato: 13/07/07 12:00
Messaggi: 944

MessaggioInviato: 19 Mag 2019 17:02    Oggetto: Rispondi

- un futuro da conquistare -
di Paolo De Gregorio, 19 maggio 2019

E’ urgente ed essenziale che quei milioni di giovani e giovanissimi, che hanno ascoltato Greta Thunberg e si sono mobilitati per fermare il devastante riscaldamento del pianeta, non si illudano di poter ottenere dei risultati chiedendo ai responsabili politici ed economici di questo disastro di porvi rimedio.
C’è bisogno di mettere in campo una classe dirigente totalmente nuova, accomunata da obiettivi e comportamenti individuali che saranno determinanti per il proprio futuro, senza farsi dividere da ideologie, religioni, razze.
L’obbiettivo principale è quello di lasciare carbone, petrolio, gas, sotto terra e soddisfare tutti i bisogni energetici con le rinnovabili. Le varie tecnologie già esistono, sono disponibili, sono molto migliorate come rendimento e la ricerca se ben orientata e finanziata può fare miracoli.
Il vero problema è quello del passaggio, della transizione tra il vecchio sistema di bruciare i combustibili fossili (che tra l’altro prima o dopo si esauriranno) e quello nuovo e inesauribile delle rinnovabili, che richiederà un certo tempo, creerà squilibri economici e sociali, scatenerà la reazione di quelle potenze economiche che vogliono sfruttare i fossili fino all’ultimo.

Senza una nuova classe politica che lotti per il proprio futuro in termini di vita o di morte non si va da nessuna parte, ed essa deve nascere dall’interno di questo movimento, senza affidarsi a “esperti” o “tecnici”, basandosi solo sulla giustezza degli obiettivi e sulla coerenza personale di ridurre tutti i consumi prodotti con energia generata dai fossili.
Comunque da parte dei media è già calato un silenzio assordante sul fenomeno Greta e questo ci fa capire quanto dura sarà questa lotta.
Paolo De Gregorio
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Politica e dintorni Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi