Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Il vestito che si pulisce da solo
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze e nuove tecnologie
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Zeus News
Ospite





MessaggioInviato: 06 Mar 2008 12:51    Oggetto: Il vestito che si pulisce da solo Rispondi citando

Commenti all'articolo Il vestito che si pulisce da solo
Realizzata in Australia la tecnologia che permette ai vestiti di eliminare le macchie grazie alla luce solare.
Top
ioSOLOio
Amministratore
Amministratore


Registrato: 12/09/03 18:01
Messaggi: 16342
Residenza: in un sacco di...acqua

MessaggioInviato: 06 Mar 2008 16:04    Oggetto: Re: Il vestito che si pulisce da solo Rispondi citando

immagino che per una sua futura applicazione (ad esempio proprio in settori come quello ospedaliero citato) non servirà espressamente la luce diretta del sole ma anche suoi surrogati...

sterilizzare e ripulire al contempo
Top
Profilo Invia messaggio privato
{wirtak}
Ospite





MessaggioInviato: 07 Mar 2008 10:32    Oggetto: Rispondi citando

Che meraviglia! Ora aspettiamo quello che si stira da solo :-)
Top
chemicalbit
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/04/05 17:59
Messaggi: 18597
Residenza: Milano

MessaggioInviato: 07 Mar 2008 11:19    Oggetto: Rispondi citando

Se non ricordo male è già da un po' che avevano inventato lo stesso sistema per i vetri
(che può sembrare non poi così utile, ma coi grattacieli alti N-grande piani, tutti "a specchio" .. provate voi a pulirli!)
Top
Profilo Invia messaggio privato
{MaXXX}
Ospite





MessaggioInviato: 07 Mar 2008 21:31    Oggetto: Rispondi citando

Che io sappia sui vetri in genere si usa uno strato di materiale idrofobico che aumenta di molto l'angolo di contatto della superficie rendendo il vetro idrofobico e sporcorepellente perche molto più liscio e antistatico.
Top
alessandro.polo
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 17/02/07 18:08
Messaggi: 2043
Residenza: Al di sotto di Zeus Thor e Anubis

MessaggioInviato: 07 Mar 2008 22:27    Oggetto: Rispondi citando

che figata!

avevo letto una storia su topolino: zio paperone e rockerduck si cimentano a farsi una guerra economica sul settore abbigliamento. prendendo i primi due sfigati per testare gli abiti: paperino e paperoga.
c'è una vignetta dove paperinostà provando un abito auto-pulente avvolto da una collinetta di bolle di sapone...
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
chemicalbit
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/04/05 17:59
Messaggi: 18597
Residenza: Milano

MessaggioInviato: 07 Mar 2008 23:40    Oggetto: vetri (risspota) Rispondi citando

{MaXXX} ha scritto:
Che io sappia sui vetri in genere si usa uno strato di materiale idrofobico che aumenta di molto l'angolo di contatto della superficie rendendo il vetro idrofobico e sporcorepellente perche molto più liscio e antistatico.
Anche.
Io mi riferivo ad un sistema fotochimico. (Non ricordo se anche quello a base di diossido di titanio, o se di particolari polimeri)
Top
Profilo Invia messaggio privato
{ken}
Ospite





MessaggioInviato: 08 Mar 2008 03:17    Oggetto: nanocosi Rispondi citando

Nanocristalli? Uhm.... da quando ho conosciuto questi ricercatori, quando sento parlare di nani non sono piu' molto tranquillo:
http://www.nanodiagnostics.it/Nanopatologie.aspx
Citazione:
Che cosa sono le nanopatologie

Per "nanopatologie" s'intendono le malattie provocate da micro- e nanoparticelle inorganiche che sono riuscite, per inalazione od ingestione, ad insinuarsi nell?organismo e si sono stabilite in un organo o in un tessuto.

Le particelle sono liberate naturalmente in atmosfera dai vulcani attivi, dagl?incendi, dall?erosione delle rocce, dalla sabbia sollevata dal vento, ecc. In genere, le particelle di queste provenienze sono piuttosto grossolane. Spesso più sottili e normalmente assai più numerose, sono le particelle originate dalle attività umane, soprattutto quelle che prevedono l?impiego di processi ad alta temperatura. Tra questi processi, il funzionamento dei motori a scoppio, dei cementifici, delle fonderie e degl?inceneritori.
Top
chemicalbit
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/04/05 17:59
Messaggi: 18597
Residenza: Milano

MessaggioInviato: 08 Mar 2008 09:36    Oggetto: Re: nanocosi Rispondi citando

{ken} ha scritto:
Nanocristalli? Uhm.... da quando ho conosciuto questi ricercatori, quando sento parlare di nani non sono piu' molto tranquillo:
come tutte le cose nuove, bisogna valutarle con la dovuta attenzione.

Non che le cose vecchie sono invece per forza sicure.

Cuocere del cibo direttamente (senza una lastra in mezzo) sopra della legna o della carbonella mi pare Wink che anche quello non faccia granché bene ...
Top
Profilo Invia messaggio privato
{ken}
Ospite





MessaggioInviato: 08 Mar 2008 21:17    Oggetto: nuovo e vecchio Rispondi citando

Si' hai ragione! Non tutto quello che e' nuovo e' sbagliato, anzi. Teoricamente la civilta' dovrebbe pian piano procedere verso una condizione di maggiore benessere, grazie alle scoperte della tecnica. E infatti la vita media si e' allungata di molto, quanto meno in questa parte di mondo.
Fa riflettere pero' il fatto che, statistiche alla mano, il cancro sia diventato epidemico negli ultimi decenni, anche per fasce d'eta' che prima ne erano interessate solo marginalmente.

Gli studi di questi ricercatori modenesi, che non sono i soli a livello internazionale a essere arrivati a queste conclusioni, legano l'insorgenza di certi tipi di patologie all'esposizione ad agenti inquinanti come gli inceneritori.
In sostanza sostengono che le altissime temperature dei processi di combustione di inceneritori, cementifici, e simili, portino alla formazione di "proiettili" metallici nanometrici, in grado di insinuarsi all'interno delle cellule umane, causandone la degenerazione.

Le attuali norme sull'inquinamento non prevedono nemmeno la misurazione del particolato nanometrico, limitandosi a rilevare la quantita' dei cosiddetti pm10, che in confronto ai pm1/pm2 sono molto meno pericolosi. Per questo i costruttori di inceneritori (o "termovalorizzatori") possono affermare che i loro prodotti non sono inquinanti. Senza poi considerare le tonnellate di cenere "inerte" che vengono prodotte come residuo della combustione dei rifiuti.

Ci sono dei video in rete sull'argomento. Consiglio a tutti di dargli almeno un'occhiata.
Top
Zeus
Amministratore
Amministratore


Registrato: 21/10/00 01:01
Messaggi: 12711
Residenza: San Junipero

MessaggioInviato: 10 Mar 2008 00:09    Oggetto: Rispondi

nano di qua, nano di la'... sempre con berlusconi ve la prendete!
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze e nuove tecnologie Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi