Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Niente anonimato su Internet: la battaglia di Gabriella Carl
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Ribelli digitali
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
naturuzzu
Eroe
Eroe


Registrato: 27/02/09 11:43
Messaggi: 60

MessaggioInviato: 27 Feb 2009 13:07    Oggetto: Rispondi citando

oldmax ha scritto:
Li avete votati ? E allora teneteveli, ballerine incluse! Wink Wink

Ragazzi, qua hanno infilato la punta del cuneo e ora spingono...spingono....un colpetto alla volta...ungono di vasellina(tutte le str... per le quali la massa va scema) ..e spingono.. ..e spingono. ..e spingono.
Finché si arriverà al divieto di riunirsi in più di 3 persone pena "Associazione contro il potere dello stato"...., di esprimere opinioni non in linea col potere, di fondare partiti che non siano quelli al potere ecc. ecc. tante altre cose già viste 90 anni fa ...
sono pienamente d'accordo è in arrivo la diittatura....preparatevi!
Top
Profilo Invia messaggio privato
freemind
Supervisor sezione Programmazione
Supervisor sezione Programmazione


Registrato: 04/04/07 20:28
Messaggi: 4643
Residenza: Internet

MessaggioInviato: 04 Mar 2009 01:51    Oggetto: Rispondi citando

Commentiamo tutti insieme sul blog della carlucci la sua proposta?
Iniziamo a farci sentire tutti insieme?
Leggete e divertitevi:

Pedofilia e internet
Tratto dal blog della carlucci
Citazione:

Oltre cinquemila segnalazioni e centinaia di casi di pedofilia accertati ogni anno, un?enormita?. Bambini che, dal primo anno di vita sono vittime di abuso, molestie sessuali. Tanti i casi che non vengono alla luce perche? mai denunciati, spesso per vergogna o mancanza di fiducia nella giustizia. Ma soprattutto un aumento allarmante della pedopornografia online negli ultimi cinque anni del 131% e una schiera di ?insospettabili? scoperti a produrre o scambiare migliaia di immagini pedopornografiche. Un dossier del Telefono Arcobaleno ha reso noto che l?Italia è al 5° posto nel mercato pedopornografico online.

Una vergogna va contrastata con tutte le risorse possibili.

Ecco un riepilogo dei casi avvenuti solo negli ultimi giorni nel nostro Paese:

? Belmonte: indagato bidello di una scuola, scambiava foto e video su Internet
? Pedofilia web: Professore arrestato:?Foto vietate? Prima la curiosità, poi il vizio?
? Pedofilia on line, operazione Thai: arrestato insegnante casertano
? Pedofilia su Internet: indagato architetto savonese ex insegnante, sequestrati filmati ?raccapriccianti?
? Arrestato professionista napoletano colpevole di aver abusato di minori adescati su chat e social network offrendo false generalità.

Di fronte a questa situazione drammatica ho pensato di presentare una proposta di legge per regolamentare Internet, la quale, prevedendo il divieto dell?anonimato in rete, contribuisse ad impedire che casi simili si ripetano in Italia. Inspiegabilmente la proposta ha ricevuto critiche selvagge, a volte sfociate in volgari offese, come nel caso del Sig. Sozzi al quale ho risposto con la seguente lettera, che pubblico per far comprendere le reali ragioni della mia proposta.

Egregio Signor Sozzi,

sarei fortemente tentata di non rispondere alla sua lettera.

Fatico molto a rispettare il pensiero e a dialogare con chi come lei usa con leggerezza, e peraltro totalmente fuori contesto, un verbo - stuprare - che rappresenta per milioni e milioni di donne oggi nel mondo, e per miliardi di donne nella storia dell?umanita?, il piu? mostruoso, lacerante e incancellabile oltraggio alla vita stessa.

Se questo e? il livello della sua sensibilita? su un tema cosi? grave e delicato, capisco bene che le sia difficile comprendere il valore della mia proposta di legge tesa unicamente a tutelare alcuni diritti fondamentali dalle violazioni che possono venire commesse utilizzando in maniera subdola e pericolosa le potenzialita? dell Rete.

Detto questo, poiche? e? mio compito di parlamentare della Repubblica dare ascolto anche alle voci piu? becere e preconcette, la invito a leggere il testo della relazione introduttiva e a rilevare che la legge non contiene alcuna previsione sanzionatoria, ma si limita a inquadrare alcuni comportamenti commessi tramite la rete riconducendoli in fattispecie normative gia? esistenti nel nostro ordinamento.

Concordera?, infatti, con me che anche i ?cittadini della rete?, come lei si definisce, abbiano gli stessi diritti ma anche gli stessi doveri dei ?cittadini non della rete?, o meglio dei ?normali? cittadini della Repubblica Italiana.

Buona lettura e buone riflessioni !

GC
Per rendere edotto, chi voglia, sulle reali intenzioni della sottoscritta e i reali contenuti della proposta trovate nel link sottostante il testo dell?A.C. 2195 ?Disposizioni per assicurare la tutela della legalità nella rete internet e delega al Governo per l?istituzione di un apposito comitato presso l?Autorità per le garanzie nelle comunicazioni?


Facciamo capire a tutti loro che sono solo dei buffoni?

Leggetevi anche i due documenti word che la sciura ha postato

Siamo liberi e dobbiamo restarli!
Top
Profilo Invia messaggio privato
freemind
Supervisor sezione Programmazione
Supervisor sezione Programmazione


Registrato: 04/04/07 20:28
Messaggi: 4643
Residenza: Internet

MessaggioInviato: 09 Mar 2009 21:36    Oggetto: Rispondi citando

Ho trovato questo simpatico articolo sull'espresso con un bellissimo video in cui vengono discusse le idee della carlucci e del d'alia...
Mi pare che non lo abbia ancora segnalato nessuno.
Internet, contro la nuova legge
Tratto da l'espresso
Citazione:

Una norma passata al Senato rischia di oscurare molti siti. 'L'espresso' ha messo a confronto deputati attenti ai problemi della rete (Di Pietro, Cassinelli e Palmieri), un docente di Diritto delle nuove tecnologie (Scorza) e alcuni tra i blogger italiani più impegnati su questi temi
Entro un mesetto alla Camera si dovrebbe votare sul decreto sicurezza già approvato al Senato: per intenderci, quello che legalizza le ronde e chiede ai medici di denunciare i clandestini. Ma nel pacchetto che si discuterà a Montecitorio c'è anche una norma che sta facendo molto discutere in Rete: un emendamento scritto da Gianpiero D'Alia (Udc) che prevede l'oscuramento completo di tutti i siti in cui ci sono apologie di reato o istigazioni a delinquere.

Infilato all'ultimo minuto, l'emendamento D'Alia avrebbe un effetto esplosivo perché consentirebbe alla Polizia postale di chiudere in Italia non solo siti come Facebook e YouTube - i cui contenuti sono prodotti dagli utenti e che quindi non mancano di componenti scorrette - ma anche migliaia di blog dove basterebbe un commento 'sbagliato' inserito da un lettore per far abbassare la serranda all'intero sito.

'L'espresso' ha dato il via a una campagna on line e sul settimanale cartaceo per portare a conoscenza dei politici e dell'opinione pubblica le conseguenze dell'emendamento D'Alia in termini di limitazione della libertà d'espressione. Tra le iniziative, ora c'è anche un confronto tra politici, giornalisti e blogger che si è tenuto nei giorni scorsi in redazione per discutere se e come si può migliorare l'emendamento 'birmano' approvato al Senato. Al dibattito era stato invitato lo stesso D'Alia, che tuttavia si è rifiutato di partecipare. Sono invece venuti i deputati Antonio Palmieri (l'esponente del Pdl più attento ai problemi della Rete) e Roberto Cassinelli (sempre del Pdl, autore di un controemendamento sulla proposta D'Alia), oltre al leader dell'Italia dei Valori Antonio Di Pietro; c'erano poi Guido Scorza (docente di Diritto delle nuove tecnologie) e alcuni tra i blogger italiani più impegnati su questi temi:
Alessio Jacona, Nicola Mattina, Antonella Napolitano, Lorenza Parisi e Antonio Sofi, oltre al giornalista di 'Repubblica' e blogger Vittorio Zambardino.
(segue)

Chissà perchè il d'alia non è voluto andare... mah!?
Il video è molto interessante anche se un po' lunghetto, invito tutti a guardarlo...
Notare che anche se alcuni dei tizi lì presenti si sono dichiarati più "moderati" rispetto al d'alia, gualche legaccio alla rete lo vogliono aggiungere; il Sig. Guido Scorza, esperto di diritto ha invece chiarito all'inizio che:
1) vuoti legislativi non ce ne sono: se io commetto un reato in rete allora la legge mi punisce
2) i filtri magici che d'alia e i vari furboni vorrebbero di fatto non esistono (ma io aggiungo a meno di non rovinare la rete).

Divertitevi...


::edit::
notate anche che quando sono i politici a parlare più che giri di parole non fanno senza alla fine concludere nulla mentre gli altri sono molto più chiari, diretti e precisi...

che gente che abbiamo in parlamento Incupito
Top
Profilo Invia messaggio privato
freemind
Supervisor sezione Programmazione
Supervisor sezione Programmazione


Registrato: 04/04/07 20:28
Messaggi: 4643
Residenza: Internet

MessaggioInviato: 09 Mar 2009 22:22    Oggetto: Rispondi citando

Finito ora di vedere il video...
Alla fine a parte Di Pietro per il lato dei politici gli altri hanno fatto poco più che giri di parole.
In generale mi pare di capire che viene fuori l'idea di aggiungere qualche norma per arrivare a colpire direttamente l'autore del reato senza "distruggere" l'intermediario.
Sarebbe stato bello se fosse uscito in modo chiaro e preciso (anche se qualche accenno c'è stato) che le leggi per punire chi commette un reato in rete ci sono già perchè se io diffamo in rete o nella vita vera, sempre diffamazione è!
Sarebbe stato interessante anche che fossero state esposte delle idee su come migliorare "il braccaggio" di commette reato...
Top
Profilo Invia messaggio privato
zeross
Moderatore Software e Programmazione
Moderatore Software e Programmazione


Registrato: 19/11/08 11:04
Messaggi: 3464
Residenza: Atlantica

MessaggioInviato: 09 Mar 2009 22:36    Oggetto: Rispondi citando

freemind ha scritto:
Finito ora di vedere il video...
Sarebbe stato bello se fosse uscito in modo chiaro e preciso.....che le leggi per punire chi commette un reato in rete ci sono già perchè se io diffamo in rete o nella vita vera, sempre diffamazione è!
Sarebbe stato interessante anche che fossero state esposte delle idee su come migliorare "il braccaggio" di commette reato...


E già un miracolo che si fermino a pensare a quello che stann facendo e dicendo.
Con gente che come i polipi riusciva a pigiare contemporanemanete 10 tasti di altrettanti colleghi assenti in aula per le votazioni parlamentari di leggi che nessuno leggeva , cosa ti aspetti che comprendano cose ar-cane.
A roma ar cane al max gli tiri l'osso!

Se invece di parlamentari avessimo dei babbubini nessuno noterebbe la differenza.
Poi come avrebbe detto l'ispettore Franck Drebin della polizia di Los Angeles, della serie La pallottola Spuntata, se la capitale e piena di Babbuini la colpa e degli elettori, mica mia! Razz
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
freemind
Supervisor sezione Programmazione
Supervisor sezione Programmazione


Registrato: 04/04/07 20:28
Messaggi: 4643
Residenza: Internet

MessaggioInviato: 10 Mar 2009 21:44    Oggetto: Rispondi

zeross ha scritto:
Se invece di parlamentari avessimo dei babbubini nessuno noterebbe la differenza.
Poi come avrebbe detto l'ispettore Franck Drebin della polizia di Los Angeles, della serie La pallottola Spuntata, se la capitale e piena di Babbuini la colpa e degli elettori, mica mia!

Ok, però non è che uno si immagina una cosa del genere!
Anche perchè qui la carlucci ha fatto veramente una cosa scandalosa: in pratica la legge contro l'anonimato in rete viene spacciata per una legge contro la pedofilia ma in realtà e pro siae e pro case discografiche & co; la cosa è intuibile leggendo i meta del doc: UNIVIDEO in particolare nella persona di Davide Rossi e di un certo Giovanni (questo non so chi sia).
Ora che centra UNIVIDEO con la pedofilia? Secondo me nulla.
Quindi,tornando a ciò che volevo dire, uno si immagina che una persona faccia un giro così perverso?
Io sono gramo e bastardo di natura ma non mi sarei mai aspettato da nessuno una cosa così.

In più non si decidono mai a mostrare come vorrebbero impedire questo odiato anonimato e come garantirebbero la sicurezza di una persona che denuncia pubblicamente e apertamente qualche cosa...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Ribelli digitali Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6
Pagina 6 di 6

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi