Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
* Kant e l'enigma del tempo
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Enigmi e giochi matematici
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Salmastro
Dio minore
Dio minore


Registrato: 13/12/06 19:36
Messaggi: 883
Residenza: Casalmico

MessaggioInviato: 22 Apr 2010 10:34    Oggetto: * Kant e l'enigma del tempo Rispondi citando

Per festeggiare degnamente il compleanno di Immanuel Kant, che nacque nell’allora Prussia Orientale, proprio il 22 aprile di 186 anni fa, mi sembra doveroso rispolverare un classico enigma, salvo errori, per noi inedito.

Si dice che Kant fosse uno scapolo di abitudini così metodiche che i cittadini di Koenigsberg, la città dei sette ponti, regolavano i loro orologi quando lo vedevano passare da certi punti caratteristici.
Una sera Kant rimase atterrito nel vedere che la pendola di casa si era fermata. Evidentemente la domestica, che aveva il giorno libero, si era dimenticata di ricaricarla. Il grande filosofo non poté regolare le lancette perché il suo orologio da tasca era in riparazione e non aveva modo di conoscere l’ora esatta. Egli allora si recò a casa del suo amico Schmidt, un mercante che viveva pressappoco un miglio distante e dette un’occhiata all’orologio nell’ingresso di casa Schmidt al momento di entrare.
Dopo diverse ore di visita a Schmidt, Kant salutò e se ne ritornò a casa per la stessa via da cui era venuto camminando, come sempre, con quell’andatura lenta e costante che in tanti anni non aveva mai cambiato. Egli non aveva nozione di quanto tempo avesse richiesto questa passeggiata, ché Schmidt si era appena trasferito nella zona e Kant non sapeva ancora quanto tempo impiegava in questa passeggiata. Nondimeno, quando rientrò in casa, Kant regolò immediatamente e correttamente il suo orologio.


Come fece Kant a sapere l’ora esatta?
Top
Profilo Invia messaggio privato AIM Yahoo MSN
uomodeighiacci
Dio minore
Dio minore


Registrato: 01/01/09 19:29
Messaggi: 769

MessaggioInviato: 22 Apr 2010 12:36    Oggetto: Rispondi citando

io ha scritto:
Dunque. Kant prima di uscire di casa carica e fà ripartire il pendolo. Appena arrivato a casa del suo amico guarda l'ora in modo da sapere esattamente quanto si tratterrà da lui. Poichè l'andatura di Kant è più o meno costante, egli sà che ha impiegato lo stesso tempo per il tragitto di andata e per quello di ritorno. Tornato a casa legge l'ora del suo orologio a pendolo e calcola quanto tempo è stato via, sottrae il tempo passato dall'amico e divide per due. Ora gli basta sommare questo tempo all'ora che ha letto in casa del suo amico prima di uscire.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Salmastro
Dio minore
Dio minore


Registrato: 13/12/06 19:36
Messaggi: 883
Residenza: Casalmico

MessaggioInviato: 23 Apr 2010 10:49    Oggetto: Rispondi citando

uomodeighiacci ha scritto:
Dunque. Kant prima di uscire di casa carica e fà ripartire il pendolo. Appena arrivato a casa del suo amico guarda l'ora in modo da sapere esattamente quanto si tratterrà da lui. Poichè l'andatura di Kant è più o meno costante, egli sà che ha impiegato lo stesso tempo per il tragitto di andata e per quello di ritorno. Tornato a casa legge l'ora del suo orologio a pendolo e calcola quanto tempo è stato via, sottrae il tempo passato dall'amico e divide per due. Ora gli basta sommare questo tempo all'ora che ha letto in casa del suo amico prima di uscire.


perfetto! impeccabile analisi a posteriore Wink Applause Applause Applause

...sebbene, in realtà, considerando che Kant, come filosofo, usava metodi diametralmente opposti, le cose potrebbero essere andate così:

Citazione:
Il Sig. Schmidt, oltre ad essere amico di Kant, era anche il suo orologiaio.
Perciò, mentre Kant sedeva a chiacchierare con lui, egli riparò l'orologio del filosofo...
Top
Profilo Invia messaggio privato AIM Yahoo MSN
uomodeighiacci
Dio minore
Dio minore


Registrato: 01/01/09 19:29
Messaggi: 769

MessaggioInviato: 23 Apr 2010 11:11    Oggetto: Re: Kant e l'enigma del tempo Rispondi citando

8)
Sono stato "guidato" da questa frase:
salmastro ha scritto:
Egli allora si recò a casa del suo amico Schmidt, un mercante che viveva pressappoco un miglio distante e dette un’occhiata all’orologio nell’ingresso di casa Schmidt al momento di entrare.

ed ho cominciato a chiedermi
Citazione:
perchè avrebbe dovuto guardare l'ora appena arrivato

ma anche la tua soluzione non fa una grinza Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato
burzox
Eroe
Eroe


Registrato: 19/10/05 14:26
Messaggi: 65

MessaggioInviato: 30 Giu 2010 16:38    Oggetto: Rispondi citando

purtroppo, per policy di sicurezza non riesco a vedere il contenuto dei riquadri.

comunque propongo una soluzione semplice, che non tira in ballo sia matematica superiore che filosofia.

* dall'amico aveva a disposizione l'orologio-> sapeva da dove iniziare
* visto che "con quell’andatura lenta e costante " ha contato i passi al ritorno.

Molte volte ho calcolato le distanze contando i miei passi e conoscendo la mia andatura, dalla distanza, nota la velocità, risalire al tempo è fatta.

La distanza di un miglio è fuorviante, poichè a Kant non era nota, infatti l'amico si era appena trasferito

bho, ci ho provato ma, un poco impreciso, ma funzionerebbe

arri

Idea
Top
Profilo Invia messaggio privato
Salmastro
Dio minore
Dio minore


Registrato: 13/12/06 19:36
Messaggi: 883
Residenza: Casalmico

MessaggioInviato: 30 Giu 2010 19:19    Oggetto: Rispondi citando

burzox ha scritto:
purtroppo, per policy di sicurezza non riesco a vedere il contenuto dei riquadri.


basta passare col mouse sui riquadri! Wink

P.S.: sì il metodo (trattandosi di Kant) funzionerebbe, ma avesse pensato di far così non avrebbe minimizzato le operazioni (contare i passi è dispendioso), cosa che col metodo "uomodeighiacci" si realizza Very Happy
Top
Profilo Invia messaggio privato AIM Yahoo MSN
ChiedoAssistenza
Aspirante troll *


Registrato: 16/02/11 11:53
Messaggi: 749

MessaggioInviato: 05 Ago 2012 12:23    Oggetto: Rispondi

Ma si è semplice. Mettiamo che il suo orologio si sia fermato a mezzogiorno.
E una volta giunto dall'amico siano le sette di sera.
Quando Torna a casa vede che il suo orologio segna le due del pomeriggio.
Vorrà dire che a fare andata e ritorno dal suo amico, ci ha impiegato due ore. Ha usato il suo orologio sbilenco come un cronometro.
Vorrà dire che a fare la passeggiata dal suo amico impiega un'ora.
Divide cioè il tempo cronometrato con il suo orologio che si era fermato, per due.
E questo numero trovato lo dovrà sommare all'ora vista dal suo amico. Vorrà dire che una volta tornato a casa dovrà rimettere le lancette sulle otto di sera.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Enigmi e giochi matematici Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi