Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
la rivoluzione femminile, cap, 9 de "Le regole del gioco"
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Politica e dintorni
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
paolodegregorio
Dio minore
Dio minore


Registrato: 13/07/07 12:00
Messaggi: 906

MessaggioInviato: 08 Mar 2017 20:40    Oggetto: la rivoluzione femminile, cap, 9 de "Le regole del gioco" Rispondi citando

Capitolo 9
“la rivoluzione femminile”

La salvezza del pianeta terra passa attraverso l’emancipazione delle donne.
L’evento culturale più denso di significato e di peso dopo il 1968 avvenuto in Occidente, ed in particolare nell’Europa “cristiana”, è stato quello che ha consentito alle donne (disobbedendo agli anatemi dei preti), tramite l’accesso diretto ai presidi anticoncezionali, di gestire direttamente, senza trattative né mediazioni, la propria fertilità, realizzando risultati meravigliosi: la crescita zero (che poi significa due figli per coppia), poter avere rapporti sessuali alla sola ricerca del piacere fisico, libero dalla paura, spesso l’incubo, di rimanere incinte.
Oggi poi, con la pillola del giorno dopo, si ha una semplificazione ancora maggiore e il traumatico ricorso all’aborto potrebbe presto diventare un brutto ricordo, lasciando a bocca asciutta tutti i ginecologi, magari obiettori di coscienza, che speravano di tornare a lucrosi aborti clandestini (ricordiamo i famosi cucchiai d’oro).
L’ottimismo che mi deriva da questo percorso storico delle donne, e in particolare di quelle italiane, sta nel fatto che ancora nei primi decenni del 900 le donne, schiacciate dalla sessuofobia della Chiesa e da un maschilismo orrendo, quando andavano a fare il bagno a mare erano coperte esattamente quanto le islamiche oggi col “burkini”.
Ciò ci disvela che tutte le religioni sono uguali e temono come la peste la liberazione del corpo, la ricerca del piacere, il controllo tramite la scienza della propria fertilità.
Questo passaggio epocale, dal buio delle morti per aborti clandestini fatti dalle mammane, dalla frigidità dettata dalla paura di una ennesima gravidanza (mia nonna era l’ultima di 17 figli), in un periodo relativamente breve (la pillola fu liberamente disponibile in farmacia dal 1976) la rivoluzione femminile non ha conosciuto sosta travolgendo e annientando i principi cattolici.
Lo stesso può accadere nel mondo islamico se le donne occidentali avranno la lungimiranza e il coraggio di indicare la strada che per prime hanno percorso, perché fermare la sovrappopolazione significa salvare la vita sulla terra, e sono solo le donne che hanno questo potere.
Ricordatevi donne che avrete davanti il becero nemico di sempre, le religioni, che per secoli vi hanno tenuto nell’ignoranza, nella paura, nei divieti, nella rassegnazione, nei sensi di colpa, nella infelicità, religioni che vi hanno bruciato come streghe, che vi hanno infibulato per non farvi provare piacere.
Chiesa cattolica e Islam sono profondamente legate da questa visione della donna e nel continente africano, soprattutto, sono alleati nell’impedire qualunque riduzione delle nascite con metodi contraccettivi, perché sanno bene che il passaggio dal fatalismo e dalla rassegnazione alla razionalità nel gestire la propria fertilità genera altri protagonismi, altra mentalità, altre conquiste.
La diffusione di queste idee, la messa a disposizione clandestina dei contraccettivi, può essere veicolata lavorando sulle donne islamiche qui in Italia, che poi troveranno il modo con intelligenza e furbizia di far arrivare idee e materiali nei paesi d’origine, e soprattutto attraverso le migliaia di onlus presenti in Africa e nei paesi islamici dove molte donne occidentali sono in confidenza e fiducia con le native, per innescare lo stesso meccanismo che ha funzionato in Occidente.
Qualche cosa deve essere successo in Iran, paese di assoluto integralismo, che ci dà grandi speranze: la guida suprema della teocrazia iraniana, l’ayatollah Khamenei, aveva chiesto qualche tempo fa alle donne di fare più figli per fare più grande e forte la nazione (tradotto vuol dire più carne da cannone) e la risposta è stata una netta diminuzione delle nascite. Non so cosa si sono inventate le donne iraniane per ottenere questo risultato, ma è un ottimo inizio. L’obiettivo della crescita zero non deve essere considerato un atto altruista e di solidarietà, è anche nostro interesse non essere invasi da masse di disperati, che arrivano con i barconi, che non riuscendo ad integrarsi in una società ormai post industriale, si radicalizzano e cercano di vendicarsi col terrorismo, alimentando guerre di religione odio, paura, con lo spostamento a destra in quasi tutti i paesi europei.




E' ul mio contributo alla festa dell'8 marzo 2017. E' il cap. 9 de "Le regole del gioco", ebook scaricabile gratis da varie librerie online (Amazon, mondadori, Republic, etc,.)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Maary79
Moderatrice Sistemi Operativi e Software
Moderatrice Sistemi Operativi e Software


Registrato: 08/02/12 12:23
Messaggi: 6833

MessaggioInviato: 08 Mar 2017 22:24    Oggetto: Rispondi citando

Bel post Paolo, te lo quoto in toto.
Top
Profilo Invia messaggio privato
paolodegregorio
Dio minore
Dio minore


Registrato: 13/07/07 12:00
Messaggi: 906

MessaggioInviato: 09 Mar 2017 13:38    Oggetto: Rispondi

grazie!
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Politica e dintorni Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi