Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
RAI servizio pubblico, una barzelletta!
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Politica e dintorni
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
paolodegregorio
Dio minore
Dio minore


Registrato: 13/07/07 12:00
Messaggi: 924

MessaggioInviato: 06 Gen 2018 17:28    Oggetto: RAI servizio pubblico, una barzelletta! Rispondi

- la RAI servizio pubblico, una barzelletta! -
di Paolo De Gregorio, 6 gennaio 2018

Per poter discutere decentemente sul tema della Rai è obbligatorio mettere dei punti fermi, altrimenti si rischiano i sintomi immediati di orticaria e psoriasi.
La RAI non è un “servizio pubblico”, ma un carrozzone spartito tra i vecchi partiti politici, ufficio di collocamento di parenti, amanti, sodali dei suddetti, con il risultato di una disinformazione scientifica che da 60 anni fabbrica suddite e governi.

Un “servizio pubblico”, visto che è stato istituito e pagato dai contribuenti e mantenuto con il canone,nnon deve trasmettere la pubblicità, non deve essere condizionato dall’onnipotenza del mercato, e deve assumere forma giuridica di “public company”, ossia proprietà dei cittadini che pagano il canone, che ogni 5 anni, in regolari elezioni (abbinate alle politiche) eleggono il presidente con tutti i poteri, scegliendolo tra personaggi indipendenti da politica, economia e religioni (una come la Gabanelli andrebbe benissimo), per costituire, finalmente, un contrappeso mediatico all’attuale strapotere di privati e politicanti, che ormai è un vero e proprio monopolio.

La prima obiezione che sento dai paraculi che vogliono lasciare le cose come stanno è che sono un ingenuo, che offre su un piatto d’argento la frazione di pubblicità oggi gestita dalla Rai a Berlusconi e altri privati, ma non tengono conto che ormai lo spazio dato alla pubblicità è saturo, che internet assorbe sempre più utenti, che una vera contropubblicità, da vero servizio pubblico, che smaschera che smaschera le panzane dei pubblicitari, specialmente su salute e ambiente, getterebbe forte discredito su tutto il “sistema”. E magari la gente tornerebbe ad apprezzare una Tv senza quelle vomitevoli pubblicità su flatulenze e pannoloni all’ora di cena, e senza quei finti dibattiti a base di urla e parolacce dove i soliti noti sono pagati per sabotare qualunque tentativo di civiltà dibattimentale.

Senza una forza politica che spinga pesantemente verso questa soluzione (le proposte dei 5 stelle per ora sono ridicole e inesistenti) si rischia la privatizzazione, che andrebbe a premiare i monopolisti ed i fabbricanti di scimmie addestrate al consumo, perché oggi la politica, come in America, non è un elemento indipendente e autonomo, ma un ingranaggio di un SISTEMA in cui economia, banche, massonerie, media, servizi segreti, politica, sono profondamente intrecciati e integrati e nei loro vertici già funzionanti a livello globale, con progetti che svuotano la democrazia di ogni reale potere.
Paolo De Gregorio
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Politica e dintorni Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi