Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Android, un sistema frammentato
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Tablet e smartphone
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
pentolino
Semidio
Semidio


Registrato: 04/09/08 13:53
Messaggi: 237

MessaggioInviato: 11 Nov 2013 10:30    Oggetto: Rispondi citando

@spacexplorer

In realtà proprio Android, con le sue resources variabili, i frammenti, i layout relativi ed altro, permette di adattare facilmente la GUI a dimensioni diverse.
Poi, certo, non è pensabile che la gui sia perfetta su tutti i possibili schermi, ma se la ottimizzi per i dispositivi più diffusi in genere è sufficiente perché vada abbastanza bene anche sugli altri.
Ovviamente questo richiede più skill che non quello necessario a riportare 4 psd come si fa in genere per IOS.
Top
Profilo Invia messaggio privato
spacexplorer
Dio minore
Dio minore


Registrato: 08/10/09 10:22
Messaggi: 610

MessaggioInviato: 11 Nov 2013 10:42    Oggetto: Rispondi citando

Non ci siamo capiti: io sostengo che le lamentele non siano per le diverse
risoluzioni e dimensioni fisiche degli schermi ma per le diverse versioni
dell'ambiente in cui l'app gira. Samsung ha la sua distro di Android,
TouchWiz; HTC ha la sua "Sense", Motorola (h)a(veva) la sua MotoBlur ecc
senza dimenticare le ulteriori personalizzazioni dei cellofoni venduti dai
vari carriers! Ogni "distro" fa a gara con le concorrenti per introdurre
più bachi, funzioni astruse ed invasive ecc Ritengo che QUESTO sia il
problema. Aggiungici il fatto che lo sviluppo sotto Android è una moderna
edizione dello sviluppo sotto PalmOS/Symbian quanto a comodità e bloat di
codice necessario...

Android è un'ottima UI touch-only per schermi di dimensione da 3" a 10",
il resto è un aborto montato sopra GNU/Linux. A peggiorare ciò ci sono da
una parte i manager che voglio "differenziarsi dalla concorrenza" e ancora
dall'altra parte i vari scribacchia-codice estrosi che vedono concetti come
progetto, ragionamento ecc quali concetti del passato: "oggi si sviluppa
drag&dropp-ando features in un superIDE che fa tutto lui, tu fai solo
l'essenziale"; quale questo sia e quanto super-* sia l'IDE è meglio non
scriverlo sinché esisterà la legge contro la diffamazione...
Top
Profilo Invia messaggio privato
pentolino
Semidio
Semidio


Registrato: 04/09/08 13:53
Messaggi: 237

MessaggioInviato: 11 Nov 2013 10:57    Oggetto: Rispondi citando

@spacexplorer

Sono d'accordo, ma appunto limitavo la mia considerazione agli schermi; personalmente odio il bloatware che citi e per questo o prendo Nexus o installo una ROM priva di quelle porcherie.

Lo sviluppo drag and drop, soprattutto se corroborato dalla mitica frase "nessuna competenza di programmazione necessaria" è peggio delle epidemie di peste del medioevo
Top
Profilo Invia messaggio privato
{W3C_PDB}
Ospite





MessaggioInviato: 12 Nov 2013 03:32    Oggetto: Rispondi citando

@spacexplorer

ringrazio per la risposta, ma anzichè dire a me queste cose, perchè non hai letto link ?

Perchè non segui irc.freenode.net #replicant ?
Parleresti direttamente con lo sviluppatore
paulk-desktop (Paul) e con GNUtoo (Denis).
Inoltre ti rendo noto che ultimamente la Free Software Foundation, mi ha chiesto chi proporrei per l'award ed ho risposto Paul & Denis di Replicant,

Leggi gentilmente: link
così come gli sviluppatori di GNU/HURD
vedasi link
irc.freenode.net #hurd

Non ti ho mai incontrato in chat, ne su #replicant, ne su #fsf
Cerca un nick, impostalo e poi fammi sapere qui che nick userai e dove potrò raggiungerti.

Forse non hai capito che l'intento della Free Software Foundation link è quello di diffondere Software Libero e di lavorare solo su Software Libero ed è per questo che li appoggio in toto.
Dopo aver lavorato dal 1996 fino al 2008, con software NON libero, ed esser riuscito a levarmelo di torno, non posso che essere felice.
E se dal 2008 fino al 2010, continuo ad usare solo ed esclusivamente 100 per cento Software Libero, non è perchè sono sadico, ma perchè contano prime le libertà e poi il vero uso del software.
Al contrario il modello open source, se ne frega delle libertà, e mette in primo piano l'uso indiscriminato del software, indipendentemente dai termini di licenza .

Ciò è sbagliato per i seguenti motivi:
quando le persone hanno la Libertà ma non la riconoscono e non le danno valore il pericolo è che se la lascino scappare tra le mani ci sono così tanti possibilità di perdere la Libertà nella vita, che se non dai valore alla tua Libertà finirai col perderla. Richard Matthew Stallman (rms)

ti chiedo la gentilezza di leggere:
link
Oltre ad essere anche un discorso di Libertà è anche
un modo di esser partecipi allo sviluppo software, e come utenti, si ha modo di risparmiare e nemmeno poco sui costi di licenza dei vari programmi software NON libero. usando ovviamente solo ed esclusivamente Software Libero.
Una volta feci un conteggio che per avere un computer da non dover cambiare ogni 18 mesi, e dunque per avere qualcosa di altamente qualitativo, avrei dovuto spendere almeno 2500 Euro solo per un elaboratore, a scelta fra IBM e Sun Microsystems.
I costi di licenza, invece su architettura x86 e su windows, sono di diverse decine di migliaia di euro.
Una suite completa, che non ci sarà mai, così come i vari packages che ci sono in GNU/linux, non costerebbe meno di 15.000 Euro annui.

E' chiaro dunque perchè chi usa windows, è costretto a duplicare senza alcuna autorizzazione, software NON libero.
Come potrebbe un padre di famiglia, con figli da mandare all'università, e magari un operai che guadagna poco meno di 15.000 euro, a mantenere uno stile di vita, così alto solo per consentire ai figli di usare del software NON libero, dato in locazione, e di proprietà di poche corporazioni ?
Va da se, che questo modello, è altamente fallimentare, e se questo la gente non lo capisce o non vuol capirlo, non c'è nulla da fare.

Quando sento commenti su un determinato software, che risulta essere Software Libero, e sento dire, ma non fa questa determinata cosa, chiedo sempre e hanno contattato gli sviluppatori nelle Mailing List, sui Forums, o se li hanno contattati in IRC
Internet Relay Chat.
Il più delle volte, si apprende, che il problema è risolvibile, basta chiedere.
E se poi non fosse possibile, intanto solo perchè è Software Libero e perchè è rilasciato secondo i termini della GNU General Public License, se uno è capace, può modificare il codice sorgente, adattarlo alla situazione specifica e rilasciare i sorgenti.

Se uno non è capace, può chiedere a qualcuno di iniziare a fare delle modifiche sul software, che gli consentano di svolgere una determinata cosa, ed il bello è che c'è gente che lo fa, basta che venga pagata x ore uomo macchina, e questi sviluppatori, quando avranno finito, dovranno poi rilasciare il codice sorgente, che una volta ridistribuito, consentirà a diverse persone, di poter fare, ciò che non potevano fare prima.

Dunque non credo in un modello capitalistico, consumistico, che sfrutta la gente, spremendola come limoni, per approfittarsi di essi, solo per avere il loro denaro, senza dar loro, alcuna conoscenza di alcun genere.

Il Drag & Drop non sono certo di proprietà di microsoft o di apple computer cupertino.inc, ma della Xerox, che non sapeva nemmeno che farsene di di un ambiente grafico.

Tutti gli utenti che usano X, su mac os, pagano DAZIO a XEROX.

Invito a leggere:
link

Almeno per quel che riguarda il sottoscritto, a me piace imparare, e non rimanere un perfetto pigia tasti, senza alcuna conoscenza informatica e dunque l'unica possibilità che avevo era quella di lasciare sia windows che mac os x, per passare a GNU/linux.

Mi hai ricordato il caso di un ragazzo, il cui docente voleva che comprasse windows ed access, il peggior DB, che possa esser mai stato sviluppato, per fare un esame.
Il ragazzo fece presente che non aveva sul suo computer windows e tantomeno access, e non aveva certo soldi da spendere per comprare le licenze.
Alla fine l'ha spuntata il ragazzo, dopo tante insistenze, mentre i docente universitario, continuava a dire che GNU/linux e MySQL era roba da 3° Anno.
Questa è la vita di uno studente universitario, che oltre a lavorare per mantenersi agli studi, deve pure pagare i costi di licenza di windows e di access e se avesse fatto tutto senza le licenze, avrebbe avuto pure problemi legali, oltre a vedersi invalidato l'esame dal docente e magari denunciato alla microsoft per detenzione di software NON libero, senza averne gli originali.
Questa è la vita .

E mi vorreste dare ad intendere che un simile modello, di questa società, è un modello che possa esser preso ad esempio per la sua evoluzione e come modello per una base cooperativa ?
A me sembra che giorno dopo giorno, la società sia sempre più incentrata sull'individuo, e non sulla collettività.
Sarà una mia impressione, ma da quel poco che vedo, mi sembra di avere gli occhi fin troppo aperti, per capire che si sta andando sempre di più verso una involuzione della società.
Ciò gioca a favore solo di corporazioni e governi e non certo aiuterà la società a progredire, ognuno è padrone delle proprie azioni, ma aiutare il prossimo, è uno stile di vita, che consentirà a tutti di evolversi in meglio.
Un modello comportamentale, dove non c'è la benchè minima base cooperativa, non servirà certo a progredire, bensì a retrocedere.

un saluto,

Paolo Del Bene
Top
spacexplorer
Dio minore
Dio minore


Registrato: 08/10/09 10:22
Messaggi: 610

MessaggioInviato: 15 Nov 2013 15:55    Oggetto: Rispondi citando

@pentolino
hai ragione, ho omesso che a penso il discorso dell'articolo sia a tema
schermi perché l'utente medio non comprenderebbe altro, del resto questo
tipo di semplificazioni giornalistiche è decisamente "pericoloso"...

@{W3C_PDB}
Non sono interessato a Replicant perché non sono interessato ad Android.
Apprezzo la sua UI touch per un uso su mobile ma ritengo la sua base di
codice, open come closed, sbagliata a livello di design. Che sia open o
closed per me Android è destinato a far la (giusta) fine di PalmOS/Symbian
o BB. Sono OS costruiti come monoliti inevolvibili, non ha alcun senso
investire risorse per loro.

Ho provato sulla mia pelle il rischio di non essere totalmente liberi, mi
son bruciato con OpenSolaris, ma questo è servito, oggi lo zfs e dtrace
sono noti al mondo e liberi pur con alcuni problemi di licenza, altre cose
buone ma non così critiche sono scomparse (le zones, mdb, ...) idem in
passato con SGI Irix, oggi le OpenGL sono stradiffuse, l'XFS è un fs
GNU/Linux da tanti anni, l'STL dell'SGI una delle implementazioni più comode
è libera ecc. molte cose ottime sono sopravvissute, altre buone ma magari non
pronte o non evolvibili sono morte. Multics è decisamente superiore ad Unix
eppure è di fatto morto: chi usa Plan9 in produzione? Su quale ferro REALE
giura Hurd? Se portassimo avanti il subnotebook cinese di RMS Stallman non
avremmo più successo e porteremmo più libertà del kernel Hurd, saremmo
solo un gruppo di fanatici che porta avanti utopie. Al contrario sino a che
RMS Stallman terrà il suo subnotebook il mondo saprà che c'è una soluzione
ad un problema che in pochi anni esploderà al punto tale da non essere più
ignorabile.

Unix alle origini era solo l'OS più economico sulla piazza, molto indietro
per molti aspetti rispetto all'ITS, alle LispM, a Multics/Plan9 ecc molti
dei problemi che loro avevan risolto Unix (e GNU/Linux e OSX) li ha tutt'ora
eppure grazie all'evoluzione oggi GNU/Linux è lo *nix più evoluto in
circolazione ed è di gran lunga il sistema più evoluto e completo al mondo.
Non ha vinto il migliore, ha vinto il più evolvibile.

Domani, anche grazie alla FSF ed anche grazie all'insostenibilità tecnica di
altri modelli, avremmo una maggior libertà ma non certo "purificando" il sw
closed. Semplicemente SUPERANDO I SUOI LIMITI. Replicant non è un Android
migliore, è un "fork" di AOSP in uno stato penoso che di fatto non potrà
superare Android ed Android stesso è destinato a morire per il suo design,
in buona compagnia con iOS e tanti altri. GNU/Linux oggi è l'OS più diffuso
al mondo poiché ha superato tecnicamente la concorrenza, è il più usato lato
server perché chi gestisce un server è un tecnico vuole strumenti comodi,
flessibili, ecc e con le brochure colorate non tiene in piedi un servizio;
è il più usato nella telefonia mobile perché è il più flessibile, noto e
moderno per farci sopra quel che si vuole, è uno dei re per il networking
dalle soluzioni carrier grade open-platform ai router domestici per le
stesse ragioni, stà iniziando a espandersi sul desktop perché finalmente ha
un desktop pronto, grazie a Gnome, grazie a Unity, NON GRAZIE a Gnome Shell
e non grazie ai vari fanatici di una parte ("usiamo tutti TWM") e dell'altra
("ci vuole un modello aziendale come SuSe").

Oggi il paradigma di Unix non è più implementato realmente poiché le varie
evoluzioni necessarie non son state portate negli OS, poiché questi non sono
più in grado di implementarle direttamente. Oggi abbiamo bisogno di un nuovo
unix che implementi lo stesso paradigma del 1971, solo aggiornato alle
tecnologie attuali. Il C non è più un linguaggio di alto livello, comodo
portabile, con una ricca libreria standard. Il C++ è stato un tentativo di
farlo evolvere che s'è rivelato fallimentare. Il Java ha tentato una
rivoluzione che oggi è più che mai necessaria e che il mercato non ha voluto
comprendere: Java doveva essere la base di un OS (la VM) portabile sulle più
svariate architetture, con una ricca libreria standard *facile da estendere*
(l'uso dei nomi di dominio nei package è un'ottima e semplice soluzione) e
con un sistema di distribuzione "degli algoritmi" (ovvero delle applicazioni)
che supera di parecchio il concetto di package ed il relativo package
management. I singoli files si impacchettano in semplici tarball (un .jar è
un semplice archivio zip) e si distribuiscono via rete (es. jnlp) restano
cach-ati in locale e le dipendenze son risolte in automatico, ci sono già
di base un pacco di API per il computing distribuito ecc. Java è stato ucciso
ed oggi non è più evolvibile. Pezzi della sua idea son stati presi e portati
avanti da altri; Go (Google) ha ripreso molti aspetti, i packages non sono
più .class ma semplici sorgenti compilati al volo, go get-ati via rete, i
vari C[PT]AN han implementato più o meno lo stesso concetto; python ha risolto
il problema di una sintassi "antica", meno comoda per le esigenze e le teste
odierne. Lo zfs ha aperto la strada al superamento del concetto di filesystem,
l'esplosione dei concetti di serializzazione e persistenza, dei vari SCM ha
avvicinato il concetto di codice/API/framework al concetto di OS/Filesystem.
Questa è evoluzione. Su questo si devono IMO investire risorse.

Ovviamente serve anche la parte legal-politico-economica. Non è meno
importante ma non è neppure PIÙ importante. Il primato della politica, della
teoria economica sulla tecnica è la chiave che fa crollare non solo il
modello closed-source ma l'intero modello economico anglosassone ed in genere
occidentale. È a mio avviso ASSOLUTAMENTE SBAGLIATO giocare ad inseguire "il
leader" quando si sa che questo è un treno in corsa verso un burrone. Non è
Google od Oracle il nemico, è il treno in corsa verso il burrone ed il binario
è l'ignoranza. L'ignoranza e la presunzione di quei manager che pensano di
poter gestire tutto allo stesso modo IGNORANDO la tecnica, che pensano di
aver realizzato tutto il realizzabile e che ora si possa solo migliorare
l'esistente perché non c'è più nulla di nuovo da costruire. Quella si
combatte semplicemente colla cultura e la tecnica.

Oggi la FSF coi suoi ideali, lo sviluppo del software open, l'inevitabile
crisi d'un modello di sviluppo non evolutivo arrivato al suo limite, la
conseguente impossibilità tecnica di andare avanti faranno emergere altre
soluzioni. Queste nel medio-lungo periodo o saranno open o torneremo alla
clava. Non ho alcun interesse a vedere una smartTV opensource oggi, so già
che se il suo produttore non sceglierà questo percorso o ne troverà un altro
che non riesco TECNICAMENTE ad immaginare o fallirà.

Per questo non mi trovi sui social network (ho provato G+ ma non lo uso se
non di rado per gli Hangouts che sono una soluzione di conferenza subito
pronta per cose non importanti) per questo partecipo ben poco ai forum e
per questo non mi trovi in chat perché non mi piaccio, usenet mi piace,
i forum assai di meno, le chat IMO sono un abominio. Han senso giusto a
livello di ufficio locale che mandare *un messaggio* veloce tipo "posso
disturbarti un attimo?" prima di chiamare al telefono o far un giro di
persona. Oggi le tecnologie e la banda sono sufficienti per comunicare molto
più comodamente in tempo reale che non in moderne edizioni dei vecchi
telegrafi sotto steroidi...

Spero di aver reso la mia idea e mi scuso del lungo post.

Kim Allamandola
Top
Profilo Invia messaggio privato
Zeus News
Ospite





MessaggioInviato: 16 Nov 2013 12:30    Oggetto: Rispondi

Android, un sistema frammentato. Troppi schermi, un incubo per gli sviluppatori.
Top
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Tablet e smartphone Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2
Pagina 2 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi