Indice del forum Olimpo Informatico
I Forum di Zeus News
Leggi la newsletter gratuita - Attiva il Menu compatto
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

facebook
    Newsletter RSS Facebook Twitter Contatti Ricerca
Un parco marino per sfruttare moto ondoso, maree e correnti
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze e nuove tecnologie
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Zeus News
Ospite





MessaggioInviato: 18 Feb 2012 20:00    Oggetto: Un parco marino per sfruttare moto ondoso, maree e correnti Rispondi citando

Commenti all'articolo Un parco marino per sfruttare moto ondoso, maree e correnti
Con una potenza di 27 GWatt per generare energia pulita dalle onde del mare.


Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita.
Top
mda
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/11/06 10:39
Messaggi: 6484
Residenza: Figonia

MessaggioInviato: 20 Feb 2012 06:04    Oggetto: Rispondi citando

Non esiste nessun pericolo per l'ambiente e la fauna marina con questi dispositivi. Neanche nella più remota possibilità.

Anzi nelle sperimentazioni queste strutture hanno incrementato la fauna e migliorato l'ambiente in generale dato che diventano isole sfruttate proprio dalla natura. Alcune di queste strutture "energia dalle onde" sono integrate con preesistenti e quindi addirittura invisibili.

Altre limitano o eliminano il fatto degli sconsiderati che corrono con motorscooter e barche in vicinanza della costa. Ricordiamoci delle numerose morti e feriti per questo.

Altre hanno addirittura un duplice scopo. Esempio boe o frangiflutti, ecc..

Allora perchè? Molti sono sconsiderati che urlano alla prima opera ma molti sono falsi ambientalisti che premono per un "pizzo" dopo il quale lasciano procedere le cose. Un fatto che prima o poi la Magistratura dovrebbe occuparsene anche se è difficilissimo dimostrarlo.

Comunque i (qui panoramica d'usi) migliori sono gli italiani con questi progetti: GIANT e WEM sperimentati nella bella Venezia.


Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM
Gregoriorosso
Eroe
Eroe


Registrato: 14/09/11 11:28
Messaggi: 41

MessaggioInviato: 20 Feb 2012 12:21    Oggetto: energia da moto ondoso, maree e correnti Rispondi citando

sono favorevole a queste sperimentazioni
possono essere virtuose là dove è necessario realizzare comunque altre opere in mare = protezione della costa e molte altre.
(virtuose = incremento di occupazione, sviluppo tecnologico, protezione ambientale etc x euro in più speso dalla comunità)
difficilmente virtuose se costruite solo per l' energia: solo pochi siti hanno correnti decenti (es stretto di Messina), le nostre maree sono basse etc
costano cari impianti, operazione e manutenzione, collegamento alla rete, adeguamento della rete a fornitura intermittente.
ritengo importante oltre allo sviluppo tecnologico, lo sviluppo di sinergie con altre opere es. strutture portuali, maricultura, eolico offshore, etc. Inventare forme consortili per compensare la bassa produttività specifica, distribuendo tra operatori diversi i costi di strutture, sudi di impatto, personale per l'operazione-manutenzione etc. = necessaria azione collettiva locale
Top
Profilo Invia messaggio privato
mda
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/11/06 10:39
Messaggi: 6484
Residenza: Figonia

MessaggioInviato: 20 Feb 2012 13:04    Oggetto: Rispondi citando

Anch'io pensavo questo. Ma i dati dimostrano il contrario. Semmai per produrre energia per mq occorre troppa occupazione maggiore del FV. Ma oltre l'alta resa (leggere i link dei report) è sempre possibile un secondo uso.

Quelle proposte sono per le onde e non per le maree (il mio preferito è il GIANT) anche se potrebbero essere usate le maree non devono essere enormi (dunque un bene per noi) per questi impianti.

Poi in Italia abbiamo correnti marine di fortissima intensità (non devono essere esagerate perchè non funzionerebbe) e soprattutto molto costanti.

Basti pensare che con il solo stretto di Messina abbiamo 538 GWh sfruttabili con un solo fermo di un ora su 4 (cambia direzione) facilmente eliminabile grazie ad volani o altro stoccaggio. Qualcuno calcolò 10'000GWh (10TWh) sfruttabili attorno all'Italia.

Ma mancano gli incentivi e qui in Italia si ferma tutto vista l'enorme burocrazia e le lobby contrarie dell'energia fossile/atomica.

Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM
Stx
Dio minore
Dio minore


Registrato: 07/07/08 14:38
Messaggi: 730
Residenza: In coda sulla Tangenziale Est

MessaggioInviato: 20 Feb 2012 16:14    Oggetto: Rispondi citando

mda ha scritto:
Basti pensare che con il solo stretto di Messina abbiamo 538 GWh sfruttabili con un solo fermo di un ora su 4 (cambia direzione) facilmente eliminabile grazie ad volani o altro stoccaggio. Qualcuno calcolò 10'000GWh (10TWh) sfruttabili attorno all'Italia.


Per una volta tanto sull'energetico, TI QUOTO!! Sono convinto che questa -delle onde e/o delle maree- sia una vera rinnovabile e non un'ecobufala come il fottovoltaico.

Concordo anche sul fatto che in Italia e' piu' facile che lo struzzo alieno di Udine ( link.) ci regali la fusione fredda che si riesca a installare un impianto del genere. Nello stretto poi non se ne parla proprio perche' disturberebbe la costruzione del ponte.. Krueger
Top
Profilo Invia messaggio privato
mda
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/11/06 10:39
Messaggi: 6484
Residenza: Figonia

MessaggioInviato: 20 Feb 2012 17:31    Oggetto: Rispondi citando

Lo sai come la penso sul fotovoltaico. Spero che questo link PDF ti faccia cambiare idea.

Ma rendo merito per quanto la bufala "udinese" e della Fusione Fredda (magari è una curiosità scientifica ma non una risorsa energetica per un'altro secolo) e di un ponte enorme che oltre che inutile e (PDF) dispendioso (costerà di più che regalare i traghetti per 50anni) finirà giù dopo qualche anno appena vista la geologia del luogo e del vento, ma tanto, oramai "l'architetto" si è già dato alla macchia.
Laughing

Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM
mda
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/11/06 10:39
Messaggi: 6484
Residenza: Figonia

MessaggioInviato: 20 Feb 2012 17:57    Oggetto: Rispondi citando

Mi ricordavo male "Deceased on 16 March 2005"
Rolling Eyes
Quindi il progettista si è dato alla macchia eterna prima dell'appalto del ponte.
--

Ritornando al discorso il ponte non avrebbe piloni in mare e quindi non disturberebbe le attrezzature in mare.

Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM
Stx
Dio minore
Dio minore


Registrato: 07/07/08 14:38
Messaggi: 730
Residenza: In coda sulla Tangenziale Est

MessaggioInviato: 20 Feb 2012 18:27    Oggetto: Rispondi citando

mda ha scritto:
Lo sai come la penso sul fotovoltaico. Spero che questo link PDF ti faccia cambiare idea.


Il pdf e' relativo alle rinnovabili in genere, non al fotovoltaico. Cmq ne abbiamo gia' parlato tanto, per una volta che concordiamo non polemizziamo! Wink

La citazione del ponte era ironica, il ponte sullo stretto mi e' sempre parso un enorme magna-magna per tutti senza alcun senso economico (al pari delle olimpiadi di Roma del 2020).. 2 man down
Ho trovato l'icona del bevi-bevi.. va bene lo stesso?
Top
Profilo Invia messaggio privato
mda
Dio maturo
Dio maturo


Registrato: 01/11/06 10:39
Messaggi: 6484
Residenza: Figonia

MessaggioInviato: 20 Feb 2012 18:56    Oggetto: Rispondi citando

Il mio non era polemico ma proselitismo Laughing non funzionante. Va bé, pazienza.

---------

Giusto! Dopo il magna-magna ci vuole il bevi-bevi ok!

Laughing

Ciao
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage AIM
Gregoriorosso
Eroe
Eroe


Registrato: 14/09/11 11:28
Messaggi: 41

MessaggioInviato: 21 Feb 2012 10:04    Oggetto: Rispondi

piacevole scambio di battute tra mda e Stx, ma per me la pausa è finita. Il pdf citato è un elenco di temi importanti con accanto vignette scadente. Il ponte sullo stretto non si fa, quindi è inutile parlarne. Tuttavia non mi sembra che quello di utilizzare tutta la potenzialità della corrente nello stretto sia un progetto più realistico del progetto del ponte, ed esente dai rischi di diversione di risorse pubbliche e distruzione di beni comuni di cui il progetto del ponte è un esempio.
A parte: suppongo che i 538 GWh citati da mda siano l'energia che si produrrebbe in un anno utilizzando al meglio le correnti dello stretto = quanto produce in 30 giorni una turbogas da 600 MW. Non male per una rinnovabile. Ma c'è un solo stretto.
Raccomando azioni collettive locali, per sostenere piccoli progetti per una filiera nazionale (un pontile nuovo o da rinnovare, l'installazione di gabbie per maricoltura e via dicendo) - e sperimentare seriamente - come fece l' UK per il proprio mare. invece che buttare soldi per un fotovoltaico neandertaliano.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scienze e nuove tecnologie Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi